LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Appendino tiene l’Urbanistica. per ridisegnare la città
Giulia Ricci
Corriere della Sera - Torino 30/8/2019

Si occuperà di programmazione, un assessore di edilizia

Sarà Chiara Appendino l’assessore all’Urbanistica di Palazzo Civico. O almeno è questa l’ipotesi che la sindaca sta valutando, dopo averne parlato con i suoi più stretti collaboratori ed essersi confrontata con un membro della giunta negli scorsi giorni. L’idea è quella di mantenere in capo a se stessa la delega principale, quella che riguarda la programmazione, ma di «spalmare» su alcuni assessorati le altre competenze, come l’edilizia privata. In questo modo la prima cittadina potrebbe intestarsi la creazione del nuovo piano regolatore senza doversi occupare dell’apertura di nuovi supermercati o della riqualificazione di aree abbandonate.

I motivi di questa scelta sono due. Innanzitutto, la difficoltà per Appendino di trovare un sostituto del suo ex braccio destro Guido Montanari. È passato ormai quasi un mese e mezzo da quando l’assessore più vicino all’ala dura del Movimento 5 Stelle è stato cacciato dal Municipio, in seguito alle sue esternazioni sul Salone dell’Auto (che ha preso la strada per Milano). Difficile credere che la prima cittadina non avesse in mente un’alternativa, ma qualcuno deve essersi tirato indietro all’ultimo. D’altronde erano i giorni della crisi di maggioranza, in un Movimento che aveva perso parecchi punti percentuale. E così fuori da Palazzo Civico non si è mai formata la coda di professionisti che avessero voglia di legare il proprio destino a quello di un’amministrazione che terminerà il suo corso fra un anno e mezzo.

Ma, oltre ad un’oggettiva difficoltà nel trovare un nuovo assessore, il ritorno dalle vacanze ha aperto ad Appendino anche nuovi scenari. L’alleanza giallorossa e l’appoggio del premier Conte le hanno ridato forza e possibilità di andare avanti con la schiena dritta. Perché non tenere per sé una delega così importante? In questo modo la prima cittadina potrebbe portare avanti con i propri uffici la revisione del piano regolatore, il progetto che è sempre stato più a cuore a Montanari. Una revisione che significa anche rendere concreta la propria visione di città: tempi più rapidi per ogni trasformazione urbanistica da parte del pubblico e soprattutto del privato, ma anche maggiore aderenza alle idee dei pentastellati sulla sostenibilità ambientale, i trasporti, il verde, i servizi. E poi ci sono i rapporti con gli investitori, che Appendino ha sempre incontrato per ogni grande progetto: dalle caserme a Scalo Vallino fino alla rinascita di Porta Susa. Ma anche il dialogo con quelle associazioni di categoria che negli ultimi mesi — dalle Olimpiadi fino alla mozione No Tav — hanno voltato le spalle alla prima cittadina. E che ora reclamano a gran voce un nuovo assessore all’Urbanistica.

Sul piatto ci sono investimenti — in trasformazioni e riqualificazioni di aree della Città abbandonate — dal valore di oltre 700 milioni. E che ora, senza un interlocutore, languono o rischiano di andare in fumo, per trattative che avrebbero bisogno di essere portate avanti. Come l’ex Officine Grandi Motori, per le quali esiste un progetto da 60 milioni di euro di Esselunga per un magazzino e-commerce, negozi, residenza universitaria e area verde, ma dove manca l’approvazione di una variante urbanistica; l’ex Manifattura Tabacchi, che ha attirato l’interesse di Ream sgr; la nascita di un grande polo universitario a Torino Esposizioni. Ma anche la Cavallerizza, per la quale era prevista la firma di un protocollo con Cassa Depositi e Prestiti a settembre. L’elenco potrebbe andare avanti a lungo. E la Città scalpita, in attesa di una decisione definitiva della sindaca.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news