LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Perché lEuropa deve ridare allAfrica i beni sottratti col colonialismo (ma ci sono resistenze)
Dario Ronzoni
Linkiesta, 27/11/2019

Nonostante le promesse di Macron la Francia è ancora ferma. Gli altri Paesi si stanno muovendo, ma è ancora poco. Quello che conta è che la sensibilità sta cambiando: finalmente si tiene conto delle richieste delle ex colonie


Aveva promesso, nel novembre 2018, che avrebbe restituito al Benin 26 manufatti sottratti durante il colonialismo. Non è successo niente. Un anno prima, a Ouagadougou in Burkina Faso, aveva annunciato che nel corso di cinque anni, la Francia avrebbe ridato le opere darte e il patrimonio culturale ai Paesi africani che lo avrebbero richiesto. In quel contesto, in mezzo agli applausi del pubblico (e ai brividi freddi dei direttori dei musei nazionali), il presidente francese Emmanuel Macron aveva anche incaricato due studiosi, il senegalese Felwin Sarr e la francese Benédicte Savoy, di scrivere un report per pianificare le operazioni di restituzioni. La ricerca è stata presentata allEliseo nel novembre 2018. E, a un anno di distanza, è ancora tutto fermo.

Macron non è lunico a essersi interessato alla questione. Negli ultimi anni, complice anche una maggiore sensibilità sul tema e il lavoro di alcune campagne apposite ad esempio, per scatenare reazioni più virulente, basterà citare quella della Open Society di George Soros (proprio lei, proprio lui) che negli ultimi giorni ha annunciato uniniziativa di quattro anni e 15 milioni di dollari per promuovere il ritorno in Africa del patrimonio rubato durante il colonialismo la questione è diventata sempre più presente nel dibattito pubblico. Se ne è discusso, se ne discute ancora, sia dal punto di vista dei principi (è giusto ridare opere darte a distanza di decenni se non secoli?) che da quello, più concreto della realizzabilità. Sui fatti, però cè molto poco.

Le intenzioni di Macron erano chiare: mantenere buoni rapporti di vicinato con i Paesi africani ex colonie, anche attraverso un crescente riconoscimento del valore del loro patrimonio culturale. È a questo che va ricondotta la sua promessa fatta a Ouagadougou. Il problema è che, come ricorda tra gli altri anche il New York Times, i beni culturali francesi sono considerati inalienabili per legge. Non possono essere venduti né ceduti, al limite prestati e solo tramite accordi specifici. Per cui resistituire al Benin le 26 statuette cerimoniali, custodite al museo di Parigi Quay Branly, senza che prima venga approvata dal Parlamento francese una legge che cambi il quadro della situazione appare, anzi, è impossibile.

Lo dimostra anche la celebrata restituzione del 18 novembre di questanno della spada di Omar Saidou Tall, capo della lotta anti-coloniale contro la Francia, al Senegal che è in realtà un prestito mascherato. Larma, che si trovava già al museo di Dakar, resterà lì per altri cinque anni, in attesa che si approvi una legge per la sua cessione ufficiale. Anche in quel caso parole di Edouard Philippe, il primo ministro francese si parla di un percorso di restituzione ancora da intraprendere. Ma per modificare la legge ci vuole il coinvolgimento dei politici, che richiede per forza un lavoro di convincimento e di compromesso. E il report di Sarr e Savoy, che tra le varie critiche ricevute viene considerato accademico e irrealistico, non ne vuole nemmeno parlare: gli Stati africani chiedono, gli Stati europei dovrebbero impegnarsi a ridare. Punto.

Le intenzioni di Macron erano chiare: mantenere buoni rapporti di vicinato con i Paesi africani ex colonie, anche riconoscendo il valore del loro patrimonio culturale

Se in Francia non succede granché, negli altri Paesi europei, invece, qualcosa si sta muovendo. La Germania ha restituito alla Namibia una croce di pietra marina e alcuni resti umani acquisiti dai tedeschi nel 1904. LOlanda ha annunciato di voler ridare allEtiopia una corona regale, e da New York è già arrivato in Egitto un antico sarcofago che era custodito, fino a settembre, al Metropolitan Museum. Perfino gli inglesi hanno rimandato ad Addis Abeba due ciocche di capelli tagliate da un soldato nel 1868 dal corpo dellimperatore abissino appena deposto.

Piccole cose (sarcofago a parte) che forse indicano un cambiamento di vedute, ma che continuano a trovare forti resistenze. Prima di tutto, culturali. Certo, è evidente, come spiega la stessa Savoy, autrice del report, che la situazione del dislocamento dei beni culturali è del tutto sproporzionata: quasi tutto è fuori dallAfrica e niente è in Africa, ci sono regolamenti e prese di posizione che vanno in senso contrario.

Il British Museum, per fare un esempio, possiede più di 70mila reperti dallAfrica subsahriana e non considera, per legge, la possibilità di restituirli. Permette, però, di prestarli, anche a lungo termine, ad altre istituzioni. Ogni collezione del museo, spiega il direttore, trova valore nella sua ampiezza, nella sua complessità e nella sua unità, ed è vero. Non è la cosa in sé, è il suo contesto (anche se, viene da chiedersi, quale sarebbe il miglior contesto dei marmi del Partenone se non il Partenone stesso?). Per questa ragione ci si muove creando partnership e accordi con altri musei del mondo, attraverso incontri, discussioni e iniziative specifiche per ogni reperto. Una procedura non univoca, insomma, che segue caso per caso la riconsegna (e le sue modalità) delloggetto, sembra quella prevalente.

E, a dire la verità, è al momento anche lunica che ha portato a qualche risultato. Oltre alle restituzioni elecante sopra, del resto, ha funzionato così anche quella fatta dallItalia allEtiopia nel 2008, quando riconsegnò e innalzò lobelisco di Axum (operazione comunque dovuta in base agli accordi firmati nel 1947). A promuovere liniziativa allora fu del sottosegretario Alfredo Mantica, molto legato alla questione africana, e il governo era di Silvio Berlusconi, installato da poco. Inutile dire che ci furono molte resistenze, anche allora. E che furono superate. Nel quadro di una nuova sensibilità, operazioni di questo tipo, pur con tutte le valutazioni del caso, andrebbero riprese, anche solo per opportunità politica: il mondo sta cambiando.

https://www.linkiesta.it/it/article/2019/11/27/europa-africa-patrimonio-culturale-francia-macron-etiopia-italia/44525/


news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news