LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENEZIA - Luigi DAlpaos Professore di Idrodinamica, le sue proposte furono scartate Era meglio il modello Rotterdam Comunque quel progetto non va
SANDRA AMURRI
Sabato 16 Novembre 2019 | IL FATTO QUOTIDIANO


Cinque anni fa il professor Luigi DAlpaos, oggi professore emerito di idraulica nellUniversità di Padova, uno dei maggiori esperti di idrodinamica e morfo-dinamica lagunare, rivelò al Fatto che il Consorzio Venezia Nuova alla soluzione, da lui prospettata per risolvere il problema dell'acqua alta, aveva preferito il Mose, opera più sofisticata e molto onerosa perché sarebbe stata realizzata grazie a un circuito perverso fra politica, finanza e tecnica. Oggi, di fronte alla tragedia di Venezia e al cantiere infinito del Mose il professor D'Alpaos, autore di molti libri, l'ultimo Sos Laguna (Mare di carta), dice: La ragione del dopo serve a poco ma se avessimo avuto un'opera capace di chiudere le bocche di porto il disastro si sarebbe evitato. Il Mose ha costi di gestione e manutenzione proibitivi: Quando lo approvarono ricorda dissero che sarebbero stati di 10-15 milioni annui, ora devono ammettere 100-120 milioni.
E si torna a parlare del modello olandese: Eh sì! Le paratoie del canale di Rotterdam, operative da 20 anni, diversamente da quelle del Mose che sono sempre sommerse e trattandosi di meccanismi delicati comportano incrostazioni delle cerniere e non solo, quando non sono operative, stanno all'asciutto ai due lati del canale, protette in appositi vani. Vengono azionate quando bisogna sbarrare il canale e rimangono nell'acqua solo per i brevi periodi in cui è necessario difendere Rotterdam dalla marea. Ma ora bisogna terminare il Mose anche se non sappiamo se e quando sarà possibile e quanto costerà.
DAL 2014 ci sono i commissari: Avrebbero dovuto fare una ricognizione e tirare una bella linea, invece per 120 mila euro l'anno ognuno, hanno fatto l'elenco della spesa senza mai dire il prezzo, accorgendosi il giorno dopo che occorreva aggiungere qualcosa, dice DAlpaos. Il governo sembra averlo ascoltato nominando una nuova commissaria, Elisabetta Spitz: Trattandosi di un'opera di ingegneria complessa occorreva un ingegnere. Uno degli uscenti lo è.Sì ma nel campo delle costruzioni dice DAlpaos , mentre occorre uno specialista di idrodinamica e morfodinamica lagunare. Il Mose comunque è una soluzione a breve termine, questa tragedia potrà ripetersi visto che in un secolo avremo un innalzamento del livello medio del mare da 70 centimetri a un metro. Dovremo scegliere: mi difendo dall'acqua alta salvaguardo lecosistema lagunare o la portualità veneziana? Occorreva pensare alla creazione di insule, progetto accantonato perché disturbava il manovratore, il Consorzio, come, ad esempio, il sollevamento del suolo rispetto al mare iniettando fluido a grandi profondità. Ma servono tecnologie e conoscenze che nessuno, in 40 anni, ha voluto acquisire. Quando Cacciari sindaco mi invitò a parlarne, mi trovai contro tutti. Galan ha detto: Ho davvero male al cuore, Venezia è la città che amo di più. Ripeto la risposta che gli diedi quando mi definì infermiere dell'idraulica: in ospedale è meglio essere curati da un infermiere esperto che da un primario messo lì dalla politica.



news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news