LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENETO - Sette tombe romane sotto un cantiere di Scorzè
Alessandro Ragazzo
17 Settembre 2019 la nuova venezia



La scoperta in via Verdi a Peseggia durante i lavori del Consorzio di bonifica, si cerca anche un cippo funerario


SCORZE'. Forse cè un piccolo tesoro archeologico in via Verdi a Peseggia. Il condizionale è dobbligo, perché gli esperti stanno facendo le verifiche del caso, ma durante i lavori per creare le vasche di laminazione sono emersi dei reperti, addirittura risalenti allepoca romana. In quel terreno allaltezza di via Vivaldi ci sarebbero sette tombe vecchie di duemila anni.

Eppure è sempre stato un campo agricolo, in passato sono state messe anche delle coltivazioni. Nessuno poteva immaginare che sotto ci poteva essere qualcosa di valore storico-archeologico. Per ora non è stato fermato il cantiere, che prosegue su unaltra superficie, ma quanto sta emergendo sta incuriosendo non solo la Sopritendenza archeologica ma anche il Comune di Scorzè. Non solo, nei giorni scorsi cè stato un viavai di persone, con tappa pure delle forze dellordine, e in paese si è scatenato il toto ritrovamento, qualcuno ha persino parlato di resti umani della prima guerra mondiale, oppure di armi. In realtà, la sindaca Nais Marcon ha smentito le ultime ipotesi.

È vero, invece, che la possibilità delle tombe è realistica. Come potrebbe essere verosimile lidea che vicino possa esserci un cippo, ossia un monumento funerario, perché la terra presenta delle sfumature più scure rispetto alle aree attorno. Ma tutto dovrà essere analizzato con la massima attenzione. In queste ore si sta parlando anche di un acquedotto ma, al momento, non trova riscontro. Sul posto stanno lavorando un archeologo e un geologo e gli scavi, come le analisi, stanno proseguendo. Per adesso, tutto è coperto, deliminato, non si può accedere ma a breve ci potrebbero essere novità.

Tutto è nato ai primi giorni di settembre; poco prima era stato aperto il cantiere per costruire due sistemi di fitodepurazione (wetland) e il by-pass di un tratto tombinato della Peseggiana allinterno dellarea urbana. Inoltre si punta a ricalibrare un lungo tratto di Peseggiana a valle del punto dincrocio con il Tarù. Il progetto è del consorzio di bonifica Acque Risorgive e lintervento riguarda pure i collettori tra i Comuni di Venezia, Mogliano Veneto e Zero Branco e costa oltre 6 milioni di euro. E si è iniziato a scavare, con la terra portata nellex base missilistica di Peseggia, per creare delle dune e sistemare larea. E dopo aver scavato un paio di metri in profondità, ci si è accorti che cera qualcosa. Sono stati chiamati degli specialisti e si stanno facendo tutte le verifiche.

Sullidea di un acquedotto, spiega Marcon, non so. Delle sette tombe di origine romana mi hanno parlato i dipendenti degli uffici comunali ma devo ancora sentire gli esperti. Vedremo nei prossimi giorni.

Intanto il terreno è monitorato ogni giorno e chissà che a breve non possano emergere altri reperti.

https://nuovavenezia.gelocal.it/venezia/cronaca/2019/09/17/news/sette-tombe-romane-sotto-il-cantiere-del-bypass-idraulico-1.37477180?ref=search


news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news