LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lecce. Quanta paura del vuoto. Ai musei servono idee e progetti
Mauro Sàito
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 28/8/2019

Il Museo Castromediano quasi-vuoto ha spaventato tutti. Al di là dell’errore di comunicazione rispetto ai tempi reali di riallestimento degli spazi espositivi, il colorito confronto sul tema ha il pregio di riaprire il dibattito sul futuro degli antichi presìdi culturali dell’identità locale che una volta si chiamavano Musei.

La paura del «vuoto», ricercato (in parte) dai responsabili culturali del rilancio del contenitore leccese, ha svelato la fragilità della visione contemporanea dei Musei come luoghi di conoscenza e di consapevolezza dell’enorme patrimonio archeologico, storico e artistico di cui l’Italia dispone. Re-inventare l’identità storica del Mediterraneo (perché da questo mare la Puglia trae origini e nutrimento) al fine di rilanciare la continuità di fruizione-produzione del patrimonio culturale è l’unica ricetta per la sopravvivenza di senso dello stesso materiale in cui siamo immersi.

Fernand Braudel diceva: «essere stati è una condizione per essere». Per continuare ad essere occorre narrare l’identità dei luoghi nel corso del tempo, aggiornando la storia tramite una lettura glocal. Non è sufficiente riordinare il materiale di un museo, tradurre in inglese le didascalie ed aggiungere un video educational per rimettere al centro dell’interesse contemporaneo - di cittadini e turisti - questi luoghi potenzialmente unici.

I Musei-luoghi hanno in sé un magnetismo che va liberato. L’accumulo di reperti e significati archeostorici va inserito in un sistema spaziale centrifugo che investa il territorio circostante fino al Mediterraneo, ed oltre, da dove sono pervenuti. Intorno a questi poli c’è abbastanza spazio fisico (e virtuale) per tessere un’innovativa trama facendosi guidare «verso il futuro», ad esempio, da personaggi storici come... Annibale, Virgilio, Federico, Al Idrisi, Valentino, Modugno ecc.

Chi è in grado di farsi carico di questa re-interpretazione? In Puglia, questo esperimento è riuscito, finora, solo a Siponto. Qui, l’artista Tresoldi ha trasformato le rovine della basilica di Santa Maria Maggiore in un nuovo testo parlante che è diventato un iperluogo attraente, cioè la seconda meta turistica regionale dopo Castel del Monte!

Archeologia ed Arte, Architettura e Storia, Arte e Paesaggio, sono binomi che garantiscono nuove interpretazioni progettuali che possono inserire enzimi di creatività nell’auspicabile recupero di musei chiusi, aree archeologiche neglette, cave di pietra abbandonate, impianti molitori obsoleti, infrastrutture incomplete. Il Piano paesaggistico pugliese invita alla conservazione e alla rigenerazione urbana e territoriale del paesaggio regionale. Le norme di tutela ambientale non consentono di realizzare in luoghi sensibili ex novo, «interventi eccezionali» analoghi a beni storici ritenuti non replicabili. È giusto e prudente il testo legislativo, ma indica la mancanza di fiducia che distingue la nostra epoca nei confronti del progetto contemporaneo nei settori dell’architettura e dell’arte, con l’eccezione di un’ipotetica reversibilità degli interventi site-specific.

Il risultato di questo «nichilismo burocratico» è che «rischiare» riletture dell’identità storica è difficile. In quest’epoca, avendo i nostri padri violato il paesaggio storico, come portatori di questa colpa atavica, non ci è consentito altro che conservare. Ci spaventa il futuro. Ritenendo le nostre istituzioni di non avere più idonei mezzi culturali per innovare l’identità, ci attestiamo sulla tradizione, ci accontentiamo di fare recuperi, rattoppi, preferiamo il kitsch all’innovazione. Emanuele Severino, sul tema dell’identità occidentale a rischio, ci ammonisce sulla fine del Mito e ci esorta a diffidare del Nichilismo e ad avere fiducia nel Logos.

La discussione sul «quasi-vuoto» del Castromediano sarà utile solo se i nostri Musei riusciranno a trasformarsi in attraenti «Piazze» contemporanee, luoghi polifonici, attrezzati per incontrarsi e ri-conoscere, senza paura, il grande passato del Mediterraneo proiettato verso una progettualità futura, libera e senza vincoli, di cui abbiamo un’evidente necessità.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news