LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - L'addio dei frati al monastero di Fra' Bonaventura
di Zuliani Ivana
Corriere Fiorentino di sabato 2 novembre 2019, pagina 8



SCARPERIA SAN PIERO A SIEVE Bosco ai Frati e uno dei luoghi religiosi più antichi del Mugello, casa dei religiosi prima basiliani, poi francescani, da oltre mille anni. In tutti i suoi secoli di storia è accaduto solo tre volte che i frati abbiano dovuto abbandonare il monastero: per la grave peste che colpì la Toscana del 1349, nel 1810 per le imposizioni napoleoniche e granducali e infine nel 1866 per le leggi del Regno d'Italia sulla soppressione dei conventi. Ma ora i frati dell'Immacolata dalle vesti azzurre che vi abitano, guidati da padre Giuseppe, dovranno lasciare un'altra volta il monastero, come anticipato dal sito Il Filo del Mugello. La decisione è stata presa dalla Congregatio Fratrum Franciscanorum Immaculatae, l'istituto religioso di diritto pontificio a cui il complesso, di proprietà dell'Ordine dei Frati Minori, è stato affidato 13 anni fa in comodato d'uso. Ci sono pochi frati e tante spese per mantenerlo, la chiesa e il museo no, ma in alcune parti del convento il tetto è a rischio di crollo, spiegano al telefono i monaci di Bosco ai Frati. Per i fedeli è un duro colpo, noi siamo abituati a cambiare, siamo missionari: certo c'è l'affetto, l'amicizia che si crea con le persone, ma abbiamo i muscoli. Due dei tre frati saranno trasferiti tra dieci giorni, un altro rimarrà per qualche altro mese, ma poi se ne andrà anche lui. I religiosi seguono la regola francescana stretta, vivono solo di offerte e di quello che la gente gli porta. Anche l'acqua che i padri bevono per esempio è donata da anni da Acqua Panna, che ha lo stabilimento poco lontano: il convento infatti non è allacciato alla rete idrica pubblica, per gli usi domestici viene usata l'acqua piovana raccolta in una cisterna all'interno del chiostro, o quella presa dal pozzo nell'orto. Per l'uso potabile arrivano le bottiglie nei cartoni dalla fabbrica di Panna. Il convento risale al 600 e dal 1012 è affidato ai frati francescani: nel 1273, Fra' Bonaventura da Bagnoregio, che in seguito verrà fatto santo, ricevette dagli emissari di Papa Gregorio X, nell'orto del convento, le insegne cardinalizie, mentre era intento a sciacquare piatti e pentole in un grande catino di pietra (tuttora presente). Questo luogo di fede è anche uno scrigno d'arte: l'architettura è firmata da Michelozzo, da qui provengono La pala di Bosco ai Frati del Beato Angelico oggi al museo di San Marco a Firenze e il trittico di Nicolas Froment, Resurrezione di Lazzaro, alla Galleria degli Uffizi. Ma altre opere sono rimaste e arricchiscono la chiesa, il convento e il piccolo museo allestito nella sala del Capitolo: la tela di Jacopo Ligozzi, datata 1589, Allegoria del cordone di San Francesco, il dipinto La deposizione di Lodovico Cardi, detto il Cigoli, una tavola su legno di Antonio del Ceraiolo che raffigura L'Annunciazione e il crocifisso ligneo attribuito a Donatello. Nel complesso vengono organizzate visite guidate, grazie all'opera dei volontari: gli ingressi non hanno biglietto, sono a offerta libera. Il percorso museale rimarrà aperto, spiegano i volontari, ma un convento senza frati non è la stessa cosa.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news