LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

San Gimignano. Benozzo Gozzoli sempre meno peccaminoso
Laura Lombardi
Il Giornale dell'Arte numero 402, novembre 2019

Dopo lappello lanciato da Daniele Rossi sul Corriere della Sera nel maggio scorso, che segnalava la gravità dello stato di conservazione del ciclo di affreschi di Benozzo Gozzoli nella Chiesa di SantAgostino (il più celebre tra i ventuno cicli europei riferiti alla vita del santo), prende il via, grazie a un primo stanziamento da parte del Ministero di 200mila euro, lintervento di messa in sicurezza affidato allo stesso Rossi e diretto da Felicia Rotundo per la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Siena, Grosseto e Arezzo.

La tecnica di esecuzione adottata tra il 1464 e il 1465 dal pittore fiorentino è la stessa miscela di buon fresco e tempera con impiego di olio usata per il Corteo dei Magi di Palazzo Medici a Firenze. La vita di santAgostino è narrata sulle tre pareti del coro in diciassette scene su tre registri, ciascuna identificata con iscrizioni latine umanistiche ideate da fra Domenico Strambi, agostiniano formatosi allUniversità di Parigi, teologo riformatore e committente del ciclo, in cui è commemorata anche santa Monica, madre di tutti gli agostiniani.

Per indicare la crescente illuminazione spirituale la narrazione ascende simbolicamente dalla peccaminosità della giovinezza (primo registro) alla conversione, al Battesimo e alla fondazione apocrifa dellordine agostiniano (secondo registro). Lo stato di degrado degli affreschi deriva in gran parte dai danni strutturali della chiesa (da alcuni anni monitorata dalla Soprintendenza) dovuti a cause solo in parte chiarite, quali i movimenti tellurici e i cedimenti delle sottofondazioni. Lo dimostrano le profonde crepe, come quella che attraversa laffresco con San Gimignano che benedice tre personaggi illustri della città.

Il quadro fessurativo presente fin dagli anni Ottanta nella parte absidale e sulla parete destra della navata si è accentuato notevolmente per cui al tempo del ministro Bonisoli è stata formulata una proposta progettuale per una spesa di 510mila euro che prevede la messa in sicurezza dellintero edificio, vale a dire il consolidamento delle strutture murarie (preceduto da una campagna di indagini geotecniche), il miglioramento sismico della parte absidale e il restauro degli affreschi.

Gli ultimi restauri al ciclo di Gozzoli risalgono agli anni Novanta, ma, come ricorda Daniele Rossi, intorno agli anni Settanta alcuni degli affreschi furono oggetto di strappo e trasferiti su un pannello in vetroresina per poi essere ricollocati sulla parete medesima. Se queste scene presentano distacchi dalle cortine murarie e il conseguente indebolimento e frammentazione degli stucchi sul perimetro di collegamento alle scene non staccate, ancor più preoccupante è lo stato della maggior parte delle scene dipinte.

Queste ultime infatti, convivendo tuttora con la struttura muraria originale della chiesa costituita da mattoni in cotto e pietre di varie dimensioni, risentono costantemente dei movimenti anche minimi e dei dissesti delle murature, con rischi ingenti e irreversibili di perdita di intonaco e di colore.

In questa prima fase Rossi asporterà le polveri incoerenti, fisserà il colore pericolante o parzialmente decoeso e, per bloccare i distacchi degli strati preparatori, effettuerà iniezioni di malte idrauliche nella craquelure. Infine fisserà o rimuoverà le stuccature pericolanti. Auspicando lo stanziamento dei fondi per andare avanti.

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/benozzo-gozzoli-sempre-meno-peccaminoso/132238.html


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news