LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PISA - Il monumento più sorvegliato del mondo è stabile e non corre rischi
di Sagliocco Cristina
Toscana Oggi di domenica 3 novembre 2019, pagina 11



Ci sono voluti due secoli per costruirla e altri due per stabilizzarla, ma l'impegno e il tempo per riconsegnare al mondo la Tone di Pisa hanno dato i loro frutti. Ricorrono quest'anno i venti anni dalla conclusione dei lavori di stabilizzazione del Campanile di Pisa. Si tratta del ventesimo anniversario dell'intervento di estrazione controllata di terreno, in gergo la sottoescavazione, che consentì di ridurre l'inclinazione della Torre di circa mezzo grado e di conseguire la stabili77a7ione della fondazione senza intervenire materialmente sul monumento. Da allora, il bilancio è molto positivo. La Tone è ora stabile, anzi sta ancora lentamente riducendo la sua pendenza. Sono queste le conclusioni a cui sono giunti l'Opera della Primaziale Pisana e le strutture pubbliche di tutela, sulla base dei rapporti periodici inviati dal Gruppo di sorveglianza formato da Salvatore Settis (Normale di Pisa), Carlo Viggiani Università di Napoli) e Donato Sabia (Politecnico di Torino).

In questi vent'anni, il risultato dei lavori realizzati dal Comitato internazionale istituito nel 1990 e presieduto da Michele Jamiolkowski è stato sottoposto a continuo controllo e monitoraggio, con strumentazioni costantemente aggiornate Per celebrare questa ricorrenza il 24 e il 25 ottobre a Pisa si è svolto il consueto appuntamento con il Convegno internazionale delle Cattedrali europee (la foto è di Gerardo Teta), ideato e organizzato dall'Opera della Primaziale pisana che per questa IX edizione ha scelto come tema Il monitoraggio dei monumenti e delle cattedrali a 20 anni dalla stabilizzazione del campanile di Pisa.

Le due giornate di studio si sono svolte nell'Auditorium del Museo dell'Opera del Duomo in Piazza dell'Arcivescovado. Al campanile pisano è stata dedicata la prima giornata del meeting internazionale raccontata direttamente dalla voce di chi prese parte al Comitato internazionale per il salvataggio della Torre vivendo anche momenti cruciali e drammatici. Michele Jamiolkowski allora presidente e Carlo Viggiani, hanno riassunto le esperienze e le decisioni operative del Comitato ricordando anche la lunga notte tra l'8 e il 9 settembre del 1995, quando la Torre di Pisa non gradi l'immissione di azoto liquido nel terreno e cominciò improvvisamente a inclinarsi raggiungendo in pochissimo tempo un peggioramento pari a quanto poteva essere registrato in un anno. Il contrappeso fu aumentato anche con mezzi di fortuna come gru e raspe che si trovavano all'interno del cantiere e, ben presto, sotto la torre si alzò una montagna di piombi ancora più imponente che raggiunse le mille tonnellate Il Comitato dovette così abbandonare quel primo progetto e studiarne uno nuovo che ha poi ridato al mondo, in sicurezza, la più bella torre pendente che esista. Nel corso del convegno è stato consegnato anche il Premio Pisa che per questa prima edizione non poteva che premiare Michele Jamiolkowski.

Una formella in bronzo che riproduce un particolare della splendida porta di Bonanno il cui originale (proveniente dal transetto destro del Duomo) introduce oggi il percorso museale del rinnovato Museo dell'Opera. Un capolavoro in miniatura della scultura europea del XII secolo capace di emozionare Jamiolkowski che ha voluto dedicare il premio a tutti i membri del comitato. Interessanti anche le relazioni sul monitoraggio di altri importanti monumenti come il Big Ben a Londra, il campanile di Santa Maria Gloriosa dei Fran a Venezia o le torri degli Asinelli e della Garisenda a Bologna. Un parterre internazionale che si è soffermato a riflettere sulle cattedrali di Milano, Santa Maria del Fiore di Firenze, del Duomo di Colonia, di Bamberga, Santa Maria di Vitoria, Friburgo, Todi, Orvieto e Siviglia. Per la prima volta si è aggiunta ai numerosi casi di studio che hanno concluso le due ricche giornate di interventi, anche una relazione sulla cattedrale di Ani, fuori quindi dai confini del vecchio continente, già capitale dell'Armenia medievale e ora Turchia orientale Nello straordinario scenario che ogni anno incanta milioni di visitatori, si è conclusa la due giorni organizzata dall'Opera della Primaziale Pisana. Ormai stabile, la Torre non corre più rischi ed è, a tutti gli effetti, il monumento più sorvegliato al mondo. Resta inalterata la sua straordinaria unicità che come scrisse Guy de Maupassant nel 1890, quasi stupisce e confonde perché eternamente pendente come se dovesse cadere da un momento all'altro, infastidisce in modo ironico il senso dell'equilibrio che portiamo dentro di noi.

Le fabbricerie Le fabbricerie sono gli antichi enti (dal latino fabrica, luogo di lavoro) istituiti in occasione della progettazione di cattedrali o grandi edifici sacri per soprintendere alla costruzione, manutenzione e restauro del bene ecclesiastico. Prendono tipicamente il nome di Opere nell'Italia centrale, fabbriche nell'Italia settentrionale, ma anche cappelle a Napoli e maramme in Sicilia.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news