LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli, Palazzo Zevallos: via il museo, arriva la Normale del Sud
di BIANCA DE FAZIO e PAOLO DE LUCA
13 ottobre 2019 LA REPUBBLICA



Intesa Sanpaolo pronta a lasciare il seicentesco palazzo in fitto a via Toledo e a trasferire il capolavoro di Caravaggio e le altre opere darte nella storica sede del Banco di Napoli

Napoli, Palazzo Zevallos: via il museo, arriva la Normale del Sud
Caravaggio cambia casa. Il " Martirio di SantOrsola", lultimo capolavoro del grande pittore, lascerà entro un anno il Palazzo Zevallos Stigliano di via Toledo, assieme a tutte le altre opere delle sale napoletane di Gallerie dItalia. Il bellissimo museo di Intesa Sanpaolo traslocherà infatti nelladiacente edificio del Banco di Napoli, che sarà interessato da importanti lavori di adeguamento. E a Palazzo Zevallos è possibile che trovi la sua sede principale la Scuola superiore meridionale, la Scuola internazionale di alta formazione e ricerca incardinata nella Federico II e pronta a dare il via al suo primo anno di attività. Più di unipotesi, un progetto. Al quale stanno lavorando i vertici della Scuola superiore meridionale e il rettore della Federico II Gaetano Manfredi.

Il trasferimento del museo è un fulmine a ciel sereno per uno dei luoghi darte più amati della città, visitato da oltre 200 mila persone lanno e abilmente incastonato in una dimora seicentesca del centro. Ma sarebbe proprio il Palazzo Zevallos Stigliano la causa di questo spostamento: lo stabile, infatti, perfetto sul piano architettonico ed espositivo, richiede importanti e onerosi lavori di adeguamento alle norme di sicurezza, tra piani antincendio e vie di fuga. Da qui la scelta di Banca Intesa di non accollarsi ulteriori costi per un sito di cui è, tra laltro, affittuaria fino al 2020. La soluzione è spostarsi in un luogo di proprietà, il Palazzo Piacentini, a pochi metri, al civico 177 di Toledo. I necessari interventi di adeguamento funzionale e di ristrutturazione non spaventano lateneo che ha messo gli occhi sul Palazzo: il governo ha concesso alluniversità 80 milioni di euro in 5 anni, e dunque non mancherebbero le risorse per intervenire sullimmobile.

Di una sede di rappresentanza la Scuola ha assolutamente bisogno. Serve una vetrina prestigiosa, che sia allaltezza delle prospettive della Ssm, degli ospiti, anche stranieri, che verranno a tenere corsi e seminari agli studenti scelti per questa avventura delleccellenza. La sede solo provvisoria è ora in largo San Marcellino (in unarea che sarà presto interessata da imponenti lavori di recupero edilizio), ma lateneo sta prendendo in considerazione anche altri immobili, sempre storici, come il cinquecentesco Palazzo DAvalos di via dei Mille.

Lidea del trasferimento del museo, già in programma da oltre un anno, sarebbe stata ratificata a inizio 2019. Cè già un progetto, firmato dallarchitetto Michele De Lucchi e proposto alla Soprintendenza, per il nuovo piano espositivo negli storici ambienti del Banco di Napoli. Le collezioni di Gallerie dItalia verrebbero esposte tra pianterreno e primo piano. Si parla di un ridimensionamento anche delle due fontane esterne, progettate da Nicola Pagliara.

Lo spostamento del museo innesca i timori circa il futuro di Palazzo Zevallos (in agguato ci sono centri commerciali e iniziative imprenditoriali di questo genere), mentre se subentrasse la Federico II il suo futuro resterebbe legato alla cultura. Ledificio, ex proprietà di Banca Commerciale italiana, fu adattato a filiale ad inizio Novecento. Ancora oggi, spicca nellatrio il raffinato bancone in legno ( vincolato dalla Soprintendenza), su cui si specchia il soffitto liberty che chiude lantico cortile. Limmobile, confluito in Banca Intesa è stato poi venduto. Ma Banca Intesa ne è rimasta a lungo affittuaria. È del 2007 linaugurazione della sede museale di Gallerie dItalia: un successo, di visitatori, in crescita di anno in anno. La collezione piace molto ai napoletani, che amano riconoscere nelle splendide opere di Gaspar van Wittel e degli artisti della Scuola di Posillipo, le antiche vedute della città. Oltre al " Martirio di SantOrsola", si segnalano le ricche sezioni dedicate al Seicento, Settecento e Ottocento, per non parlare dellarea, dedicata al maestro Vincenzo Gemito. Numerose le mostre negli ultimi anni, da quelle su Ribera e Van Dick, ai "Musici" di Caravaggio e al " Compianto sul Cristo morto" di Botticelli (le ultime due per liniziativa " Lospite illustre"), fino al bellallestimento inaugurato ieri, " Berlin 1989" a cura di Luca Beatrice.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news