LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Rialto e San Marco, stop alla paccottiglia Il Pd: Bene, ma no ai trasferimenti
Alberto Vitucci
la nuova Venezia, 06 settembre 2019



A Rialto e in area marciana niente negozi di alimentari e di cibo per tre anni. Nuove regole per vetrine, luci, ai serramenti, a merceolgia degli oggetti in vendita. E incentivi alle librerie, ai negozi di antiquariato. La casbah ha raggiunto il limite. E adesso Comune e Soprintendenza corrono ai ripari. Ieri in commissione si è discusso della proposta di delibera che prevede appunto di imporre nuovi limiti alle aperture di negozi di souvenir o di cibo take away nelle aree di maggior pregio della città. Negli esercizi che si affacciano su piazza San Marco, piazzetta San Marco e Piazzetta dei Leoncini; su Ponte di Rialto e Area Realtina (Ruga dei Oresi, Sotoportego dei Oresi, Sotoportego de Rialto, Campo San Giacomo di Rialto, Naranzeria, Erbaria), si legge nel testo, è vietato per un periodo di tre anni l'insediamento, anche per trasferimento, di attività di commercio al dettaglio del settore alimentare e di attività artigianali/industriali di produzione, preparazione e/o vendita di prodotti alimentari, compresa la panificazione, o il loro ampliamento di superficie di vendita o di categoria merceologica. Ammessi soltanto alcuni tipi di negozi tradizionali o del lusso. Lavoro faticoso, dice il presidente della commissione, il fucsia Paolo Pellegrini, la situazione nella città storica è molto difficile. Per una volta l'impianto della delibera viene condiviso anche dalle opposizioni. Con un distinguo. La direzione è giusta, finalmente, commenta la consigliera del Pd Monica Sambo, ma noi proporremo un emendamento per modificare una parte della delibera che rischia di inficiare tutto il lavoro. La parte incriminata sono tre righe al termine del testo che recitano così: I trasferimenti di attività esistenti e diverse da quelle ammesse potranno essere effettuati solo nell'ambito delle aree di provenienza, a condizione che non comportino significativi aumenti di superficie né di categoria merceologica. Significa, dice Sambo, che è ammesso il trasferimento di una attività di souvnir. Che senso ha? Se quelli che vendono oggetti a un euro sul ponte di Rialto se ne devono andare perché devono aprire in area marciana?. Si va avanti, dunque. E nei prossimi giorni si dovrebbe anche vedere il nuovo assetto di Rialto, dove sono state riorganizzate le attività ambulanti e cancellata una riga dei banchi di frutta, che sono sempre meno.Il riordino ha interessato anche banchi ambulanti della Strada Nuova e Lista di Spagna, il mercato di San Leonardo. Di iniziativa consiliare la delibera che vieta l'apertura di nuovi negozi di cibo take away. Ma, ironia della sorte, proprio in questi giorni ne stanno aprendo di nuovi. In campiello Riccardo Selvatico, a Cannaregio, sono addirittura quattro le attività di bar e ristorante attive, una accanto all'altro. Ma erano state autorizzate in precedenza, dice Pellegrini.

http://ricerca.gelocal.it/nuovavenezia/archivio/nuovavenezia/2019/09/06/venezia-rialto-e-san-marco-stop-alla-paccottiglia-il-pd-bene-ma-no-ai-trasferimenti-17.html?ref=search


news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news