LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La nuova cassaforte del Louvre. I depositi vanno a Nord: il più grande movimento di opere dalla seconda guerra mondiale
da Newsletter, Il Giornale dell'Arte, novembre 2019


Una veduta degli interni del nuovo centro di conservazione del Louvre.

Liévin (Francia). Il nuovo Centro di conservazione del Louvre, che negli ultimi anni ha sollevato tante polemiche tra gli stessi conservatori del museo, è stato inaugurato lo scorso 8 ottobre. Circa 250mila opere saranno trasferite da Parigi verso il nuovo moderno edificio nel Nord della Francia, a unora di treno dalla capitale e a poca distanza dalla sede del Louvre-Lens.

Loperazione, molto delicata data la fragilità di alcune opere, richiederà cinque anni. Il direttore del Centro, Brice Mathieu, ne ha parlato come del più grande movimento di opere dalla seconda guerra mondiale, quando il Louvre trasferì le sue collezioni per far fronte alla minaccia dinvasione tedesca. Il fatto che ledificio sia pronto e che il trasferimento prenda il via non ha però spento le polemiche.

Oggi le opere dei depositi del Louvre sono sparse in più di 60 siti. Alcuni locali nel sottosuolo del museo sono a rischio esondazione e a ogni grande piena della Senna, come è successo per le alluvioni del 2016 e del 2018, viene lanciato un dispositivo ben rodato di evacuazione delle opere, che vengono trasferite ai piani superiori comportando però la chiusura al pubblico di certe sale.

Per mettere definitivamente al sicuro le opere del museo, il progetto di decentralizzazione a Liévin, con la creazione di un unico deposito bunker, fortemente appoggiato dal direttore del Louvre Jean-Luc Martinez, fu dunque lanciato nel 2013. Budget totale: 60 milioni di euro, finanziati dal Louvre (34,5 milioni) con il contributo dellUe (18 milioni), della Regione (5 milioni) e del Ministero francese della Cultura (2,5 milioni).

Si sono invece mostrati contrari al progetto alcuni conservatori che hanno anche lanciato petizioni contro il trasferimento delle opere da Parigi. Denunciavano il costo ai loro occhi sproporzionato delloperazione, il rischio di danneggiamento durante il trasporto e le difficoltà che incontreranno per effettuare il lavoro quotidiano, data la distanza tra Parigi e i nuovi locali.

La loro protesta non ha frenato il progetto. Il nuovo edificio, un blocco sobrio di cemento di 18.500 metri quadrati, di cui 9.600 allestiti a magazzino, incastonato dentro il paesaggio e ricoperto da un tetto vegetale, è stato progettato dallo studio di architetti londinese Rogers Stirk Harbour + Partners. Il magazzino, organizzato in otto settori, si articola intorno a un corridoio centrale, detto il boulevard des œuvres.

Le prime opere che lasceranno Parigi per Liévin sono proprio quelle dei settori del museo a rischio esondazione. Il Centro è nato anche come luogo di ricerca, con 1.700 metri quadrati dedicati a sale per lo studio e agli atelier di restauro. La nuova cassaforte del Louvre potrà anche essere usata come rifugio per le opere darte evacuate dalle zone di conflitto, su richiesta dei Paesi stranieri.
Luana De Micco, da Il Giornale dell'Arte numero 402, novembre 2019

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/la-nuova-cassaforte-del-louvre/132182.html


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news