LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA. Gallerie dell’Accademia, nuova luce: mai come prima
30 agosto 2019, LA NUOVA VENEZIA



Cambia il viaggio nella pittura veneta.Lavori di consolidamento e impianti rinnovati, recuperato l’allestimento di Scarpa e valorizzata “La Tempesta” di Giorgione
Roberta De Rossi 30 Agosto 2019


C’è la stanza-scrigno, con le fantasmagoriche visioni di Jheronimus Bosch: i tre polittici “veneziani” riuniti come mai prima. Gli unici in un museo pubblico italiano. Subito dopo, la sala del Giorgione: il visitatore può catturare con un solo colpo d’occhio l’iconica “Tempesta”, la “Vecchia” e il “Concerto”, allineati su un pannello. E, ancora, i saloni con le opere di Veronese, Tintoretto, Tiziano, illuminati da grandi lucernari: con il passare delle ore, la luce naturale lascia il posto a quella tecnologia e diffusa dei led. Non bastasse, ecco la nuova sala con i grandi teleri belliniani della Scuola Grande di San Marco: per la prima volta l’uno accanto all’altro, quasi ad avvolgere con il narrare la storia chi li guarda.

Le Gallerie dell’Accademia si presentano (in parte) rinnovate, con ambienti restaurati, impianti ammodernati e un racconto delle opere d’arte capace di rendere godibile a chiunque la visita: alla persona appassionata, a chi cerca solo “La Tempesta”, alla mente curiosa di apprendere.

Non ancora un percorso completato, ma una prima tappa essenziale, con la consegna delle sale dalla VI alla XI, che ospitano le opere dei grandi pittori veneti del Cinquecento: si tratta della prima tappa (di quattro) di un intervento di consolidamento, rinnovamento tecnologico, recupero della trama dell’allestimento che l’architetto Carlo Scarpa aveva pensato negli anni Cinquanta, tra intonaci crema, verdi, grigi che nel tempo erano stati cancellati, scrostati. E una nuova disposizione delle opere, per una narrazione più coinvolgente.

Un progetto finanziato dal ministero per i Beni culturali con 9 milioni di euro, 2 dei quali investiti in questo primo lotto di lavori, durati oltre 2 anni sotto la cura dell’architetto Luigi Girardini (responsabile unico del procedimento per conto del Segretariato regionale Mibac Veneto) e la direzione dei lavori dell’architetto Ilaria Cavaggioni, funzionaria della Soprintendenza Belle Arti di Venezia. Alla consegna delle sale recuperate e rinnovate, ha potuto così far seguito il nuovo allestimento delle opere, secondo il progetto scientifico curato da Roberta Battaglia, Giulio Manieri Elia e Paola Marini.

Ieri la presentazione, alla presenza del ministro per i beni culturali Alberto Bonisoli.

«Abbiamo l’orgoglio di essere intervenuti in una delle parti essenziali del museo, creando un nuovo percorso narrativo per un pubblico non solo d’élite, per le opere del Cinquecento», racconta il neo direttore delle Gallerie, Giulio Manieri Elia, «diversificato per interessi e per lingue, con schede di accompagnamento alle opere in italiano e inglese, capaci di raccontare l’opera, l’artista, il contesto in maniera accessibile. Una prima tappa sostenuta dal ministero, che proseguirà con l’intervento già in corso nell’Ala Palladiana e con il riallestimento dei due saloni al piano terra - recuperati grazie al contributo di tre comitati privati - per dare finalmente il respiro che meritano alle opere dei Sei e Settecento. Questo è un museo statale di grande esempio di ottimi rapporti pubblico-privati».

«Mi piace la luce, mi piacciono gli intonaci, l’acustica», commenta il ministro Bonisoli, alla sua quarta visita alle Gallerie, «un modo diverso di vivere, di stare in mezzo a capolavori: sono sempre stati qui, ma così è più facile goderli, trovare piacere nel guardarli e nel capire quello che è stato il percorso artistico che è stato a Venezia in quegli anni. Non è finita, una prima tappa importante, ora toccherà alla seconda, perché tutte le Gallerie dell’Accademia divengano un museo all’altezza dei tesori che sono qui conservati». Intanto, tra 45 giorni l’inaugurazione di booksop e nuova biglietteria.

«Questa bellissima mostra si accoda a tutto quello che è l’offerta culturale a Venezia», interviene la vicesindaca Luciana Colle, «insieme a tutte le istituzioni culturali e strutture museali, come i Musei Civici, che danno la possibilità a chi viene in città di avere ulteriore spunto di riflessione. Dobbiamo pensare ad un turismo culturale: la cultura deve rivestire un ruolo importante nell’offerta turistica di Venezia». —

Dentro, la meraviglia conquista gli occhi di chi l’ammira. Fuori, la folla dei turisti continua a sciamare per la città, sempre più numerosi. Vanno conquistati alla bellezza. —

https://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2019/08/30/news/gallerie-dell-accademia-nuova-luce-mai-come-prima-1.37397015?ref=search


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news