LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Da San Martino a Palazzo Reale, i giardini dell'arte nell'abbandono
di PAOLO POPOLI
LA REPUBBLICA 28 agosto 2019



Da San Martino a Palazzo Reale, i giardini dell'arte nell'abbandono

Erba secca, prati non tagliati, fogliame abbandonato: il verde dei molti siti e monumenti in città è senza manutenzione

I giardini dell'arte sono senza cura. È un'immagine paradossale quella che si vede a Palazzo Reale, San Martino e Villa Pignatelli in questo scorcio di agosto: da un lato la magnificenza e il decoro dei musei, dall'altro lo stato di degrado e di abbandono delle aiuole e degli alberi secolari. Manca la manutenzione, non si riesce più a provvedere alla cura del verde: così i parchi storici diventano "giardini da incubo". Tanti i siti del Polo museale regionale in difficoltà, come il parco con le tombe di Virgilio e Leopardi, e quello della Floridiana, come documentato da Repubblica nei giorni scorsi. Anche qui, la situazione del verde è nera.

"Fino a due anni fa non era così. Le ditte esterne venivano regolarmente a curare l'orto e i chiostri a San Martino. Ma adesso mancano i fondi" dice un custode. In tutti i parchi si presentano le medesime e desolanti scene: erba secca e scolorita, rami caduti, ammassi di fogliame marcio, prati non rasanti e ormai alti. La cartolina di San Martino con l'orto rigoglioso è un ricordo lontano e nel viale non mancano rifiuti abbandonati qua e là. Al parco di Virgilio, dove l'area antistante alla Crypta neapolitana è transennata, la vegetazione incolta invade le scale che portano al sepolcro del poeta. E poi c'è una vasca, nei pressi dei gelsi, senza acqua e con un telone verde pieno di foglie.

Villa Pignatelli conserva invece il colore verde del prato. Ma la direttrice Rosanna Naclerio, subentrata a Denise Pagano in pensione da un mese, ammette: "È la nostra nota dolente: l'ultima rasatura del prato si è potuta fare più di un mese fa grazie alla produzione della fiction Il commissario Ricciardi che si è fatta carico della spesa". Gli eventi privati sono sfruttati dal museo per ridare decoro al parco, molto frequentato dai napoletani e per il quale si paga un ingresso di due euro. Ma con l'incuria del verde, proliferano le zanzare.

A Palazzo Reale ci sono aree dei giardini interdette per lavori, un degrado vario e gruppi di rami non raccolti nelle aiuole dissestate. Qui, incuriosisce la situazione di un'opera d'arte: "L'uomo in pietra" di Ilario Principe, un grosso masso bianco rettangolare, ritratto in posizione verticale nel cartello illustrativo, ma che nella realtà è adagiato in orizzontale e viene così sfruttato come panchina.

I turisti non mancano nelle sale di questi musei ed esprimono giudizi positivi, in testa per gli appartamenti e i giardini pensili di Palazzo Reale, per i chiostri e le sale di San Martino, e ancora per Villa Pignatelli, il Duca di Martina alla Floridiana e il parco di Virgilio, che registrano dati buoni in termini di presenze. Alla mancanza di fondi per la manutenzione del verde, si aggiunge la carenza di personale che nel periodo estivo ha determinato la chiusura anticipata alle 16 a San Martino, Villa Pignatelli al Duca di Martina, e alle 14 al sito virgiliano. Il deficit di custodi incide sugli orari e sulle aperture di alcune collezioni. A San Martino, in questi giorni sono in servizio cinque addetti più il personale Ales, impiegato però per la mostra "Vesuvio quotidiano, Vesuvio universale". Un avviso in biglietteria recita: "Se le condizioni di presenza lo consentiranno, saranno aperte al pubblico anche la sezione Presepe e il Chiostro del priore". Il gap si somma alla chiusura dei sotterranei gotici, della spezieria e della sezione teatrale.

A fronte di tante iniziative realizzate e di situazioni di eccellenza, la riduzione dei fondi e il mancato turn over del personale pesano sul Polo museale diretto da Anna Imponente e sui siti sotto la sua gestione. Palazzo Reale, San Martino e Villa Pignatelli vanno inoltre incontro ad avvicendamenti di direzione. Palazzo Reale e Villa Pignatelli sono guidati al momento da una direzione pro-tempore, mentre la direttrice di San Martino, Rita Pastorelli, andrà in pensione a breve.

Questo cambiamento avviene sullo sfondo della riforma del ministro Alberto Bonisoli appena approvata, un provvedimento che modifica l'assetto del sistema dei beni culturali in Italia e che trasforma i Poli regionali in Direzioni territoriali delle reti museali, per le quali sono però alla porta più fondi assieme a nuovo personale che dovrà essere assunto dopo il recente maxi-concorso del Mibac.

https://napoli.repubblica.it/cronaca/2019/08/28/news/da_san_martino_a_palazzo_reale_i_giardini_dell_arte_nell_abbandono-234489875/?ref=search


news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news