LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Busto Arsizio. Ecco come diventerà l’ex carcere di via Borroni a Busto: c’è il sì della Soprintendenza
Andrea Aliverti
Malpensa24, 04/10/2019

Finalmente arriva il parere positivo della Soprintendenza, ecco il via libera al progetto definitivo per il recupero dell’ex carcere di via Borroni. Lo ha dato la giunta Antonelli nella seduta di mercoledì, approvando un intervento da 800mila euro che verrà realizzato da Soceba, la società che ha curato il piano per la riqualificazione di piazza Vittorio Emanuele, dove oggi è sorta la Residenza del Conte. Esulta il sindaco Emanuele Antonelli: «Dopo svariati anni di attesa, approvato il progetto di riqualificazione in polo culturale dell’ex carcere».

Si sblocca il recupero

Il parere favorevole della Soprintendenza per i beni culturali è pervenuto a Palazzo Gilardoni il 17 settembre. L’ok è arrivato ad un progetto revisionato rispetto a quello che era stato ipotizzato alcuni anni fa, quando l’amministrazione iniziò a ragionare concretamente su una riqualificazione che era rimasta per troppi anni solo sulla carta. L’opera è stata prevista nell’ambito dei 2,3 milioni di euro di interventi (oltre agli 800mila dell’ex carcere, ci sono altri 900mila per la messa in sicurezza del Conventino di via Matteotti) che l’amministrazione ha concordato con il costruttore privato del piano integrato di piazza Vittorio Emanuele, in seguito alla rinuncia alla realizzazione dell’autosilo interrato sotto la nuova piazza.
Questa nuova proposta «mira ad aumentare la connessione interna al polo culturale, migliorando nel contempo l’accessibilità all’ex edificio carcerario che consentirà una maggiore salvaguardia» storica dell’edificio, evitando le seppur limitate demolizioni previste. Per consentire l’accesso ai disabili verrà realizzato un ascensore esterno. Per quanto riguarda gli interni, oltre al completo rifacimento della copertura e della parte impiantistica, verranno mantenute le volte a mattoni dei soffitti.

Ampliamento del polo culturale

Costruito tra il 1851 e il 1854, in epoca austriaca, l’edificio è stato utilizzato fino a 35 anni fa come carcere. Tanto che alle pareti delle celle sono ancora rintracciabili poster che richiamano alla vittoria dei Mondiali di calcio di Spagna ’82, appesi dai detenuti che vi erano ospitati. Si tratta di un bene vincolato, che verrà «destinato ad uso prevalentemente ricreativo»: è prevista la realizzazione di una caffetteria al piano rialzato e di sale di lettura ai piani superiori ed in un locale del piano rialzato, alcune delle quali utilizzabili anche per mostre temporanee. Di fatto, sarà un altro ampliamento del polo culturale di Palazzo Marliani Cicogna, oggi costituito dalla Biblioteca e dalle Civiche raccolte d’arte, dopo l’efficace riqualificazione della ex sala Zappellini, oggi Sala Monaco. Il recupero dell’ex carcere si inserisce infatti «in un più ampio progetto di rilancio e valorizzazione del polo culturale cittadino» destinando la struttura a finalità di tipo culturale. «Il progetto cerca di non stravolgere, oltre il necessario, l’attuale struttura dell’immobile».

https://www.malpensa24.it/busto-progetto-carcere-borroni/


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news