LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cenacolo-Brera, coppia storica. Leonardo esce dallisolamento
Stefania Chiale
Corriere della Sera - Milano 27/8/2019

LUltima Cena assorbita dalla Pinacoteca
Daffra: sinergia vincente, ora lotta ai bagarini
Ma temo i tagli ai fondi per i poli lombardi

Direttrice, se lo aspettava?

È stata una sorpresa per tutti. Come storico dellarte che ha lavorato tanto tempo alla Pinacoteca, sono contenta per Brera. In qualche modo laccoppiata è storica.

Emanuela Daffra, direttrice del Polo museale della Lombardia, non può che giudicare laccorpamento, previsto dalla riforma Bonisoli, del Cenacolo vinciano (finora sotto il suo controllo) alla Pinacoteca di Brera sotto due vesti diverse.

Partiamo da quella di storico dellarte.

Cè una radice profonda in tutto questo. Il Cenacolo è diventato museo affidato allo Stato grazie a Ettore Modigliani, direttore di Brera dal 1908 al 1937. Il grande restauro del dopoguerra è stato voluto da Fernanda Wittgens, anche lei direttrice di Brera dal 1940 al 1957. Lultimo restauro è stato è stato voluto da Carlo Bertelli e concluso da Pietro Petraroia e Pietro Marani, sempre di Brera. A fine Anni 90, quando si cominciava a ragionare sulle autonomie dei musei, il compianto Sovrintendente Bruno Contardi avrebbe voluto che Brera e Cenacolo rappresentassero insieme il polo museale milanese.

Quali le opportunità?

Se gestito bene con attenzione alla sinergia di due luoghi molto diversi e con un progetto culturale forte laccorpamento farà bene a entrambi. Il Cenacolo dà alla Pinacoteca il grande assente nelle sue opere. Lunione a Brera toglie il Cenacolo dal suo isolamento da icona di feticcio turistico e gli dà un contesto: vedere lUltima Cena e poi le sale di Brera restituirebbe al capolavoro di Leonardo uno spessore storico che rischia di sfuggire.

Rimettiamo le vesti da direttrice del Polo.

Mi dispiace molto. In termini economici intanto. Da quando esiste il Polo (2015), si è istituita una sorta di sussidiarietà orizzontale tra musei: quelli che guadagnavano di più sostenevano una gestione efficiente di quelli più piccoli, che sono stati restaurati e messi in sicurezza. Ma anche in termini di riconoscibilità e attenzione. Per il 2020 volevamo istituire un percorso a premi: 12 musei in 12 mesi. Visitando gli 11 musei sparsi in Lombardia, si vinceva il biglietto per il Cenacolo.

Cosa ne sarà?

Magari lo si farà con un accordo con Brera. I modi di collaborazioni si trovano.

Lei è stata anche vicedirettrice della Pinacoteca. Funzionerà il polo Brera, Cenacolo, Palazzo Citterio?

Moltissimo dipende dalle persone che potranno lavorare a un progetto culturale che per forza di cose dovrà cambiare e diventare più esteso.

Oltre agli accorpamenti, la riforma Bonisoli toglie autonomia ai musei, che si vedono azzerare i cda e tornano sotto competenza decisionale del ministero.

La riforma in parte torna ai poli museali cittadini che cerano prima della riforma Franceschini. Per quanto riguarda lautonomia, anche quella garantita dalla riforma precedente era parziale: il direttore non aveva possibilità di assumere personale. Ma lelemento su cui bisognerebbe concentrarsi è un altro.

Quale?

Il punto non è accorpamento sì o no. Lobiettivo deve essere preservare una delle caratteristiche del patrimonio italiano: la sua ricchezza e articolazione sul territorio. Sullefficacia in questa direzione andranno valutati gli esiti degli accorpamenti.

Ci sono progetti aperti per il Cenacolo?

Sì. Su tutti, quello di concludere lanno leonardesco rinnovando lilluminazione del refettorio. Consegno tutto nelle mani del direttore Bradburne: sarà lui a decidere.

Di cosha bisogno il Cenacolo?

La lotta al bagarinaggio e il lavoro sul percorso che conduce il visitatore al refettorio: che diventi in modo strutturale un momento dinformazione per anticipare lincontro con lopera di Leonardo.

Con la riforma, i poli museali diventano distretti museali: cosa significa?

Il Polo della Lombardia sarà accorpato a quello del Veneto. Lelemento cruciale è ancora una volta quello del personale: poter continuare a tenere saldamente i rapporti col territorio significa avere archeologi, architetti, storici dellarte, amministrativi competenti in numero adeguato. Uno degli impegni presi dal ministero era provvedere anche a rimpinguare le fila sempre più esangui di queste professionalità.

Linstabilità politica non aiuta di certo...

Lo rende più lento e più incerto. Ed è un peccato perché il lavoro nella cultura ha bisogno di continuità. La riforma Franceschini del 2014 è stata radicale, questa non lo è di meno.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news