LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PISA - La Mattonaia potrà essere venduta oppure affittata
di Venturini Carlo
Tirreno Pisa-Pontedera di giovedì 7 novembre 2019, pagina 2

La Mattonaia potrà essere venduta oppure affittata anche a pezzi La giunta intraprende una nuova strada per togliere dall'abbandono il complesso edilizio in parte mai completato Il vicesindaco Bonsangue: il valore di mercato è sceso di 610mila euro

PISA. Dopo 24 annidi abbandono, ora è lecito almeno sperare. La Mattonaia, l'enorme struttura edilizia lasciata al degrado in pieno centro storico, verrà divisa in tre blocchi immobiliari con valori diversi per permettere una più facile ed appetibile vendita. Questa, se non altro, è la speranza. Ma c'è un'altra novità: la Mattonaia potrà essere anche affittata, sempre suddivisa in tre blocchi, per circa 140mila euro annui. E la piazza intema, con tanto di fontana, potrebbe a breve essere privatizzata, ma manca ancora il via libera della Sovrintendenza. Sono queste le importanti novità annunciate al Tirreno da Raffaella Bonsangue, vicesindaco con delega al patrimonio. All'idea di suddividere la Mattonaia in tre blocchi non aveva pensato alcuna giunta negli ultimi venti anni e il nuovo ed originale percorso intrapreso da questa amministrazione fa seguito ai fallimenti delle vendite in blocco, con due aste andate deserte per un valore immobiliare di circa 2,8 milioni di euro nel 2018. Oggi il valore è sceso di circa 610mi1a euro. Abbiamo affidato ad una ditta esterna lo studio del valore economico dell'immobile ed abbiamo ricevuto delle stime giurate. La Mattonaia si snoda tra tre strade e non è di ugual pregio, visto che varia a seconda dello stato di avanzamento di lavori o del degrado, dice Bonsangue. Per quanto attiene la vendita, il valore della parte di Mattonaia che si affaccia su via Sant'Orsola è di 455mila euro circa. È questa la parte che vale di meno perché i lavori non sono completati, spiega la vicesindaco. La parte più pregiata, quella di via degli Orafi, è stimata invece 981mila euro circa, mentre la porzione che si affaccia su via Vernagalli vale 753mi1a euro circa. Per quanto attiene invece la locazione, si parte dai 33mi1a euro di via Sant'Orsola per arrivare ai 56mi1a di via degli Orafi passando peri 52mila di via Vemagalli. Non appena sarà risolto il problema delle destinazione d'uso della piazza, il Comune procederà ad una procedura pubblica di offerte per vendita e/o affitto. Ci siamo ritrovati un lascito pesantissimo e tenendo conto dei tempi della pubblica amministrazione siamo arrivati in breve tempo ad un progetto che vuole rendere fruttifero ciò che non lo è mai stato e che anzi costa di giorno in giorno sempre di più. Che la Mattonaia sia un macigno dai tempi della sua nascita è testimoniato dalla sua storia fatta di occupazioni, invasione di topi e piccioni che si spargono per tutte le stradine adiacenti, ricettacolo di tossici e spacciatori ed interventi di ristrutturazione senza che nessuno vi abbia mai abitato una sola ora. In molti non sanno che all'interno c'è una piazza (usata una volta come mercato e poi come parcheggio) con tanto di fontana. La piazza è pubblica, ma non lo sarà a lungo.
Chi comprerebbe un appartamento che si affaccia su una piazza pubblica senza sapere che uso ne sarà fatto?, dice Bonsangue. Ovviamente, tutto è demandato alla Sovrintendenza. Un altro nodo insoluto fino ad oggi è quello del rapporto con la Curia perché su quella piazza si affaccia il retro della chiesa di San Michele in Borgo. L'Arcidiocesi vanta delle pertinenze su quello spazio, non da ultimo anche l'accesso alla meravigliosa cripta affrescata. I contatti tra Comune ed arcivescovo ci sono stati in passato con l'allora assessore Andrea Serfogli e continuano anche ora con Bonsangue. La vicesindaco è consapevole dello stallo del mercato immobiliare: Sì, ma siamo coerenti con l'operato di questa giunta e *** cioè che si deve rendere fruttifero quel bene per non gravare ulteriormente sulle tasche della collettività.

Intanto è in arrivo un software per catalogare e gestire gli oltre 4mila immobili e beni di pertinenza del Comune. Sembra impossibile ma è così, e cioè che una smart city come viene definita Pisa non abbia mai avuto una digitalizzazione intelligente dei dati del patrimonio immobiliare pubblico in dismissione o da riutilizzare come il patrimonio agricolo. Ce ne siamo accorti quando ci siamo insediati - dice Raffaella Bonsangue - e vi stiamo ponendo rimedio anche perché il nostro patrimonio non è fatto solo da Mattonaia, Santa Croce in Fossabanda e Coccapani, ma abbiamo molti immobili e terreni da monitorare. Si tratta spesso di beni non accatastati bene o di difficile consultazione provenienti anche da altri Comuni o da enti in dismissione



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news