LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pisa.L’Opera del Duomo di Pisa trent’anni dopo
Laura Lombardi
Giornale dell'arte, 18/10/2019

Il nuovo percorso espositivo del museo si sviluppa su 3mila metri quadrati e su una porzione di porticato esterno, con 380 opere suddivise in 26 sezioni


A poco più di trent’anni dall’apertura, nel 1986, si sono conclusi i lavori di ristrutturazione e riallestimento museale del Museo dell’Opera del Duomo di Pisa, dove sono conservati i capolavori dei monumenti della Piazza dei Miracoli. Il palazzo (antica Casa Capitolare, poi seminario, abitazione privata, monastero di clausura benedettino) fu acquistato dall’Opera Primiziale pisana nel 1979 per la destinazione attuale, che tuttavia, nei decenni, era divenuta inadeguata ai mutamenti delle collezioni (con alcune nuove opere pervenute e altre spostate) e del gusto.

Il compito di riconfigurarlo è stato affidato allo Studio Guicciardini & Magni associato con Adolfo Natalini, lo stesso studio che aveva realizzato tra 2007 e 2015 il progetto del nuovo Museo dell’Opera del Duomo di Firenze. Il nuovo percorso espositivo si sviluppa su 3mila metri quadrati e su una porzione di porticato esterno, con 380 opere suddivise in 26 sezioni.

Alcuni spazi, meno connotati storicamente, sono stati ridisegnati del tutto, come pure lo spazio antistante l’ingresso principale ed è stato creato un nuovo scalone di collegamento al primo piano per rendere più fluido l’accesso. Gli ambienti voltati al piano terra, sono stati solo oggetto di un attento restauro, ma completamente ripensati per quanto riguarda i criteri espositivi, grazie anche a 30 vetrine ipertecnologiche realizzate da Goppion.

La principale novità dell’intero museo riguarda infatti l’esclusione, per destinarli a altri spazi o ai depositi organizzati e aperti alle visite, di alcuni gruppi di oggetti, quali i modelli in scala della Piazza, la collezione di antichità e i dipinti di età moderna. Tutti materiali che avevano un rapporto meno diretto con la Cattedrale e gli altri edifici e che rendevano meno chiara la lettura degli episodi più significativi dell’arte pisana (qui indagata anche nei suoi rapporti con altre culture, dando ad esempio rilievo al «Grifo» bronzeo, di fattura islamica, posto al centro della sala 3, probabile bottino di guerra della repubblica marinara).

Il percorso si apre con la Porta di Bonanno cui segue la sala del Duomo nell’età romanica poi quella dedicata alle figure di Nicola e Giovanni Pisano; passando per un ambiente affrescato molto suggestivo si arriva, in un gioco di rispondenze tra involucro storico e allestimento, a quelle dei seguaci di Giovanni, tra cui Tino di Camaino, poi ad Andrea e Nino Pisano. Un momento di eccellenza della cultura pisana che, con il Rinascimento, dovrà cedere il passo a quella fiorentina. Non poteva mancare la sala dedicata alla Torre pendente, né quella che evoca il coro del Duomo con arredi lignei e tarsie.

Al piano superiore, dove sono ambienti più intimi e più tesi a esaltare il misticismo, troviamo capolavori quali il «Cristo borgognone» che era nel coro della Cattedrale, su fondo dorato e illuminato, ma anche il «Cristo» di Giovanni Pisano, protetto entro una teca dal fondo in seta porpora cangiante cremisi. Notevoli le sale dedicate ai tessuti e alle oreficerie raccolti intorno alle insegne e al drappo funebre dell’imperatore Arrigo VII (nuovo ingresso del presente allestimento), a testimoniare lo sfarzo e la maestria raggiunte dai maestri pisani, senza dimenticare gli spazi consacrati ai libri liturgici che, grazie alle moderne tecnologie, possono essere virtualmente sfogliati.
Dal loggiato del primo piano, prima di scendere, scorgiamo la Torre e nel chiostro troviamo alcuni dei colossali busti del coronamento del Battistero, anch’essi opera di Giovanni Pisano, allineati entro alloggiamenti a suggerire il dialogo con l’architettura.

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/2019/10/132000.html


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news