LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quel Leonardo (allora incerto) rifiutato
Fabio Paravisi
Corriere della Sera - Bergamo 27/8/2019

Un dipinto del genio trattato da Lorenzelli. Ma lacquirente disse: prezzo troppo alto

Unopera di Leonardo da Vinci sarebbe potuta entrare in una collezione privata di Bergamo. Era la Ginevra de Benci che negli anni 50 era stata affidata per la vendita allantiquario Bruno Lorenzelli. Il possibile cliente giudicò però il prezzo troppo alto per unopera dallattribuzione allepoca ancora incerta. Il quadro venne infine venduto al museo di Washington dove si trova tuttora.

Lo sguardo diafano e un po' malinconico osserva da mezzo secolo i visitatori da una parete a due chilometri dalla Casa Bianca. Uno sguardo che, con un po più di denaro e di coraggio, avrebbe invece potuto scorgere, da una finestra, le Mura di Città Alta. Gli occhi chiari sono quelli di Ginevra de Benci, giovane donna toscana ritratta da Leonardo da Vinci tra il 1474 e il 1478 su una tavola di 37 centimetri per 38. Lacquisizione dellopera da parte della National gallery of art di Washington è stata più volte raccontata da curatori e mercanti darte americani, ma solo ora (grazie al docente universitario Enrico Maria Dal Pozzolo, che ne ha scritto su Repubblica) si scopre che il primo approdo dellopera era stato proprio Bergamo.

Fine anni Cinquanta: nella vivacità del Dopoguerra cè un vorticoso mercato di antichi dipinti. Che a Bergamo ha un capolinea nei negozi di antiquario di Bruno Lorenzelli, in piazzetta San Marco e in via San Michele. La sua reputazione è tale che quando il principe Francesco Giuseppe II del Liechtenstein decide di vendere alcuni pezzi della sua collezione si rivolge a lui. Ginevra de Benci arriva così a Bergamo. Lattribuzione è ancora incerta: si fa con insistenza il nome di Leonardo da Vinci, ma cè chi indica il suo maestro Verrocchio o qualcuno della sua scuola.

Lantiquario lo offre in vendita al suo medico, un giovane dottore che sta creando unimportante collezione darte.

Il professionista si trova tra le mani lopera, ne resta incantato, si informa sullattribuzione e lantiquario gli spiega le incertezze degli esperti, anche se si dice convinto che infine sarà proprio il nome di Leonardo a finire sulla targhetta sotto lopera. Il prezzo richiesto è principesco come il suo proprietario: 65 milioni di lire, che equivalgono a un milione e mezzo di euro attuali. Troppo per il medico, che per trovare quel denaro dovrebbe vendere delle azioni lasciategli dal padre. Dopo giorni di incertezza e notti di tormento, rifiuta.

Lorenzelli bussa allora alla porta di un altro importante collezionista di Bergamo, che per le stesse ragioni di costi e di attribuzione decide di rifiutare lacquisto. Il quadro ritorna quindi al palazzo di Vaduz, da cui infine ripartirà per Washington nel 1967 dopo due anni di trattative e il pagamento di una cifra record per lepoca: 5 milioni di dollari (35 milioni di euro).

Lepisodio è rimasto leggendario nella famiglia dellantiquario. Il medico ne ha sempre parlato con rimpianto e ha dato il permesso di parlarne in pubblico solo dopo la sua morte. Bergamo da questo punto di vista è una città straordinaria e misteriosa spiega il professor Dal Pozzolo, docente di Storia Moderna a Verona . È una città relativamente piccola ma molto ricca. Negli anni si sono così create numerose collezioni di altissima qualità, con un gusto molto preciso, nate anche grazie alla presenza di un museo di livello mondiale come la Carrara. Collezioni che però vengono tenute segrete a chiunque non sia un familiare. Sono state create con un intento molto lontano da quello dello status symbol e vengono tenute segrete per questioni di privacy e di sicurezza, ma anche di mentalità. Ne ho viste alcune, ma di altre non si sa niente. E quella di una famiglia molto importante non so nemmeno più se sia ancora in Italia.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news