LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

81 minuti per depredare il museo di Boston. I più clamorosi furti di opere d'arte della storia
Carlotta Venegoni
Giornale dell'arte, agosto, n. 399

Nel suo 'Capolavori rubati' Luca Nannipieri propone una storia parallela, allopposto di quelle più comunemente pubblicate su storici dellarte, archeologi, restauratori e fotografi che, con il loro impegno, salvano e promuovono larte. La sua è la presentazione di alcuni dei più clamorosi furti di opere così magnetiche da motivare la bramosa avidità di possesso.

Nannipieri suddivide il volume in capitoli dedicati alla narrazione dei fatti, alle motivazioni e agli esiti delle rapine, arricchendo le pagine di informazioni storico artistiche e bibliografiche. I furti, di per sé, sono solo una parte delle vicissitudini legate a una criminalità spietata: si incontrano trafficanti di cocaina, ladri travestiti da turisti e agenti di polizia, rapine a mano armata.

Diverse vicende si snodano attorno a confessioni di tombaroli, vittime che diventano colpevoli, false testimonianze, ma anche analisi scientifiche, intercettazioni telefoniche, pedinamenti al limite del surreale. Non esistono luoghi franchi. I furti hanno interessato piccole realtà private, con scarsi sistemi di sicurezza, e grandi musei: tutti in realtà indifesi.

Tuttaltro impreparati, invece, i committenti dei crimini e gli abili esecutori. Un esempio allIsabella Stewart Gardner Museum di Boston: il 18 marzo 1990 bastarono due ladri e 81 minuti per rubare 13 opere darte, di Rembrandt, Vermeer e Degas, tra gli altri,del valore di cinquecento milioni di dollari. Emerge una costante considerazione, ovvero che molte delle opere trafugate sono divenute celebri soltanto dopo il loro furto.

Sono i casi della Natività di Caravaggio di Palermo, rubata nella notte del 17 ottobre 1969 probabilmenete su commissione delle mafia, oggi tra le 10 opere più ricercate al mondo, oppure dellUrlo di Munch, sparito dal Munch Museet di Oslo nel 2004, o del Ritratto di Signora di Klimt, sottratto nel 1997 dalla Galleria Ricci Oddi di Piacenza. Il mito planetario della Gioconda di Leonardo è nato in seguito al furto del 1911, quando migliaia di persone si recarono al Louvre per osservare lo spazio lasciato vuoto dal dipinto scomparso.

Proprio il Louvre, tuttavia, che oggi è considerato entità iconica della memoria totale passa, nel capitolo dedicato alle controversie storiche, da vittima a esemplare espressione delle depredazioni per volere di Napoleone. E sul problema delle razzie, Nannipieri giunge a quella nazista, interrogandosi sul dove dovrebbero essere conservate oggi alcune opere rubate e sulleffetto paradossalmente positivo che queste depredazioni hanno avuto verso un movimento di tutela e preservazione del patrimonio artistico.

Capolavori rubati, di Luca Nannipieri, 173 pp., 16 tav. col., Skira, Milano 2019, 19,00

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/81-minuti-per-depredare-il-museo-di-boston/131641.html


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news