LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

RAPPORTO FEDERCULTURE - Musei, teatri, libri: 10 anni di bilancio Investire in cultura fa bene al Paese
di Costantini Emilia
Corriere della Sera di venerdì 1 novembre 2019, pagina 31






ll rapporto Federculture Dal 2008 a oggi è diminuita la spesa pubblica per il settore. Ma crescono i turisti Musei, teatri, libri: 10 anni di bilancio Investire in cultura fa bene al Paese II ministro Siamo avanti nella tutela del patrimonio, ma nella valorizzazione siamo indietro di Emilia Costantini T ella tutela del << patrimonio culturale siamo i avanti, mentre siamo indietro sulla sua valorizzazione: c'è molto lavoro da fare. E lapidario l'intervento del ministro per i Beni culturali Dario Franceschini all'incontro per il quindicesimo rapporto annuale di Federculture, ieri a Roma. Dobbiamo investire non solo sulla conservazione del passato continua ma anche sul presente, cioè sull'arte e l'architettura contemporanee, sulla creatività dei giovani italiani, quindi sulla fotografia, ma pure sull'apertura alla rete che può fornire grandi opportunità, facendo diventare questo presente un fattore di crescita intelligente e sostenibile. Il Regno Unito, per esempio, investe da decenni in questi ambiti, diventando un'attrazione turistica importante. La cultura, insomma, è strategica per la crescita del Paese e, ora più che mai, è fondamentale investire sulla creatività attuale, senza dimenticare il dovere di custodire e valorizzare il patrimonio inestimabile che abbiamo ereditato dal passato. Pertanto, nel nuovo assetto del ministero annuncia ci sarà una struttura che si occuperà in modo permanente delle industrie culturali e creative. I dati Istat, esposti ieri dal presidente di Federculture, Andrea Cancellato, che vanno dal 2008, anno di avvio della crisi economica internazionale, al 2018, vedono complessi II presidente Possiamo dare un contributo alla reputazione dell'Italia. Noi ci siamo vamente un calo della spesa culturale da parte delle istituzioni pubbliche, Stato, Comuni e Province (da 6 miliardi e 550 milioni di euro a 5 miliardi e 849 milioni). Nel decennio è cresciuto il turismo internazionale nel mondo, mentre in Italia è aumentato di meno, anche se l'anno scorso i turisti stranieri sono cresciuti del 5,8% ed è confortante il numero dei visitatori dei musei statali, passati da 33 a 55 milioni. In proposito Franceschini sottolinea: Secondo un'importante ricerca, soltanto i circa 400 musei statali creano un indotto pari all'i,6% del Pil, basti dire, per intenderci, che l'agricoltura fa il 2,1%. E evidente, quindi, che il lavoro impostato va proseguito, vanno migliorati i servizi e molti altri aspetti. Non solo: è finalmente caduta la barriera ideologica tra pubblico e privato: ora si possono programmare obiettivi condivisi e si può lavorare insieme. Aggiunge Cancellato: La crescita passa anche attraverso la cultura, con cui possiamo dare un contributo complessivo al miglioramento dell'Italia e alla sua reputazione. Tutto questo probabilmente non può essere fatto con una sola legge di Bilancio. Può e, sommessamente diciamo, deve essere fatto nell'arco di una legislatura in modo costante e programmato in dialogo con le parti interessate. Noi ci saremo. È aumentata la spesa degli stranieri (da 31 miliardi nel 2008 a 41,7 miliardi nel 2018). Le regioni più visitate: Lazio (7,4 miliardi provenienti dai turisti internazionali), Lombardia (6,7 miliardi), Veneto (6,1 miliardi), Toscana (4,5 miliardi), Campania e Liguria (con 2,3 miliardi ciascuna). Il dato più allarmante è la flessione di lettori: in dieci anni se ne sono persi 1,3 milioni, mentre crescono del 2,8% i lettori forti, che leggono oltre dodici libri l'anno e che forse sono più benestanti. Però, la spesa in generale delle famiglie in consumi culturali negli ultimi cinque anni è cresciuta del 13,4%. La fruizione dello spettacolo dal vivo teatrale, che registrava in passato una contrazione, tra il 2017 e il 2018, come evidenziano anche i recenti dati Siae, resta stabile in positivo e cresce il consumo di concerti di musica jazz e pop. Il cinema ha una flessione dell'i,6%. E fiducioso il presidente dell'Agis Carlo Fontana: Vedo segnali positivi nella fruizione dello spettacolo, che rappresenta soprattutto una forma di socialità. La cultura è un asset strategico per la crescita economica del nostro Paese: ogni euro speso per le attività culturali genera due euro di ricaduta su beni e servizi. Si può guardare al futuro con ottimismo. E Franceschini conclude: Quando ho parlato del Mibact come del più importante ministero economico, l'ho fatto per convincere gli altri decisori politici che investire in cultura in Italia non è solo un dovere costituzionale, politico, morale, in linea con la nostra storia, ma anche un'opportunità di sviluppo economico: deve essere frutto di scelte strategiche.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news