LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quei tre giganti di marmo salvati da Venetian Heritage
di Tuzii Veronica
27-OTT-2019 corriere del Veneto

Corriere del Veneto Venezia e Mestre di domenica 27 ottobre 2019, pagina 23




Il ritorno Le statue di Rizzo restaurate dopo l'intervento di Peter Marino L'archistar ha donato 200mi1a euro. In mostra a Palazzo Ducale Quei tre giganti di marmo salvati da Venetian Heritage Laser e ultrasuoni, impacchi, bisturi, iniezioni di resine, cera microcristallina per proteggere la superficie hanno riportato all'antico bianco splendore tre giganti in marmo di Carrara alti oltre due metri. Sono le imponenti sculture di Adamo, Eva e Marte del veronese - attivo a Venezia nella seconda metà del Quattrocento - Antonio Rizzo, opere realizzate tra il 1470 e il 1472 per decorare le facciate dell'Arco Foscari nel cortile di Palazzo Ducale.

Già all'inizio del '900 versavano in un pessimo stato di conservazione a causa dell'erosione provocata dagli agenti atmosferici e per questo furono spostate all'interno dell'edificio e al loro posto installate delle copie in bronzo.

In soccorso delle magnifiche statue si era mossa nel 2015 l'organizzazione no-profit con sedi a Venezia e New York Venetian Heritage, che grazie alla generosità del Chairman Peter Marino ha promosso la cura dei malati eccellenti.

Un intervento lungo quattro anni e mezzo, con l'archistar che ha donato 225mi1a euro per finanziare i lavori, eseguiti da Jonathan Hoyte, coadiuvati da un comitato scientifico composto da Fondazione Musei Civici di Venezia, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per il Comune di Venezia e Laguna, Opificio delle Pietre Dure di Firenze, Scuola Normale di Pisa.

Esposte da ieri nella sontuosità degli ampi spazi della Sala dello Scrutinio del Ducale, dalla nuova illuminazione, questi capolavori ha rivelato la direttrice del Muve Gabriella Belli - hanno trovato in questa sala la casa ideale. Qui si pensa di lasciarli.

La restituzione ha evidenziato il palpitante realismo e potenza espressiva degli effigiati, i dettagli raffinati, la magnificenza. Prima del restyling le sculture rinascimentali si presentavano completamente annerite, con scheggiature e parti mancanti.

Il segreto del restauro? La cautela e la sensibilità riguardo ai tempi necessari ha spiegato la Soprintendente Emanuela Carpani. Un restauro sorprendente pure perla modalità del suo svolgimento, un cantiere aperto al pubblico che ha avuto luogo nel cosiddetto Liagò, terrazzo chiuso da vetrate al primo piano del palazzo dogale, ambiente un tempo ritrovo per i patrizi nelle pause delle sedute del Maggior Consiglio. Insomma, una bella storia d'arte e soprattutto di un mecenatismo illuminato: quello del visionario Marino, che ha definito proprio visionario l'autore delle statue. Per il designer - che possiede una collezione di sculture e bronzetti dal 500 al 700 - è stata una questione di cuore, così come lo è l'attività di Venetian Heritage, che sostiene iniziative culturali per far conoscere al mondo il patrimonio d'arte veneta e che con questa operazione - hanno detto presidente e direttore dell'Ufficio veneziano dell'organizzazione, Valentina Marini Clarelli Nasi e Toto Bergamo Rossi - festeggia nel migliore dei modi il ventennale.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news