LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Monte Prama: l'area archeologica più importante dell'isola chiusa e abbandonata
Piero Marongiu
LA NUOVA SARDEGNA 08 settembre 2019

Il cantiere è recintato, davanti al cancello chiuso i turisti costretti ad andarsene


CABRAS. Una brezza leggera passa sulla collina di Mont ‘e Prama in questi primi giorni di settembre. Come un lamento accarezza le viti che ondeggiano appena e rompe il silenzio calato sul sito archeologico più importante della Sardegna e forse del Mediterraneo.

Oltre al rumore del vento, tutto il resto tace. Un’atmosfera irreale accoglie gli ultimi turisti che si fermano davanti all’area recintata e si bloccano di fronte al cancello chiuso, guardano dall’esterno, leggono la scritta del cartello mezzo sbeccato, quindi risalgono in macchina e sconsolati vanno via.

Chissà quante domande avrebbero voluto fare se soltanto ci fosse stato qualcuno a rispondere. Sicuramente avrebbero chiesto informazioni sulla civiltà che ha realizzato le straordinarie statue dei guerrieri, degli arcieri, dei pugilatori, che in quell’area ha vissuto diversi millenni fa le cui tracce sono arrivate fino a noi. E invece solo silenzio.

Un fastidioso, rimbombante e incomprensibile silenzio, rotto, a momenti, dalla brezza leggera che passa sulla collina e sui resti di quell’antica civiltà. Gli scavi, interrotti da oltre due anni, non riprendono. E nessuno sa quando riprenderanno, né se riprenderanno. Tutto fermo in attesa, pare, che vengano definite le procedure di esproprio dei terreni adiacenti all’area già indagata.

Circa i tempi, le modalità, lo stato di avanzamento delle pratiche, eventuali soluzioni alternative: silenzio.

Se gli addetti ai lavori tacciono, parlano i social. E lo fanno alla loro maniera: accusando, chiedendo spiegazioni e promuovendo forme di protesta verso chi, a dire di molti, anziché valorizzare un immenso patrimonio che appartiene a tutti, tace o quando parla ne sminuisce il valore. Chissà se il neo Ministro ai beni culturali Dario Franceschini, che occupava lo stesso dicastero nel governo Gentiloni, ricorderà il documento anche da lui sottoscritto, propedeutico alla costituzione della Fondazione che avrebbe dovuto tutelare i siti archeologici presenti nel territorio cabrarese, quindi anche Mont ‘e Prama?

Ma, a distanza di oltre due anni da quella firma, anche la tanto sbandierata Fondazione sembra essere stata inghiottita dall’oblio che avvolge il sito e il resto della collina.

Sui social si lancia l’appello alla partecipazione E qualcuno, sempre dai social, si dice pronto a partecipare al un sit-in che dovrebbe tenersi nelle prosime settimane sotto il palazzo della Regione e davanti all’area di scavo, per sensibilizzare e informare l’opinione pubblica circa la situazione in cui versa l’intera area archeologica, quella indagata e quella da indagare.

Tra pochi giorni inizierà la vendemmia negli oltre sette ettari di vigneto, impiantato nel 2015 a fianco e a nord dell’area in cui sono state rinvenute le statue e gli altri importanti reperti, tra cui alcuni modelli di nuraghe molto ben conservati.
I grappoli di Cannonau, Vermentino, Vernaccia e Nieddera si trasformeranno in vino del Sinis. Nella zona echeggeranno le voci degli operai al lavoro e per qualche giorno spezzeranno il silenzio che regna a Mont ‘e Prama. Poi tutto tacerà di nuovo.



http://www.lanuovasardegna.it/oristano/cronaca/2019/09/08/news/il-silenzio-avvolge-la-necropoli-1.17878575


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news