LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Treviso.Fondazione: sono scomparsi due dipinti. Dalla Soprintendenza diktat a Unicredit
Andrea Passerini
Tribuna di Treviso, 05/10/2019

«Devono tornare a Treviso, una è da sempre al Monte di Pietà». Il timore che l’istituto di credito le venda all’asta a Londra.

Uno è il “Cristo Morto”, attributo a Giorgione per quasi 400 anni, più verosimilmente opera del Florigerio, che sin dalla nascita del Monte di Pietà adornava la sala accanto l’anticamera del forziere (ora c’è un poco filologico Ciardi).

L’altro è il “Tondo su tavola della Madonna col Bambino e due angeli”, attribuito a Lorenzo di Credi (1458-1537) allievo di Leonardo e Verrocchio, ma altri critici illustri, fra cui Roberto Longhi e Luigi Menegazzi, lo dicono della bottega. Sono i due dipinti scomparsi – non si trovano più – che Fondazione Cassamarca rivendica, perché già della collezione della Cassa di Risparmio della Marca Trivigiana. E mancano all’appello dopo l’inventario seguito alla decisione di Fondazione, su precisa volontà del nuovo presidente Luigi Garofalo, di aprire al pubblico il Monte di Pietà. Ieri – giornata dell’Abi – lo scrigno è stato per la prima volta visibile, con la quadreria curata dal professor Giorgio Fossaluzza e il riallestimento con speciale illuminazione curato dall’architetto Gianfranco Trabucco. Dove sono finite le opere? Sono nella disponibilità di Unicredit – inquilino al Monte che è di Fondazione, ma che rivendica la proprietà delle opere d’arte – e c’è chi sussurra che uno dei dipinti sia finita a Milano, l’altro a Roma. E c’è chi teme possano presto finire all’asta a Londra, da Sotheby’s, come sta succedendo ad altri capolavori della collezione di Unicredit.

Timori fondati? Nel dubbio, la Soprintendenza alle Belle Arti, con la divisione per le province di Treviso Padova e Belluno guidata da Luca Majoli, è scesa in campo. L’istituzione veneziana, organismo del ministero dei Beni culturali, avrebbe già comunicato a Unicredit, informalmente, che le due opere devono tornare a Treviso. In particolare il “Cristo Morto”, da riallocare al Monte di Pietà ora riaperto al pubblico e nuovo gioiello della città fruibile da turisti e visitatori. E questo per ripristinare perfettamente il contesto del Monte retrostante piazza dei Signori, sin dalla sua apertura nella seconda metà del 500. Dunque per precise ragioni storico-artistiche.

E il tondo, in ogni caso, era nella disponibilità di Fondazione Cassamarca se è vero che dopo il restauro del 1968 l’opera adornava la stanza del presidente di Ca’ Spineda.

I bene informati assicurano che per ora si tratta di un invito, senza alcun atto formale. E questo perché la Soprintendenza, come passo successivo, dovrebbe aprire un procedimento ufficiale con diffida e invito a ottemperare, pena la segnalazione all’autorità giudiziaria.

Un caso delicatissimo, che sconfina dallo stretto mondo dell’arte. Nel massimo riserbo si rincorrono mille voci, come quella che tra Fondazione e Unicredit – (mini)azionista il primo e casa madre la seconda – non ci sia affatto convergenza di vedute su proprietà e titolarità delle opere. E pensare che svelando il Monte riaperto il presidente di Fondazione, Luigi Garofalo, aveva espressamente ringraziato Unicredit, inquilino, e il dirigente Francesco Iannella, responsabile dell’area a Nordest, per la disponibilità mostrata. Non si era parlato di quadri.

https://tribunatreviso.gelocal.it/treviso/cronaca/2019/10/05/news/fondazione-cassamarca-sono-scomparsi-due-dipinti-1.37686466


news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news