LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Così rinasce la Torre Velasca
Rita Querzè
Corriere della Sera, 11/10/2019

È un pezzo inconfondibile dello skyline di Milano. Parliamo della Torre Velasca, a due passi dal Duomo. Bene, oggi le chiavi delledificio passano di mano. Da Unipol, lattuale proprietario, agli americani di Hines.
Si tratta di unoperazione da circa 220 milioni di euro, di cui 150-160 per lacquisizione dellimmobile e il resto per i lavori di ristrutturazione. Compresa una riqualificazione della piazza circostante. Daltra parte la Torre Velasca, progettata nella prima metà degli anni Cinquanta e terminata nel 1957, ha compiuto 62 anni. Ogni intervento dovrà avere il via libera dalla Soprintendenza alle Belle Arti visto che dal 2011 ledificio è sottoposto a vincolo.
Che la torre passi di mano e venga acquisita da una società straniera non mi dispiace certo, non ci vedo nulla di strano. Limportante è che venga rispettata come bene storico e artistico, valuta con pragmatismo Alberico Belgiojoso, erede dello studio BBPR che progettò la torre negli anni 50. Ciascuna lettera è liniziale di un socio: Lodovico Belgiojoso, Enrico Peressutti ed Ernesto Rogers. E poi Gianluigi Banfi. Questultimo durante la Seconda Guerra mondiale finì internato a Mauthausen assieme a mio padre. Lui però fu meno fortunato e non tornò, ricorda Alberico Belgiojoso.
Tornando a oggi, Unipol, tramite ladvisor JLL aveva ricevuto le offerte vincolanti di sei invitati alla gara (tra gli altri Blackstone, Merope e un fondo coreano). Alla fine è stata scelta Hines. LItalia è solo uno dei 100 Paesi in cui è presente la società americana. Da quando è arrivata, tre anni fa, Hines ha mobilitato 2 miliardi di euro, esclusivamente su Milano. A breve un altro miliardo sarà investito su Milano-Sesto San Giovanni e su San Siro. Il gruppo ha contributo tra i vari progetti alla riqualificazione della centralissima piazza Cordusio, scelta da insegne come Starbucks e Uniqlo.
Loperazione Velasca che ha avuto Mediobanca come advisor finanziario è stata chiusa con capitale di Hines e ha visto il supporto di Prelios: la società presieduta da Fabrizio Palenzona gestirà limmobile tramite uno dei suoi fondi. A guidare Hines in Italia è invece Mario Abbadessa, un giovane manager (35 anni) già senior del settore, convinto che la sfida per le metropoli sia creare aree abitative con alti standard di sostenibilità e in grado di rispondere con servizi mirati ai bisogni di coppie, studenti e anziani. Nello stesso anno in cui la Torre Velasca veniva inaugurata il 57 Gerald Douglas Hines fondò da solo la Hines.
Si tratta di unoperazione da circa 220 milioni di euro, di cui 150-160 per lacquisizione dellimmobile e il resto per i lavori di ristrutturazione. Compresa una riqualificazione della piazza circostante. Daltra parte la Torre Velasca, progettata nella prima metà degli anni Cinquanta e terminata nel 1957, ha compiuto 62 anni. Ogni intervento dovrà avere il via libera dalla Soprintendenza alle Belle Arti visto che dal 2011 ledificio è sottoposto a vincolo.
Che la torre passi di mano e venga acquisita da una società straniera non mi dispiace certo, non ci vedo nulla di strano. Limportante è che venga rispettata come bene storico e artistico, valuta con pragmatismo Alberico Belgiojoso, erede dello studio BBPR che progettò la torre negli anni 50. Ciascuna lettera è liniziale di un socio: Lodovico Belgiojoso, Enrico Peressutti ed Ernesto Rogers. E poi Gianluigi Banfi. Questultimo durante la Seconda Guerra mondiale finì internato a Mauthausen assieme a mio padre. Lui però fu meno fortunato e non tornò, ricorda Alberico Belgiojoso.
Tornando a oggi, Unipol, tramite ladvisor JLL aveva ricevuto le offerte vincolanti di sei invitati alla gara (tra gli altri Blackstone, Merope e un fondo coreano). Alla fine è stata scelta Hines. LItalia è solo uno dei 100 Paesi in cui è presente la società americana. Da quando è arrivata, tre anni fa, Hines ha mobilitato 2 miliardi di euro, esclusivamente su Milano. A breve un altro miliardo sarà investito su Milano-Sesto San Giovanni e su San Siro. Il gruppo ha contributo tra i vari progetti alla riqualificazione della centralissima piazza Cordusio, scelta da insegne come Starbucks e Uniqlo.
Loperazione Velasca che ha avuto Mediobanca come advisor finanziario è stata chiusa con capitale di Hines e ha visto il supporto di Prelios: la società presieduta da Fabrizio Palenzona gestirà limmobile tramite uno dei suoi fondi. A guidare Hines in Italia è invece Mario Abbadessa, un giovane manager (35 anni) già senior del settore, convinto che la sfida per le metropoli sia creare aree abitative con alti standard di sostenibilità e in grado di rispondere con servizi mirati ai bisogni di coppie, studenti e anziani. Nello stesso anno in cui la Torre Velasca veniva inaugurata il 57 Gerald Douglas Hines fondò da solo la Hines Interests. Lanno successivo assunse il suo primo dipendente e ingrandì lufficio. Qualcosa dunque lega le due imprese. Gerald Hines oggi siede nel comitato esecutivo della società assieme al figlio Jeffrey.
Come ricorda Alberico Belgiojoso, la torre venne progettata in unarea distrutta dalla guerra con lobiettivo di rappresentare unarchitettura moderna, nel cosiddetto international style ma nello stesso tempo mantenendo un riferimento alla storia del contesto. La forma che si allarga verso lalto da una parte serviva a richiamare le antiche torri medioevali e dallaltra a sfruttare lo spazio là dove era disponibile: in altezza. Per rispettare il contesto venne però messo un limite: la Madonnina che svetta sopra il Duomo. Infatti la Torre Velasca è esattamente un metro più bassa.
Nella parte più stretta vennero ricavati uffici. Qui negli ultimi anni Unipol non ha rimpiazzato diversi affittuari in uscita. Per un certo periodo si è parlato della possibilità di trasformare questa area della torre in un albergo. La parte più alta e più larga, invece, è da sempre riservata ad abitazioni private. Dagli anni 50 alcuni bisogni funzionali sono cambiati, ma credo che ancora oggi la Torre Velasca continui a rispondere alle esigenze della nostra città, dice Belgiojoso. Anche il signor Hines ne è convinto.



news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news