LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Calabria. Un Green New Deal per la Calabria
Battista Sangineto
Emergenza Cultura, 18/10/2019

La Calabria come certificano gli ultimi dati di Eurostat, è la regione più povera dItalia, i cittadini calabresi hanno un reddito medio di 17.200 euro che equivale al 57% di quello medio nazionale.

La disoccupazione giovanile è fra le 10 più alte fra le 280 regioni europee con il 52.7%, mentre è lundicesima percentuale più alta dEuropa, il 21.6, anche per quanto riguarda la disoccupazione della popolazione fra i 15 e i 74 anni. La Calabria ha la seconda percentuale, il 36.2, di Neet (Not in education, employment or training) ovvero giovani che non studiano, non lavorano e non seguono nessun percorso di formazione. La Calabria è, inoltre, in fondo a tutte le classifiche per listruzione, la qualità della vita nelle città, i trasporti, la sanità, la tutela dellambiente, del mare, dei paesaggi agrari e del patrimonio culturale dellEuropa a 27. La Calabria è quasi del tutto perduta.

Sarebbe spettato alla classe dirigente politica far uscire la regione da questa disperata e disperante situazione proponendo ed attuando un progetto complessivo di sviluppo economico, sociale e culturale. Questa classe dirigente di centrodestra e di centrosinistra, è evidente ormai a chicchessia, non è capace di farlo e deve sapere, una volta per tutte, che è venuta meno al suo compito fondamentale e, quindi, deve farsi da parte. Bisogna, però, che i calabresi comprendano, anche, che la terribile responsabilità di far parte di una società profondamente malata non può essere solo della politica e della classe dirigente di questa regione, ma è di noi tutti, della cosiddetta società civile che nulla, o troppo poco, ha fatto per scrollarsi di dosso questo giogo. Abbiamo concorso tutti noi ad eleggere i rappresentanti calabresi nelle istituzioni e nessuno può dirsi incolpevole. Abbiamo eletto un ceto dirigente che, negli ultimi decenni, è stato, prevalentemente, impegnato a creare alleanze trasversali finalizzate al lucro, un ceto che si è rivelato del tutto privo di pensieri forti, privo di unidea di come possa essere il futuro di una regione. Privo di unidea di Calabria. Si è condannata unintera popolazione ad una condizione di rassegnazione e di avvilimento per decenni, per generazioni. Le lotte e le sofferenze dei nostri padri, dei nostri nonni, dei nostri bisnonni per il riscatto di questa terra non sono valse a nulla, sono state vanificate da discendenti inetti e corrotti. La fame, la povertà, le emigrazioni di massa dei nostri ascendenti si sono rivelati patimenti inutili a causa della vergognosa inanità ed incapacità dei loro miserevoli eredi.

Questa regione avrebbe, dunque, bisogno urgente di una Idea di Calabria, avrebbe bisogno di una classe dirigente in grado di farla rinascere dalle sue ceneri ed, invece, lo scenario politico calabrese si presenta, quasi a ridosso delle elezioni regionali, nelle seguenti disdicevoli condizioni: due autocandidati del ceto politico come Oliverio ed Occhiuto che correranno senza lappoggio dei loro partiti o delle loro coalizioni, un altro autocandidato ex dirigente regionale della Protezione civile, mentre la Lega, il Pd ed il Movimento 5stelle ed i partiti della Sinistra non hanno ancora avanzato la loro proposta.

Questo desolante panorama mi induce ad avanzare qui la proposta di costruire un innovativo patto civico fra partiti e movimenti che abbia al centro della sua azione politica la realizzazione di un programma ambientalistico che presupponga il restauro dei nostri territori, ricchi di biodiversità agricole e di patrimoni culturali. Un patto civico guidato da una personalità che non provenga dal ceto politico, che non abbia ricoperto cariche pubbliche di rilievo e che non vi sia mai stata candidata, una personalità che sia stata in prima linea nelle battaglie per lambiente e che abbia la volontà e la competenza per risolvere laltro punto dolente della nostra regione: la sanità.

Un programma che abbia come asse portante un immenso, capillare restauro dei territori che provi a dare armonia al nostro complesso e frammentato tessuto insediativo agrario ed urbano. Un gigantesco e capillare piano di risanamento del territorio, del mare, dei boschi, dei campi, dei fiumi e delle coste che impegni, da subito, alcune migliaia di giovani nel gestire terreni abbandonati o incolti, nel piantare alberi, rifare gli argini dei torrenti, allestire laghetti artificiali per la pesca, prevenire e spegnere gli incendi, ripulire le spiagge, i siti archeologici, i monumenti, ristrutturare le case dei Centri storici e dei paesi abbandonati riportandoli alla vita. Una sorta di New Deal fondato sul restauro dei paesaggi naturali e storici, dei paesaggi agrari e di quelli urbani che, riassumendo e semplificando, si possa chiamare New Deal della cultura e dellagricoltura.

Il Mezzogiorno e la Calabria, come scrive Tonino Perna, già oggi contribuiscono alla riduzione della CO2 più del resto dellItalia, per il più basso livello dei consumi e di produzione industriale, ma anche grazie alla presenza di Parchi nazionali e regionali, ricchi di biodiversità e di superficie boscata, che rappresentano, rispettivamente, il 40 e il 65 per cento della superficie totale dei Parchi naturali nel nostro paese. Aggiungo che la Calabria è la seconda esportatrice di energia pulita in Italia, ma non ne trae alcun beneficio ha, anzi, la bolletta più alta- anche perché le risorse produttive, i laghi ed i fiumi calabresi, sono state vendute a multinazionali che non pagano alcuna royalty.

Si deve costruire un vero New Deal che porterebbe ad una piena e vantaggiosa conversione ecologica della regione e, allo stesso tempo, impiegherebbe in lavori qualificati decine di migliaia di giovani agronomi, geologi, architetti, archeologi, restauratori, geometri, informatici, economisti, tecnologi, imprenditori edili ed agricoli, ingegneri et cetera, non più condannati allemigrazione forzata. Per progettare e mettere in atto questo programma si deve stringere, fra forze politiche di diversa estrazione, un patto civico e presentare un candidato che si prefiggano lo scopo di non chiedere più assistenza, ma di far partire, proprio dalla regione più povera dEuropa, un ambizioso progetto rivolto alla sua radicale riconversione ecologica ed al riequilibrio del tessuto sociale ed economico calabrese.



Quotidiano del Sud, 17 ottobre 2019

https://emergenzacultura.org/2019/10/18/battista-sangineto-un-green-new-deal-per-la-calabria/#more-7609


news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news