LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari, la Biblioteca nazionale sospende i servizi
di ANTONELLO CASSANO
la Repubblica 17 novembre 2019

La Sagarriga Visconti, la più grande in Puglia e fra le più importanti al Sud, ha interrotto i prestiti dei volumi e le attività di accoglienza e vigilanza: manca il personale


Sospesi i servizi di prestito e distribuzione di libri, ma anche la vigilanza e l’accoglienza. Dal primo dicembre la Biblioteca nazionale Sagarriga Visconti Volpi di Bari chiude di fatto ogni possibilità di accesso al suo patrimonio librario e diventa in sostanza inutilizzabile. Una grave perdita per la cultura in città, visto che parliamo della più grande biblioteca pubblica pugliese e di una delle più grandi nell’Italia meridionale dopo le biblioteche nazionali di Napoli e Palermo. Colpa della solita carenza di personale. È quanto conferma anche Eugenia Scagliarini, la direttrice della Sagarriga Visconti Volpi, in una comunicazione ufficiale inviata alle organizzazioni sindacali e alla Direzione generale biblioteche e Istituti culturali.

Nella nota si fa notare che la direzione della biblioteca barese ha garantito «grazie alla generosa disponibilità del personale l’apertura su 11 ore fino a oggi» evidenziando «ormai l’impossibilità a far data dal 1° dicembre di erogare il servizio di distribuzione e quindi il servizio di prestito. Non potrà garantire altresì la vigilanza all’ingresso, considerato che, come per tempo anticipato, si dispone di un’unica unità utile assistente fruizione, vigilanza e accoglienza (parzialmente abile)». Le altre due unità presenti in organico — prosegue la nota — dovranno usufruire delle ferie residue maturate prima di andare in pensione a partire dal primo gennaio del 2020 e «pertanto non saranno più presenti». Le ulteriori due persone in organico invece sono dislocate in altri uffici. Da qui il grido di aiuto: «Alla luce della drammatica situazione cui si è giunti si chiede alla Direzione quale soluzione adottare vista l’impossibilità a fornire i servizi».

Aperta al pubblico il 5 aprile del 1865, la biblioteca nasceva da un nucleo di 2 mila volumi donati dal senatore barese Gerolamo Sagarriga Visconti Volpi. Un patrimonio cresciuto negli anni soprattutto con l’acquisizione delle biblioteche dei conventi soppressi nella provincia barese. Nel 2006 il trasferimento definitivo nella Cittadella della cultura all’ex Macello comunale. Oggi la Biblioteca nazionale di Bari conserva più di 300 mila volumi di monografie, 55 incunaboli, 50 mila volumi antichi a stampa, 5 mila periodici e poi manoscritti, pergamene e epistolari, oltre che carteggi di personalità del calibro di Tommaso Fiore. Materiale non più consultabile dal prossimo mese. Eppure da giorni Fp Cgil, Fp Cisl e Uilpa avevano lanciato l’allarme: «Già dalla giornata dell’11 novembre — avevano scritto in un comunicato congiunto — si sapeva che non ci sarebbe stata nessuna unità alla movimentazione dei libri. Martedì scorso all’orario di apertura non c’era nessuno all’ingresso. Tutto questo mette in discussione la sicurezza del patrimonio librario e dei lavoratori, visto che chiunque può entrare».

Ora la direzione della Sagarriga Visconti ha convocato per il 22 novembre un incontro con i sindacati che si preparano alla protesta: «Da tempo stiamo denunciando le difficoltà dei beni culturali nella nostra terra legate alla carenza di organico a causa dei pensionamenti — fanno notare Dario Capozzi Orsini e Matteo Scagliarini, segretario della Fp Cgil Bari e segretario della Fp Cgil Mibac Bari — Sembra un inesorabile declino che non trova soluzione. La situazione che sta attraversando la Biblioteca nazionale pare ormai raggiungere un punto di non ritorno e purtroppo fra poco anche l’Archivio di Stato di Bari, che ha sede sempre nell’ex Macello, si troverà nella stessa situazione. Nonostante la direzione abbia inviato note allarmate, non ha ricevuto alcun riscontro. Il rischio di chiusura sembra inesorabile. Un grandissimo patrimonio librario, di conoscenze e di storia del territorio è messo a rischio. Noi continueremo a lottare per scongiurare questo pericolo».

https://bari.repubblica.it/cronaca/2019/11/17/news/bari_la_biblioteca_nazionale_sospende_i_servizi-241240926/?ref=search


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news