LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Polo museale lombardo veneto all'esame di Franceschini
05 settembre 2019 la nuova venezia



VENEZIA. Fino a qualche giorno fa l'entrata in vigore del decreto Bonisoli aveva destato perplessità, per non dire sconcerto. L'ipotesi di un polo museale lombardo veneto con 29 musei e monumenti, dell'accorpamento di Ca' d'Oro alle Gallerie dell'Accademia e di un accentramento di poteri a Roma, non era stato accolto con grande entusiasmo, anzi. Ora, con il Mibac tornato in mano a Dario Franceschini, tutto può svanire in un attimo. Il nuovo ministro avrebbe infatti il potere di sterilizzare il decreto ministeriale del suo predecessore e di riprendere le fila di un processo iniziato l'anno scorso e poi interrotto o, quantomeno, rivisto in modo discutibile.Lo scorso 9 giugno sulla Gazzetta Ufficiale era stato pubblicato infatti il decreto di riorganizzazione del Ministero, entrato in vigore il 22 agosto. Si tratta però di decreti ministeriali o di decreti del Presidente del consiglio dei ministri, non di leggi. Questo significa che il prossimo ministro della Cultura potrebbe decidere di cancellarli e mandare in fumo la cosiddetta riforma Bonisoli, riforma chiamata anche (e non a caso) controriforma, volta cioè a smantellare il lavoro iniziato dal "primo" Franceschini.Tra gli aspetti contestati della riorganizzazione di Bonisoli, in vigore da pochi giorni, ci sono vari punti contestati. Primo tra tutti l'accorpamento dei poli museali con un unico direttore con sede a Venezia. Questa nuova configurazione, unita a un incentivo a creare fondazioni e a collaborare con privati, ha destato perplessità per la gestione dei musei periferici. Come ha dimostrato La Nuova Venezia con un servizio su Villa Pisani, i musei lontani dalle città sono a volte quelli che rischiano di essere più abbandonati.Un altro punto contestato è l'accentramento di tutte le decisioni a Roma, aspetto che per esempio Franceschini non aveva contemplato. Un esempio sono i prestiti all'estero: con l'ex ministro la decisione spettava ai direttori di musei, mentre con l'attuale decreto decide Roma.Terzo punto considerato negativo: la nascita dei Segretariati distrettuali e l'abolizione delle Commissioni regionali per il patrimonio culturale (Corepacu) che servivano per decidere a livello regionale e in tempi stretti come vincolare un bene. Il quarto aspetto criticato era quello dei superpoteri del segretario generale, in questo caso l'attuale Giovanni Panebianco.Insomma, con il ritorno di Franceschini, il vento può cambiare di colpo e il lavoro svolto da Bonisoli svanire in un soffio. A quel punto sorgono già delle domande: i dirigenti dei poli museali di Veneto e Lombardia, rispettivamente Daniele Ferrara ed Emanuela Daffra, che hanno di colpo perso l'incarico per lasciare posto all'arrivo del direttore unico, verrebbero ripristinati? Per adesso tutto è possibile e anche il destino dei Beni culturali dipenderà dalle prossime mosse politiche. --Vera Mantengoli




news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news