LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Tutti i francobolli dal 1861 in poi. Il regalo di Bruno Segre alla città
Gabriele Guccione
Corriere della Sera - Torino 18/12/2019

Si scorge la storia d’Italia dietro la lente di ingrandimento con cui Bruno Segre, 101 anni, osserva meticolosamente i suoi francobolli: le dentellature pressoché perfette, l’assenza di difetti di stampa nella sovrapposizione dei colori, i bordi integri. E poi i volti degli uomini e delle donne, ma anche le immagini delle opere dell’ingegno italiano, degli avvenimenti storici e dei simboli che hanno fatto grande il Paese. Una storia, raccontata attraverso 158 anni di emissioni filateliche, che si appresta ora a passare dalle mani di uno degli ultimi testimoni torinesi del Novecento, protagonista di tante battaglie per la libertà, a quelle di tutti i suoi concittadini. La preziosa collezione traslocherà nelle sale dell’Archivio storico della città in via Barbaroux: 67 album che raccolgono tutti, o quasi tutti, i francobolli emessi dal 17 marzo 1861, dall’inizio del Regno d’Italia, fino al 2019.

Si scorge la storia d’Italia dietro la lente di ingrandimento con cui Bruno Segre, 101 anni, osserva meticolosamente i suoi francobolli: le dentellature pressoché perfette, l’assenza di difetti di stampa nella sovrapposizione dei colori, i bordi integri. E poi i volti degli uomini e delle donne, ma anche le immagini delle opere dell’ingegno italiano, degli avvenimenti storici e dei simboli che hanno fatto grande il Paese. Una storia, raccontata attraverso 158 anni di emissioni filateliche, che si appresta ora a passare dalle mani di uno degli ultimi testimoni torinesi del Novecento, protagonista di tante battaglie per la libertà, a quelle di tutta la comunità.

«Io amo la mia città, e così ho deciso di regalare tutto questo ai miei concittadini», spiega con poche parole l’avvocato Segre, aprendo le porte del suo studio sommerso di libri e riviste in via della Consolata. Così, «per amore», e perché diventi patrimonio comune, la sua preziosa collezione traslocherà nelle sale dell’Archivio storico della città in via Barbaroux: 67 album che raccolgono tutti, o quasi tutti («Direi che è completa al 95 per cento»), i francobolli emessi dal 17 marzo 1861, dall’inizio del Regno d’Italia, fino al 2019. «C’è pure un “Volta violetto” senza sovrastampa: l’ho comprato a Vienna a un’asta per 2.500 euro», fa notare non senza un certo orgoglio l’avvocato Segre. Un esemplare raro risalente al 1927 che gli addetti ai lavori definiscono l’errore di stampa più celebre della filatelia del Regno d’Italia. Ma è solo un pezzo di una collezione talmente vasta che nemmeno chi l’ha messa assieme in quasi novant’anni ne conosce con esattezza i numeri. «Non ho mai contato tutti i miei francobolli — ammette l’avvocato —. Per accettare la donazione, il Comune mi ha chiesto di quantificarne il valore. La stima in base ai valori medi di mercato è di 500 mila euro».

Quella per la filatelia è forse la meno civile tra le passioni di Segre, uno degli ultimi protagonisti viventi della storia di Torino nel Secolo breve, con le sue tante battaglie davanti alle quali non si è mai arreso, come recita il titolo della sua biografia. La laicità delle istituzioni, i diritti umani, gli ideali libertari e socialisti che lo hanno portato a militare in Giustizia e libertà durante la Resistenza e a battersi nel 1949 per l’obiezione di coscienza e negli anni Settanta a favore del divorzio, oltre all’impegno attraverso il mensile L’incontro. E, insieme a tutto questo, i francobolli. «Sin da quando avevo 12 anni e pochi soldi cominciai a comprare qualche francobollino — racconta l’avvocato —. La collezione è nata così, quasi per gioco: Bolaffi pubblicava sulle pagine della Gazzetta del Popolo una vignetta con tre francobolli, bisognava rispondere a una sorta di quiz, e chi indovinava riceveva la busta in omaggio. Negli anni, poi, la collezione si è ingrandita». I ricordi da collezionista, prima che da partigiano, ex prigioniero politico o militante per i diritti civili, si affastellano nella memoria. «Dalla grave crisi filatelica che seguì gli anni della Liberazione, con emissioni ridottissime, al macero dei francobolli invenduti voluto dai grandi commercianti di filatelia negli anni Sessanta; fino ai giorni nostri, tempi di un’altra crisi — constata con amarezza Segre — dovuta all’abbandono dell’uso del francobollo: quest’anno sono state fatte 72 emissioni, alcune parecchio brutte».

I suoi preziosi francobolli ora sono diventati patrimonio della città (la donazione è stata accettata ieri dalla giunta comunale). Ma non sono l’unica eredità, in vita, dell’«avvocato partigiano» che non ha mai perso la voglia di lottare. E che, anzi, continua a intervenire nel tempo presente: «Le sardine? Guardo a loro molto favorevolmente, palesano l’insurrezione della parte sensibile del Paese alle invettive degli analfabeti della democrazia».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news