LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una grande mostra all’Ara Pacis: si celebra Aquileia gioiello romano
Elisa Michellut
09 Novembre 2019 IL MESSAGGERO VENETO



Il percorso è scandito da una ricca collezione di preziosi reperti archeologici. Non mancano le fotografie del maestro Elio Ciol e nuovi materiali multimediali


Roma celebra i 2200 anni dalla fondazione di Aquileia con una mostra al Museo dell’Ara Pacis. Da oggi fino al 1 dicembre un’esposizione di grande suggestione racconterà le tappe salienti della storia di Aquileia attraverso preziosi reperti provenienti dal Museo Archeologico Nazionale di Aquileia e importanti testimonianze dal Museo della Civiltà Romana.

Promossa da Roma Capitale, assessorato alla crescita culturale Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e realizzata dalla Fondazione Aquileia in collaborazione con il Polo Museale Fvg e il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, che ha prestato alcune opere d’arte di eccezionale valore, la mostra “Aquileia 2200. Porta di Roma verso i Balcani e l’Oriente” è stata presentata, ieri mattina, a Roma, alla presenza del presidente della Regione Massimiliano Fedriga e della Soprintendente capitolina, Maria Vittoria Marini Clarelli.

La mostra intende ripercorrere le numerose “trasformazioni” della città nei suoi momenti storicamente più significativi.

L’affascinante percorso è stato curato da Cristiano Tiussi, direttore della Fondazione, e da Marta Novello, direttrice del museo di Aquileia, con un contributo, per la parte fotografica, di don Alessio Geretti, curatore delle iniziative culturali di Illegio.

«Roma celebra Aquileia quale ricchezza nazionale – le parole del presidente della Regione Fedriga –. Per entrambe le città questa esposizione sarà un’opportunità di reciproca conoscenza. Questo luogo è una vetrina di cui Aquileia ha grande diritto, essendo stata una delle principali protagoniste della storia di Roma. Questa mostra è un’occasione per far conoscere Aquileia e tutto il Fvg. Così come Aquileia è stata la porta verso Oriente con la via dell’Ambra, anche la regione, attraverso la nuova via della Seta, è oggi riferimento principale verso quel mondo».

Un evento che sarà accompagnato da una serie di appuntamenti di promozione del territorio nella capitale. Il presidente della Fondazione, Antonio Zanardi Landi, ha aggiunto: «Siamo grati al Presidente Fedriga per averci sostenuto e accompagnato in questa iniziativa, che chiude le celebrazioni dei 2200 anni di Aquileia con questa mostra e con 12 eventi all’Ara Pacis destinati a raccontare la città di Aquileia con il coinvolgimento degli operatori e rappresentanti del mondo culturale, diplomatico e accademico». Zanardi Landi, ha ricordato che «Aquileia è stata interfaccia attiva della città capitolina nei confronti dell’Oriente e del Mediterraneo, per poi avere una pulsione missionaria nella diffusione del Cristianesimo, che la rese nuovamente protagonista per secoli».

Dell’originalità del messaggio che proviene dalle testimonianze del passato aquileiese sono prova i reperti e le opere che segnano il percorso espositivo, che offre una suggestiva selezione di calchi in gesso, modelli e preziosi pezzi originali, avvalendosi anche del supporto di strumenti multimediali. Tra le diverse opere, alcune pregevolissime: l’iconica “testa di Vento” bronzea, la testa di vecchio, improntata a forte realismo, la bellissima stele funeraria del gladiatore, due eccezionali mosaici, rilievi marmorei e statue. È, inoltre, presente un’ampia e preziosa collezione di oggetti in ambra. Della mostra faranno anche parte 23 calchi di reperti aquileiesi realizzati nel 1937 in occasione della Mostra Augustea della Romanità, oggi custoditi al Museo della Civiltà Romana, alcuni restaurati per l’occasione grazie alla Fondazione. Ancora, nella sezione del Cristianesimo, un bassorilievo in pietra calcarea del IV secolo raffigurante l’abbraccio tra Pietro e Paolo, e, per concludere, due spaccati storici sul Patriarcato di Aquileia e sul Milite Ignoto. In quest’ultima sezione sarà esposto, per la prima volta recentemente donato allo Stato, il tricolore che avvolse, nella cerimonia in Basilica ad Aquileia nel 1921, il feretro del soldato scelto da Maria Bergamas per rappresentare tutte le vittime disperse in guerra.

Al centro del percorso espositivo sono collocate 43 splendide fotografie del maestro friulano Elio Ciol. Sarà, infine, proiettato un estratto del docufilm “Le tre vite di Aquileia”, realizzato da 3D produzioni.

L’eccezionalità dell’evento è stato richiamato anche nelle parole della Soprintendente capitolina, Maria Vittoria Marini Clarelli, del vicesindaco di Roma, Luca Bergamo, del direttore del Polo Museale Fvg, Luca Caburlotto, e del sindaco di Aquileia, Emanuele Zorino.

L’esposizione ha il patrocinio del Ministero, il sostegno della Regione e la partecipazione della Società per la Conservazione della Basilica, dell’Associazione Nazionale per Aquileia e della Cineteca del Friuli. L’evento è reso possibile grazie a PromoTurismoFvg, Camera di Commercio Pordenone-Udine e il supporto di Ferrovie dello Stato. —

https://messaggeroveneto.gelocal.it/tempo-libero/2019/11/09/news/una-grande-mostra-all-ara-pacis-si-celebra-aquileia-gioiello-romano-1.37880351?ref=search


news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news