LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Assisi. La Basilica di Assisi, vent'anni dopo il Cantiere dell'utopia
Padre Enzo Fortunato
Huffington Post, 28/11/2019

La celebrazione per la riapertura della Basilica Superiore di San Francesco ha un valore simbolico perché ci invita a tenere la porta del cuore aperta all’altro; esistenziale perché è il tetto di ogni uomo di buona volontà; spirituale perché ci dice che in ogni tragedia è possibile ricominciare. Aprire ogni giorno le porte della Basilica – come afferma il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Mauro Gambetti - vuol dire aprire il cuore all’altro, donare speranza e ascolto a ciascun uomo.

Riaprirle il 28 novembre 1999, a poco più di due anni dal terremoto che sconvolse Umbria e Marche, significò restituire al mondo quell’amore e quella speranza che la tragedia aveva offuscato. Sembrava impossibile riuscirci in così poco tempo. Di fronte agli affreschi crollati nella Basilica di San Francesco d’Assisi - era il 26 settembre 1997, ore 11.42 - era utopia immaginare che tutto si sarebbe potuto ricostruire velocemente. Che i francescani avrebbero avuto di nuovo la loro Casa e pellegrini, turisti e fedeli avrebbero potuto contemplare nello stesso modo la meraviglia della volta dipinta da Cimabue.

Quella mattina, Assisi e il mondo intero ebbero davanti solo immagini di polvere e morte. Io stesso, che mi trovavo nella chiesa durante i sopralluoghi con tecnici della Sovrintendenza, giornalisti e frati, le respirai. Morirono in quattro: Bruno Brunacci, Claudio Bugiantella, padre Angelo Api e il giovane postulante Zdzislaw Borowiec. Utopia divenne anche, anzi soprattutto, pensare di risollevarsi da quel dolore.

In quello stesso giorno Antonio Paolucci, sovrintendente a Firenze e ministro per i Beni Culturali durante il governo tecnico di Lamberto Dini, fu nominato, dall’allora governo Prodi, commissario straordinario per il restauro del complesso monumentale di Assisi. “Non ci sarà grande Giubileo del 2000 senza la Basilica riaperta”, annunciò. Non era forse, anche questa, una gigantesca seppur bellissima utopia?

Non poteva che apparire tale. Ma la marcia venne ingranata subito: i lavori cominciarono con la terra ancora attraversata da scosse. Furono profusi molto amore e molto coraggio dalle centinaia di persone - in media 100 al giorno tra operai e restauratori - che per San Francesco si rimboccarono le maniche.

Era il “Cantiere dell’Utopia”, come lo stesso Paolucci battezzò, non senza un pizzico di scaramantica ironia, il progetto di rinascita della Basilica. La prima porta a essere riaperta fu quella della Basilica inferiore, l’8 dicembre 1998. L’utopia aveva contorni ogni giorno più sfumati. Si stava trasformando gradualmente in realtà. Nella Basilica superiore la parola utopia fu cancellata una volta per tutte il 28 novembre 1999: mancava poco più di un mese all’inizio del Giubileo e la luce tornò a entrare dalle porte principali, il cardinale Angelo Sodano e l’allora presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, “riaprirono” le porte della Basilica. Sopra le nostre teste, un soffitto alleggerito da 1200 tonnellate di materiali di riempimento accumulati, i volti di San Rufino e San Vittorino ricollocati sulla volta d’ingresso, le architetture ricostruite.

Una gioia indefinibile. Oggi torniamo a vent’anni fa non solo ricordando le immagini e le emozioni del giorno che ci ha restituito nuova vita, ma scrutandone il significato più profondo: celebrare il cuore che si apre agli altri. A 20 anni esatti dalla riapertura la comunità francescana del Sacro Convento ricorda quella giornata con una solenne celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo di Assisi, Mons. Domenico Sorrentino.

Lavorando come San Francesco ci ha insegnato, con lo spirito e con le mani. Costruendo e ricostruendo sempre la pace. È questa, aprirsi al prossimo, chiunque egli sia, la sfida più grande dei nostri giorni. Non di certo un’utopia. Assisi ne è la metafora.

https://www.huffingtonpost.it/entry/basilica-di-san-francesco-dassisi-ventanni-dopo-quel-cantiere-di-utopia_it_5ddf8ebee4b0d50f329cd850?utm_hp_ref=it-culture


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news