LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il viaggio verso Torino dei manoscritti di Vivaldi
P. Mor.
Corriere della Sera - Torino 17/12/2019

Venduta, smembrata, ritrovata: così la raccolta arrivò in città

Venduta dagli eredi, divisa in due e poi riunita per essere studiata, rivelando il proprio tesoro nelle stanze della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino. La storia della biblioteca musicale di Antonio Vivaldi, 27 volumi per più di 15 mila pagine, si lega alla città sabauda, per quanto, stando alle testimonianze disponibili, i rapporti fra Torino e il compositore veneziano non fossero mai stati intensi. Eppure grazie a quei volumi si è potuto ricostruire il profilo culturale di Antonio Vivaldi.

Ne parleranno oggi alle 16.30, nella biblioteca di piazza Carlo Alberto, dentro lauditorium intitolato al compositore e violinista, la coordinatrice dei fondi bibliotecari Franca Porticelli, il musicologo Alberto Basso e la docente dellUniversità di Torino Annarita Colturato, nellambito di Vivaldinsieme.

Per loccasione sarà esposto il manoscritto autografo di una delle composizioni che domani sera, alle 20.30, lAccademia Bizantina eseguirà allAuditorium Agnelli per Lingotto Musica.

Ma come sono arrivati a Torino questi tesori? È una storia incredibile. Alla morte di Vivaldi, avvenuta a Vienna nel 1741, la sua biblioteca fu acquistata dal senatore veneziano Jacopo Soranzo. Alla sua morte, però, fu venduta di nuovo e finì nelle mani di un altro bibliofilo, labate Matteo Luigi Canonici. Fu nel 1780 che il conte Giacomo Durazzo, ambasciatore imperiale a Venezia, entrò in possesso di buona parte di quei manoscritti che, dopo varie vicissitudini, un secolo più tardi finirono ai suoi pronipoti, Marcello e Flavio Ignazio. La biblioteca fu divisa in due, tra Occimiano, piccolo borgo del Monferrato dove il primo si era trasferito con la moglie, e Genova. Nel 1922, Marcello Durazzo donò la sua quota al collegio salesiano di Borgo San Martino, nelle vicinanze. Anche in quel caso, le difficoltà economiche ne imposero la vendita per fare cassa, ma il rettore Federico Emanuel, nel 1926, chiese aiuto allallora direttore della Biblioteca Nazionale di Torino, Luigi Torri, che dopo un confronto con il musicologo Alberto Gentili fece porre il vincolo da parte della Soprintendenza.

Grazie a due mecenati, Roberto Foà e Filippo Giordano, il corpus non solo fu acquistato e donato alla biblioteca (nel 1927) ma fu anche rintracciata e recuperata la seconda parte (nel 1930). I due imprenditori chiesero solo di intitolare il fondo ai loro figli morti in tenera età, Mauro e Renzo.

Gli studi successivi hanno portato alla luce la produzione di Vivaldi, soprattutto per quanto riguarda le partiture di opere teatrali, oggi incise e vendute in migliaia di copie. Nel 1978 arrivò la prima mostra, seguì una piccola esposizione dopo le Olimpiadi, nel 2008 e, due anni fa, unaltra grande mostra che rese visibili tutti i volumi. In un certo senso, oggi sappiamo chi è Vivaldi perché qualcuno, a Torino, si è preso cura di lui.



news

31-03-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 marzo 2020

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

Archivio news