LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In Indonesia scoperta una storia dipinta 44 mila anni fa: E la più antica del mondo
JACOPO PASOTTI
Stampa, 12/12/2019

La scoperta realizzata da un team di ricercatori australiani. Lincisione rappresenta una scena di caccia


È una incisione rupestre di almeno 44000 anni fa ed è stata scoperta nellisola del Sulawesi, in Indonesia. Sulla parete rocciosa sono ritratte delle figure: un gruppo di persone parzialmente umane e parzialmente animali, dei cosiddetti teriantropi, a caccia di grandi mammiferi con lance o corde.

È la più antica arte figurativa del mondo in cui è rappresentata una scena di caccia, forse la più antica arte rupestre realizzata dalla nostra specie, è la prima composizione narrativa o scena nell'arte preistorica, e per finire è la più antica immagine conosciuta di teriantropi, spiega larcheologo australiano Adam Brumm, tra gli autori dello studio sulle incisioni.

Fino ad ora la più antica arte rupestre attribuita con certezza e che includa umani e animali in qualche forma di interazione erano le incisioni che si trovano in Europa e risalgono a 14-21000 anni fa, o al Paleolitico superiore. Una delle più antiche rappresentazioni di arte rupestre è di 65000 anni fa, in Spagna, ed è stata attribuita ai Neanderthal, ma lattribuzione è ancora incerta, secondo i ricercatori.

I cacciatori rappresentati nella antica incisione nella caverna Sipong 4, sono semplici figure con corpi simili a umani, ma i loro capi richiamano parti di uccelli, o rettili, o altre specie endemiche del Sulawesi, spiega Adhi Agus Oktaviana, tra gli archeologi coinvolti nello scavo.

Possiamo provare ad immaginarci la scena che gli artisti-cacciatori hanno voluto immortalare nella roccia umida della caverna. Era il tardo Pleistocene, la fine della ultima grande era glaciale. La comunità di cacciatori-raccoglitori agiva in una regione tropicale del Sulawesi, quasi allequatore, non lontano dalla costa. Lisola indonesiana non era coperta da una foresta densa come quella odierna, ma era più fresca e con una vegetazione più rada. A causa del loro isolamento, le specie di mammiferi che cacciate da queste comunità erano già molto particolari, come quelle che affascinarono gli studiosi della evoluzione, nel 1800.

Quasi tutti i mammiferi del Sulawesi, esclusi i pipistrelli, non si trovano in nessun altro posto sulla terra, spiega Brumm. I primi artisti delle caverne erano dunque circondati da un assortimento di animali bizzarri come il famoso babirusa [una sorta di cinghiale, n.d.r]. Uno degli animali più comuni cacciati da queste antiche popolazioni è rappresentato nella scena dell'arte rupestre ed è un maiale selvatico caratteristico del Sulawesi, il Sus celebensis.

Sicuro è che in qualche momento della loro vita sociale, queste popolazioni hanno sentito la necessità di raccontare, anzi, di mostrare con immagini una storia. La storia del loro agguato e della loro caccia, un momento sicuramente fondamentale nella loro vita.

Ma perché cimentarsi in questo sforzo, in una grotta abbarbicata nella foresta? Che senso poteva avere per loro disegnare queste forme, rappresentare quel momento? Ecco, questo, veramente, non possiamo saperlo. Penso che queste scene possano avere una dimensione spirituale, ma il vero significato di questa opera darte sarà sempre un mistero.

Scene di appostamenti, di agguati nella notte, ad opera di esseri metà uomo e metà animale ci sono in molte storie di ogni cultura umana. I teriantropi si ritrovano nel folklore o nella narrativa di quasi tutte le società moderne. Sono percepiti come semi-dei, spiriti, o esseri ancestrali in molte religioni in tutto il mondo. Ecco, la grotta del Sulawesi è ora sede dell'immagine più antica di questo tipo. Più antica perfino del "Lion-man" dalla Germania: una figurina di un essere umano dalla testa leonina che, datata 40000 anni, fino ad ora era considerata la più antica raffigurazione di un teriantropo, spiega Oktaviana.

Gli autori o le autrici di questa arte rupestre nellisola di Sulawesi erano strettamente legati ai primi umani moderni giunti in Indonesia circa 70.000-50.000 anni fa, comunità umane che poi hanno proseguito colonizzando lAustralia. Sappiamo poco della organizzazione sociale di queste popolazioni. Certo, usavano il fuoco e crediamo che avessero un linguaggio. È probabile che queste caverne fossero abitate, anche se pensiamo che lo fossero solo per parte dellanno, dice Brumm.

I lavori sullincisione, che è stata scoperta nel 2017, sono stati condotti da un team della Griffith University australiana, guidati dallarcheologo Maxime Aubert, in collaborazione con il Centro di Ricerca Nazionale Indonesiano per lArcheologia (Arkenas). I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Nature.

https://www.lastampa.it/cultura/2019/12/12/news/in-indonesia-scoperta-una-storia-dipinta-44-mila-anni-fa-e-la-piu-antica-del-mondo-1.38201515


news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news