LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. La Madonna Litta dall'Ermitage a Milano dopo 30 anni
Repubblica-Milano, 10/10/2019

Il dipinto fu realizzato a Milano nel 1490 e qui è rimasto in una collezione privata fino al 1865, quando il museo di san Pietroburgo lo acquistò. Sempre dubbia l'attribuzione: sarà messo in dialogo con opere degli allievi del genio vinciano
Dopo quasi 30 anni torna a Milano il dipinto 'La Madonna Littà conservato al museo dell'Ermitage a San Pietroburgo. L'opera sarà al centro dell'esposizione 'Leonardo e la Madonna Littà che si terrà al Museo Poldi Pezzoli dal 7 novembre al 10 febbraio 2020, ed è organizzata grazie al sostegno della Fondazione Bracco, con il Comune di Milano e Regione Lombardia, nell'ambito delle celebrazioni dei 500 anni dalla scomparsa di Leonardo da Vinci. Il dipinto è stato realizzato proprio a Milano nel 1490: nell'800 era l'opera più rinomata di una delle più importanti collezioni di opere d'arte milanesi, quella dei duchi Litta da cui l'Ermitage l'acquistò nel 1865. Il dipinto era tornato a Milano, in prestito dall'Ermitage, anche 30 anni fa in occasione di una mostra a Palazzo Reale. "Si tratta di un prestito eccezionale - ha sottolineato Annalisa Zanni, direttrice del Museo Poldi Pezzoli - perché la 'Madonna Litta' ha lasciato San Pietroburgo solo in 6 occasioni dal 1865, una delle quali appunto 30 anni fa per arrivare a Milano". L'attribuzione a Leonardo del dipinto è a dir poco controversa, c'è chi lo ritiene opera del suo allievo Giovanni Antonio Boltraffio. E proprio con un capolavoro di Boltraffio posseduto dal Museo Poldi Pezzoli e con altre opere sue e di altri suoi allievi, il dipinto dell'Ermitage sarà messo in dialogo. I due capolavori, entrambi della collezione dei duchi Litta, si riuniranno nuovamente a Milano dopo un secolo e mezzo.

In mostra al Poldi Pezzoli di Milano ci sarà anche un nucleo selezionato di 20 opere, tra dipinti e disegni eseguiti da Leonardo e dai suoi allievi più vicini, provenienti da collezioni pubbliche e private di tutto il mondo. L'esposizione milanese è stata anche l'occasione, grazie al sostegno di Fondazione Bracco, di realizzare delle indagini scientifiche e diagnostiche sul alcune opere: radiografie, riflettografie a raggi infrarossi, che hanno permesso di evidenziare i diversi modi di realizzare i disegni preparatori e i dipinti da parte degli artisti che operavano nella bottega di Leonardo, in un arco cronologico ristretto che va dal 1482 al 1499. La presenza della 'Madonna Littà a Milano, a diretto contatto con altre opere degli allievi di Leonardo, consentirà di spiegare al pubblico come nasce e si modifica nel tempo l'attribuzione di un'opera d'arte. I dati acquisiti dalle analisi scientifiche saranno presenti in mostra grazie ad un apparato multimediale.

https://milano.repubblica.it/cronaca/2019/10/10/news/la_madonna_litta_dall_ermitage_a_milano_dopo_30_anni_l_opera_di_leonardo_al_poldi_pezzoli-238191936/


news

26-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 giugno 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news