LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Vi segnaliamo che nel numero di dicembre 2019 del "Giornale dell'Arte" è stato pubblicato un articolo di Daniele Manacorda, dal titolo "Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali. Il Sindacato del Paleolitico non ha sense of humour".

Lerba del vicino non è necessariamente più verde. E la banale constatazione che ho provato nel leggere un comunicato della CGT Culture, che spara a zero: ma contro chi? contro la insufficiente organizzazione dei musei? contro lo scarso impegno puibblico nella diffusione della cultura? contro una inadeguata politica dei restauri? Nulla di tutto ciò: contro la liberalizzazione delluso delle immagini del patrimonio culturale di musei e monumenti di Francia! Avete letto bene. Il maggiore sindacato francese ha scelto come mulino a vento contro il quale scagliarsi la possibilità che i cittadini francesi e del mondo intero possano godere, e diononvoglia! usare le immagini del patrimonio pubblico. Che è come dire impedire luso pubblico di qualcosa che è pubblico per il fatto che è appunto pubblico!
Questa fremente idiozia si nasconde dietro una foglia di fico, e cioè la paventata possibilità che la messa in rete di milioni di immagini che descrivono la storia culturale non solo europea passi attraverso Google e che quindi possa essere fagocitata da un colosso della comunicazione digitale. Ma accordi con Google per la digitalizzazione del patrimonio sono ormai allordine del giorno e prevedono paletti ben definiti circa la diffusione delle immagini. La prospettiva che una gestione open data delle immagini dei musei e dei monumenti pubblici francesi avvenga attraverso lodiata multinazionale del Male viene invece avversata da questi sindacalisti del paleolitico come un saccheggio del nostro patrimonio, perché questo significherebbe aprire non solo cito laccesso e luso gratuito ai fondi fotografici pubblici, ma soprattutto aprire luso gratuito per ogni uso commerciale su tutto il pianeta. Orrore orrore, al rogo! Che milioni di persone usino quotidianamente e gratuitamente le immagini di google.earth o scarichino da google.books libri altrimenti difficili da reperire evidentemente sfugge ai vigili sindacalisti.
Insomma, Oltralpe si starebbe lavorando ad una svendita del patrimonio culturale: una parolina sfuggita agli estensori del comunicato, che ci fa sospettare che per loro si tratti forse solo di una questione di prezzo: chi sarebbe quindi il mercificatore? Quello che sfugge davvero invece è il fatto che la liberalizzazione planetaria delluso delle immagini del patrimonio culturale toglierebbe loro proprio letichetta del prezzo. Gratuiti per tutti significa che nessuno può trarre beneficio dalla rivendita di quel diritto dimmagine, o meglio che potranno trarne beneficio davvero tutti e non solo i grandi potentati. Se i beni sono pubblici, infatti, pubbliche saranno a maggior ragione le loro rappresentazioni. Senza più un limite al loro uso, nessuno potrà appropriarsi di quella immagine a suo unico vantaggio. In fondo, stiamo semplicemente parlando in termini concreti di democrazia della cultura.
Il sindacato del paleolitico ovviamente non può avere il senso dellhumour. E convinto che gli open data vadano avversati perché privatizzano ciò che è prodotto con denaro pubblico. Insomma, come puoi tu cittadino, singolo o associato, tu artigiano, professionista, imprenditore, impiegato, pensionato, abitante di questo pianeta far uso di una cosa pubblica? con che diritto la privatizzi? se andiamo di questo passo accadrà che i privati cittadini potranno fare libero uso, anche per le loro attività economiche, delle strade aperte ed asfaltate con i soldi di tutti! ma dove andremo a finire?!
Lasciamo stare. Dietro a queste lepidezze cè il posto di lavoro dei sessanta fotografi dellAgenzia fotografica della francese Réunion des Musées Nationaux che sarebbero messi a rischio dalla liberalizzazione (come se non fossero ben altre le mille funzioni che un servizio fotografico svolge allinterno della proprio istituzione). Insomma, sindacalmente parlando, mettiamo pure in pista 60 fotografi contro 6.000.000.000 di potenziali utenti, e buona fortuna!
E noi italiani come stiamo? Be, per fortuna un po meglio dei cugini francesi, anche se la battaglia per una liberalizzazione piena delluso delle immagini è ancora tutta da fare. Sì, perché se, grazie ai decreti Franceschini, la liberalizzazione delle immagini del patrimonio per uso scientifico e di studio è ormai un fatto acquisito, i cavilli del vigente Codice Urbani rendono più ardua la liberalizzazione vera, cioè quella per usi anche commerciali. Un divieto tuttora vigente rende oggi onerosissime e spesso improponibili pur lodevoli iniziative editoriali, a meno che questo è il lato grottesco della vicenda la tiratura non sia inferiore alle 2000 copie e il prezzo di copertina non superi i 77 euro! Non è un caso che per la liberalizzazione piena delle immagini del patrimonio culturale pubblico spingano sempre più convintamente il mondo degli studiosi e le case editrici specializzate in pubblicazioni di arte e cultura. E infatti sono ormai valanga i musei, le gallerie e le istituzioni culturali che mettono in rete liberamente in varie parti del mondo, e ad alta definizione, le immagini delle proprie collezioni (e lode vada per questo al nostro Museo Egizio di Torino), anche perché questa generosità è ripagata da un consistente ritorno di immagine. Non è un gioco di parole: è provato infatti che nella maggior parte dei casi i costi di gestione per lesazione dei proventi da diritti di riproduzione siano ben maggiori degli introiti che se ne ricavano, come peraltro ha dimostrato una accurata relazione pubblicata dallINHA di Parigi.
Se dunque sul piano economico è certificato che la sindrome proprietaria costa e non produce né ricchezza né diffusione di cultura, si pensi invece quante risorse pubbliche verrebbero generate da un uso libero e creativo delle immagini del patrimonio attraverso la fiscalità. Senza contare che così facendo agiremmo né più né meno che in nome di quel tanto stiracchiato articolo 9 della Costituzione che al comma 1 indica la diffusione della cultura come funzione della Repubblica, e invita quindi a considerare la gestione del patrimonio culturale alla stregua di un grande, meraviglioso servizio pubblico. Quel che un sindacato francese, che dice di battersi per la giustizia sociale, la pace e luguaglianza e qualche intellettuale o giurista di casa nostra nostalgico del Novecento, si ostinano ancora a negare. Daltra parte sono i grandi antropologi del Novecento che ci hanno insegnato che per alcune popolazioni del pianeta la macchina fotografica incuteva paura perché rubava lanima.
Caro Ministro Franceschini, a lei guarda lItalia che crede nella cultura e nella innovazione e non crede alla contrapposizione tra cultura e economia. Pur nelle difficoltà quotidiane della vicenda politica italiana, il processo di liberalizzazione delle immagini cominciato qualche anno fa con il Decreto Musei, va ora portato a buon fine con la espunzione del limite del lucro dagli artt. 107 e 108 del Codice dei beni culturali. Se non ora, quando?



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news