LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sicilia. Una foto alla Scala dei turchi? Bisognerà pagare. E i soldi andranno al 70% a un privato. Polemica per l’accordo del comune
Sabella Accursio
Fatto Quotidiano, 13/09/2019

Vuoi vendere una cartolina con l’immagine della Scala dei Turchi, la bellissima parete rocciosa che si erge sulle spiagge in provincia di Agrigento? Dovrai pagare.
Vuoi mettere su un albergo denominato Scala dei Turchi? Dovrai pagare.
Durante le riprese del film che vuoi girare inquadrerai la Scala dei Turchi? Dovrai pagare anche in quel caso.
È il senso di una originale bozza di accordo tra un privato cittadino e il Comune di Realmonte, in provincia di Agrigento, dove sorge la suggestiva scogliera bianca a picco sul mare, meta di turisti.
A due passi da Porto Empedocle, la Vigata di Andrea Camilleri e non distante dalla contrada Caos in cui germogliò il genio di Luigi Pirandello.

E in effetti, la storia è pirandelliana davvero. E l’ipotesi di accordo ha già suscitato stupore e polemiche. E anche innescato una battaglia politica. È quella del consigliere regionale del Pd Michele Catanzaro, originario di quella provincia: “Quell’accordo è assurdo”, ha protestato, prima di presentare, col suo gruppo parlamentare, una interrogazione al presidente della Regione Nello Musumeci (anche in qualità di assessore ad interim ai Beni culturali, all’assessore regionale all’Ambiente Toto Cordaro e a quello alle Autonomie locali Bernadette Grasso). “Non c’è niente di strano, anzi il Comune finalmente diventa proprietario”, replica il sindaco Calogero Zicari.

Cosa prevede l’accordo – La bozza dell’accordo che è sul tavolo del sindaco di Realmonte prevede che per i prossimi settanta anni, i proventi legati ai diritti “televisivi, giornalistici, cinematografici per fini commerciali e pubblicitari di soggetti terzi”, andranno a un privato cittadino, Ferdinando Sciabbarrà per il 70 percento, il restante 30 percento andrà invece al Comune. Persino “l’autorizzazione alle riprese o ai servizi fotografici” passerà dal privato: sarà Sciabbarrà a dare l’autorizzazione attraverso una Pec che verrà inviata al Comune. Comune che ha mantenuto almeno il diritto di veto in caso di iniziative “lesive dell’immagine e del decoro del sito”. Non solo. La suddivisione dei proventi (70 il privato, 30 il Comune) vale anche per le “attività di merchandising, uso del brand ‘Scala dei Turchi’, realizzazione del portale turistico ufficiale Scala dei Turchi”.

Bontà sua, Sciabbarrà potrà concedere “al Comune la facoltà di promuovere tutti gli eventi culturali ed istituzionali, ovvero le iniziative patrocinate dallo stesso che comportino utilizzo dell’immagine del bene, purché non siano a scopro di lucro”. Se invece il Comune intende fare cassa, magari attraverso lo sbigliettamento, stando all’accordo, tornerebbe la clausola originaria: il 70 percento degli incassi dovuti all’iniziativa Comunale andrebbe al privato, senza alcuno sforzo: insomma, il Comune organizza e spende, ma la maggior parte dei guadagni va a Sciabbarrà. Gestione dei guadagni sulla scogliera che potrebbe passare anche attraverso la creazione di una società tra il Comune e Sciabbarrà: le quote societarie sarebbero quelle già citate per gli incassi.

Il vecchio contenzioso – Tutto nasce da un vecchio contenzioso sulla proprietà di quel territorio. Di chi è la Scala dei Turchi? Il punto è proprio questo. Sciabbarrà ne rivendica la titolarità e il giudice civile ha invitato lui e il Comune a trovare un accordo, ad andare verso una transazione. Un tentativo di mediare citato, non a caso, all’inizio dell’accordo sui proventi. E qui subentra però un altro paradosso. “Perché – chiede il consigliere Catanzaro – la Regione poco tempo è intervenuta con una spesa ingente per mettere in sicurezza la scogliera, se quella scogliera appartiene a un privato?”. E in effetti la spesa non è da poco: circa 417mila euro sono stati stanziati dall’Ufficio regionale contro il dissesto idrogeologico guidato per legge dal presidente della Regione e diretto dal dirigente Maurizio Croce. I dubbi, insomma, non mancano. Anche sulla via scelta dal Comune: “Non sarebbe stato più logico – afferma Catanzaro – espropriare quei terreni? Spero che questa sia solo una boutade di fine estate. Mi opporrò in tutti i modi”.

Il sindaco: “La proprietà passa al Comune” – Ma il primo cittadino di Realmonte Calogero Zicari, prova a gettare acqua su sul fuoco delle polemiche: “Sono stato ingenuo: ho diffuso i contenuti di questa bozza anche ai consiglieri di opposizione che mi hanno detto di essere d’accordo, salvo poi far circolare il documento”. Ma nel merito, spiega il sindaco, ci sarebbe stato un “malinteso”: “Il bene Scala dei turchi, la falesia di colore bianco che va dal ciglio della collina e sino al mare, diventerà di proprietà esclusiva del Comune di Realmonte che quindi potrà gestirlo con introiti esclusivi per la pubblica amministrazione nel caso di sbigliettamento”. Al privato, nella spiegazione del sindaco, andrebbe invece solo il 70 percento dei ricavi legati al brand Scala dei Turchi”. Anche se l’accordo sembra chiaro: la divisione dei proventi non vale solo per l’uso del brand, ma anche per “tutte le entrate a qualsiasi titolo incamerate”. Anche quelle per le cartoline, per le foto, per le riprese di un film sulla Scala dei Turchi, la scogliera non lontana da Vigata, non distante dal Caos.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/09/13/sicilia-una-foto-alla-scala-dei-turchi-bisognera-pagare-e-i-soldi-andranno-al-70-a-un-privato-polemica-per-laccordo-del-comune/5449478/


news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news