LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Schmidt: «Pronta la rivoluzione di Accademia e San Marco»
Giulio Gori
Corriere Fiorentino 30/8/2019

Il direttore degli Uffizi e la controriforma Bonisoli: «Centralismo? No, se i poteri dei Cda restano a me»

Il trattamento ricevuto da Cecilie Hollberg da parte del ministero dei Beni Culturali? «Da parte mia c’è la massima solidarietà umana». Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi, che grazie alla riforma Bonisoli hanno assorbito la Galleria dell’Accademia, commenta così la defenestrazione della collega. E sul perché non abbia sottoscritto la lettera firmata da dodici direttori dei principali musei italiani per manifestarle solidarietà, chiama in causa «l’aspetto istituzionale»: «Dato il fatto che noi, come Gallerie degli Uffizi, siamo coinvolti al cento per cento in questa decisione del governo, è chiaro che non sono nella posizione di firmare lettere».

Schmidt lascia capire che vorrebbe restare a Firenze, che non andrà a Vienna se il nuovo ministro lo confermerà alla guida degli Uffizi («Non dipende da me, ma dal ministro. La mia posizione è la stessa che ho manifestato alcune centinaia di volte»). Eppure appena sei giorni fa, al Financial Times aveva dato un giudizio severo della riforma Bonisoli, aggiungendo che «il mio tempo qui si sta esaurendo». A fargli cambiare idea potrebbe essere stata una novità, che lui stesso anticipa e che allontanerebbe i timori di accentramento nelle mani del governo: «Aspettiamo le circolari attuative, ma a quanto pare le funzioni del Cda non verranno trasferite a Roma, ma al contrario verranno messe sulle spalle dei direttori. Questo lavoro diventa di una responsabilità molto più elevata. Di questo però sono sereno».

Schmidt non sembra turbato neppure per il rafforzamento del ruolo dei comitati scientifici dei musei («È modificato poco rispetto a prima») e ora si limita a sollevare obiezioni su un unico aspetto della riforma, quello dei prestiti internazionali delle opere d’arte: «Negli anni ’80 c’erano grandi polemiche quando i prestiti internazionali furono gestiti dai politici — spiega — Serve un elenco delle opere non prestabili. I capolavori assoluti che abbiamo non devono essere spostati, tranne per motivi veramente importanti e in casi eccezionali, cioè magari una volta ogni cento anni. Ma forse nemmeno…». Col prossimo ministro dei beni culturali, chiunque sarà, Eike Schmidt spiega che «c’è punto molto importante da portare al tavolo sin da subito: la realizzazione dell’uscita degli Uffizi, l’uscita Maffei Isozaki».

Il direttore, pur nell’incertezza di questa fase politica e tra i tanti dubbi sull’applicazione della riforma, manifesta incrollabile ottimismo. E il principale motivo sembra essere la «riunificazione» delle Gallerie degli Uffizi con la Galleria dell’Accademia e il museo di San Marco, ora sotto la sua diretta responsabilità. Così, giura di stare lavorare «giorno e notte» con funzionari e tecnici per il piano di rilancio: «L’aria condizionata è solo una delle problematiche dell’Accademia — dice — Basta andare in via Ricasoli per accorgersene (Schmidt si riferisce alle lunghe code in strada, ndr). Abbiamo avuto problemi analoghi anche agli Uffizi, utilizzeremo gli stessi strumenti».

Quanto a San Marco «è uno dei musei più importanti al mondo, ma ha solo 140 mila visitatori all’anno, aveva molti più visitatori negli anni’90. Abbiamo trovato lavori lasciati interrotti nel 2015. Non è colpa di funzionari e dirigenti, ma della mancanza di fondi. Ma ora c’è l’opportunità di rendere San Marco un museo degno della sua importanza, con servizi per il pubblico adeguati». I dettagli degli interventi su Accademia e San Marco saranno svelati nelle prossime settimane. Ma Schmidt assicura: «Abbiamo in mente una vera rivoluzione».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news