LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

L’amministrazione comunale di San Daniele del Friuli sta da alcuni mesi portando avanti un progetto riguardante la famosa e preziosa Biblioteca Guarneriana: esso prevede la separazione delle due sezioni, antica e moderna, lo spostamento di quest’ultima in un edificio lontano dal centro cittadino e, soprattutto, l’affidamento della gestione della prima - nata dalla precisa volontà di Guarnerio d’Artegna di mettere i propri libri a disposizione della comunità - a un ente terzo, forse una fondazione, che dovrebbe ‘valorizzarla’ anche mediante un’esposizione permanente di manoscritti nei locali ora occupati dalla sezione moderna.

Contro questa iniziativa, in difesa della Biblioteca, si è costituito il Civico Comitato Guarneriano, che è riuscito a ottenere anche un referendum consultivo per il 24 novembre prossimo.

Nel frattempo, visto che l'amministrazione comunale non ha fornito nessun chiarimento o nessuna rassicurazione sul destino della Biblioteca, è stata scritta una lettera aperta rivolta al sindaco di San Daniele del Friuli, Pietro Valent, affinché dia ascolto ai pareri degli esperti in materia.

Se condividete i timori del Comitato, espressi nella lettera che trovate riportata qui sotto,
potete aderire all'appello rispondendo "sì" all'indirizzo 1466ccg@gmail.com, mettendo in oggetto "appello per la biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli" e indicando con quale titolo desiderate essere indicati.

Segnaliamo anche, per aggiornamenti, il sito fb Civico Comitato Guarneriano


Riportiamo qui il testo della lettera:

LETTERA AL SINDACO DI SAN DANIELE
Egregio Sindaco Valent,
Apprendiamo dei Suoi progetti circa la Biblioteca Guarneriana, e facciamo nostra l’apprensione di quella parte di cittadinanza che si è mobilitata chiedendo un referendum per poter esprimere il proprio pensiero sul futuro che la Sua Amministrazione preannuncia per la prestigiosa biblioteca.
Riteniamo doveroso esprimere pubblicamente la nostra preoccupazione. Il patrimonio della Guarneriana è, del resto, d’interesse per l’intera comunità scientifica mondiale. Il suo fondo antico, specialmente quello manoscritto, rappresenta un eccezionale documento per la storia della cultura. Per il valore dei testi trasmessi; per l’importanza e la bellezza dell’apparato figurativo di quelli arricchiti da miniature; per il dialogo tra testo e immagine; per il ruolo che il libro ha svolto in ogni epoca storica; ma anche, come espressione della volontà dei collezionisti che hanno donato le proprie biblioteche personali alla comunità cittadina; e per le valenze che tale patrimonio riveste come cifra della memoria di un’intera realtà culturale. Ciò che il Suo progetto sembra voler realizzare è la ‘museificazione’ della Sezione Antica della Guarneriana, con codici esposti in bacheca: una biblioteca resa visibile più che consultabile, con una “valorizzazione” che non passa attraverso lo studio e la ricerca scientifica, ma attraverso la commercializzazione, in una concezione economicistica della biblioteca, con un’idea di cultura come business, dove tutto quello che non fa cassa non serve, dove il passaggio del turista è l’unico scopo da raggiungere.
Il patrimonio librario e archivistico non può essere ‘museificato’ perché verrebbe meno la sua principale funzione cioè la fruizione, intesa come studio, ricerca e conoscenza. Una “valorizzazione”, inoltre, che trascura di tenere in conto gli elementi essenziali per la conservazione di un patrimonio unico. La raccolta libraria della Guarneriana contiene un’ampia serie di materiali organici, come pelli animali, carta, tessuto, tutte sostanze che per loro natura sono sottoposte a continui e inevitabili processi di invecchiamento. Tutte le lunghezze d’onda della luce – visibile, infrarosso e ultravioletto – accelerano la decomposizione chimica dei materiali organici: la luce, naturale o artificiale che sia, provoca la decolorazione, l’ingiallimento o l’imbrunimento delle carte e delle pergamene; provoca scolorimento di supporti e colori, cambiamento di colore, alterazione della leggibilità e dell’aspetto dei documenti. Ed il danno provocato dalla luce è irreversibile.
La Guarneriana ha una storia, come pubblica istituzione, di cinque secoli e mezzo: cinque secoli e mezzo di continuità, dal lascito guarneriano ad oggi. Pubblica la proprietà giuridica e pubblica la destinazione, fin dai tempi del testamento di Guarnerio. La “pubblica utilità” del patrimonio culturale si rifà – citando Salvatore Settis – ai valori di storia, cultura, arte e memoria, a valori collettivi, a quei legami e responsabilità sociali che sono sempre e comunque di pertinenza pubblica, cioè dell’insieme di tutti i cittadini.
Questa sovranità popolare comporta, da un lato, la massima accessibilità a tutti, e dall’altro la responsabilità da tutti condivisa, di preservarlo per le generazioni future. I cittadini sono gli eredi e i proprietari del patrimonio culturale. Nel caso della Guarneriana, i cittadini di San Daniele lo sono, non solo nel suo valore simbolico e metaforico, come incarnazione di quella comunità e della sua memoria storica, ma anche nel suo valore giuridico. Cedere la valorizzazione del patrimonio della Guarneriana ad un ente terzo, partecipato da privati, così come sembra voler fare Lei, Sindaco Valent, significa di fatto – se non di diritto – cedere la titolarità di tutte le scelte che riguardano tale patrimonio. Nel consiglio d’amministrazione di una fondazione, la voce dei cittadini di San Daniele sarà solo una tra molte: per decisioni che la comunità non condivida, i cittadini non avranno più alcuno strumento per far sentire con forza la propria voce, neppure più l’arma del referendum. Da ultimo, l’allontanamento dal cuore cittadino di una porzione della Guarneriana– di quella porzione di biblioteca, la Sezione Moderna, che offre servizi a tutti i Suoi concittadini e che insieme offre l’indispensabile supporto alla conoscenza e alla ricerca scientifica sul patrimonio dell’Antica – per sostituirla con servizi ad uso dei turisti, avrà sicuramente un impatto duraturo sulla comunità che, pro tempore, Lei ora amministra. Il turismo, di per sé, certamente rappresenta una risorsa per un territorio, ma è stato valutato il rischio dell’overtourism e dell'estromissione dei sandanielesi dallo spazio urbanistico che qualifica la loro stessa identità storica e comunitaria, come purtroppo si è già visto in molti casi in Italia? Sicuramente la Città di San Daniele ha diritto di scegliere il proprio destino e le modalità di gestione della Biblioteca Guarneriana, e, Sindaco Valent, noi, anche per questo, La invitiamo a riflettere attentamente e ad ascoltare la voce di una comunità cittadina che si è attivata – prima in Italia, nella storia del Paese – per tutelare la propria biblioteca.











news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news