LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Si prega di toccare: le mani per sfiorare il mistero dell'arte
di LUCIA DE IOANNA
14 ottobre 2019 LA REPUBBLICA



Al Museo Glauco Lombardi un viaggio esplorativo che coinvolge ogni visitatore in una modalità di fruizione dellopera darte avvolgente e multisensoriale


Chiudete gli occhi e immaginate la Gioconda di Leonardo: riuscite a vedere dove poggiano le sue belle mani, vi potete figurare lattaccatura dei capelli? La fronte è coperta o libera?

Lo sfondo rappresenta un paesaggio: è presente qualche elemento non naturale?

Prima di poter accarezzare Monna Lisa riprodotta in un bassorilievo - credevo di conoscerla piuttosto bene: mi sbagliavo.

Alle domande qui sopra non avrei saputo rispondere. Dopo averle fatto visita al Museo Glauco Lombardi e avere sfiorato con le dita il suo segreto, ho scoperto quanto di questa opera famosissima possa essere rivelato dal senso del tatto.


Sarebbe piaciuta molto anche allabate Condillac la mostra tattile Si prega di toccare, visitabile fino al 27 ottobre nelle sale del museo Glauco Lombardi: il filosofo francese, che a Parma visse per alcuni anni, era infatti convinto che il tatto fosse il senso semiotico per eccellenza, in accordo con Diderot che considerava questo canale di accesso al mondo come il senso più profondo e più filosofico.

Lesposizione, ideata e curata da Paola Maccioni per il service Vedere con le mani promosso dai Lions, che a a partire dal 1925 hanno fatto proprio limpegno a favore dei non vedenti, rappresenta un sentiero inusuale e sorprendente per accedere alla bellezza.

Come il titolo annuncia, le mani sono le protagoniste di un viaggio esplorativo che coinvolge ogni visitatore, vedente, ipovedente o non vedente, in una modalità di fruizione dellopera darte avvolgente e multisensoriale.

Il team Vedere con le mani, composto dai soci del Farnese, del Genuri e dei Leo e coordinato da Paola Maccioni, ha immaginato, studiato ed allestito questo percorso attraverso larte affinché fosse davvero a portata di mano: a partire dalla possibilità di rintracciare in modo autonomo i QRcode, che sono stati predisposti in rilievo e che danno accesso alla presentazione audio delle opere fino alle descrizioni pensate per accompagnare lesplorazione tattile, alla scelta della collocazione di ogni oggetto ed alla selezione di caratteri ad alta leggibilità per i pannelli illustrativi.

Il nostro primo contatto con il mondo avviene attraverso il tatto, tramite il contatto della pelle del bambino con il liquido amniotico e poi con il corpo della madre. Il tatto è il nostro primo senso: solo in una fase successiva il bambino inizierà a usare la vista, osserva Paola Maccioni mentre mi guida attraverso la lettura dei fili che legano tra loro le opere in una rete mobile fitta di sensi e significati.

Il progetto, che ha avuto grandissima risonanza, parte dalla convinzione che la fruizione del patrimonio culturale debba essere tra gli obiettivi imprescindibili per raggiungere quellarricchimento culturale da cui tutti, disabili visivi e non, possono trarre grandi benefici.


I Lions hanno operato seguendo una prospettiva rivolta al futuro con lintento di rendere la mostra un primo passo di un percorso più lungo: come augurio per il 2020, anno che vedrà Parma Capitale Italiana della Cultura, hanno offerto la riproduzione di due opere molto importanti nella storia della città: lErma di Maria Luigia e il busto di Napoleone, entrambe di Antonio Canova ed esposte, in originale, proprio al Glauco Lombardi, con la speranza che diventino il nucleo di un primo percorso tattile aperto a tutte le forme artistiche che possono essere fruite in modo sinestesico.

Lesposizione presenta, tra le altre opere, una copia in gesso della Venere deMedici di Cleomène, la Dama col mazzolino del Verrocchio, copia proveniente con altre opere dal museo Omero di Ancona e tre opere originali, anchesse leggibili attraverso il tatto: Modella con cappello e Figura femminile, bronzi di Silvio Mastrodascio ed il Busto di giovane, marmo dello scultore non vedente Felice Tagliaferri.

Inoltre, nel cinquecentesimo anno dalla morte di Leonardo da Vinci, sono state rese disponibili le riproduzioni tattili della Gioconda e dellUomo vitruviano. Molte delle riproduzioni presenti sono state prodotte grazie all'iniziativa di Giulio Bigliardi, archeologo della 3D ArcheoLab di Parma che punta a creare nuove possibilità di conoscenza, divulgazione e accessibilità del patrimonio culturale attraverso un uso delle tecnologia coniugato a profonde competenze in ambito artistico e archeologico.

La mia visita alla mostra si chiude con lesplorazione tattile del bassorilievo prospettico che riproduce la Gioconda: seguendo il perimetro dellopera vengo invitata a immaginarla come la tavola di pioppo sulla quale Leonardo ha dipinto a olio Monna Lisa; prima di decifrare un linguaggio fatto di superfici lisce, avvallamenti, interstizi e rilievi prendo la posizione della donna raffigurata, guidata sapientemente da Paola Maccioni, in modo che il mio corpo possa imparare a riconoscere e leggere lopera. Alle mie dita si sono rivelati molti dettagli opachi allo sguardo, sfiorando le superfici di una vegetazione che si manifesta come suggestiva in quanto confusa e sfumata o i contorni di un ricamo che decora la camicia; ma il dettaglio più sorprendente resta scritto nel sorriso misterioso della giovane donna ritratta, sorriso che sfuma in linee indeterminate, non conchiuse, seguendo la poetica leonardiana dellindefinito. Volete provare a sfiorare il suo segreto? Si prega di toccare.

Museo Glauco Lombardi, strada Garibaldi 15, Parma
Dal 14 settembre fino al 27 ottobre 2019
Si prega di toccare. Un invito inusuale per una mostra speciale
Ingresso gratuito
Orario: dal martedì al sabato 9,30-16,00 domenica 9,30-19,00 lunedì chiuso
Visite guidate su prenotazione: pla.maccioni@gmail.com



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news