LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bocciata l’Area marina protetta. Capri adesso «marcia» su Roma
Claudia Catuogno
Corriere del Mezzogiorno - Campania 18/12/2019

Il sindaco Lembo chiede un incontro a Costa. Gli ambientalisti: promesse tradite

Capri. Salta l’istituzione dell’Area Marina Protetta, Capri sul piede di guerra chiede un incontro urgente al ministro Costa. Il sindaco Marino Lembo, assieme all’assessore Paola Mazzina, ha scritto al titolare dell’Ambiente per «rinnovare il disappunto sulla decisione del Governo di escludere dalla legge di stabilità la previsione volta ad istituire l’Area Marina Protetta dell’Isola di Capri».

Gli amministratori hanno provato la via istituzionale per ricevere risposte prima di avviare l’iter per la convocazione di un consiglio comunale nella capitale ed organizzare nuove iniziative di protesta. Ed alla chiamata alle armi del primo cittadino hanno risposto in tanti: ambientalisti, categorie, associazioni imprenditoriali ed organizzazioni di tutela ambientale. A cominciare da Federconsumatori Campania che si è unita alla comunità isolana ed a Legambiente nella battaglia per la salvaguardia del mare. «Chiediamo al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa - ha dichiarato il presidente Rosario Stornaiuolo - di mantenere le promesse fatte ai cittadini, perché la situazione attorno all’isola rischia di precipitare. L’Amp servirà in primis a regolare le visite per godere tutti in maniera sostenibile del mare e del territorio costiero della perla del Mediterraneo. Non molleremo di un passo – conclude Stornaiuolo – e chiediamo a tutti di fare realmente la propria parte, perché enunciazioni e promesse si tramutino subito in serietà e realtà, per il bene di una delle più belle isole del mondo». A dare supporto anche Capri Excellence. «Riteniamo che questa decisione rappresenti un vero e proprio segnale verso un’ulteriore deregulation e verso tutte quelle forze economiche esterne ed interne all’isola impegnate da anni in uno sfruttamento selvaggio e incontrollato delle sue coste. L’associazione - si legge in una nota - lancia un grido di allarme e invita tutta la popolazione locale e coloro che amano Capri ad una forte mobilitazione contro la prospettiva di una definitiva trasformazione dell’isola in una squallida piattaforma commerciale». Ed anche la politica fa fronte comune per evitare che il mare di Capri diventi un parking all’aperto senza futuro. «Quando eravamo al Comune ci impegnammo col ministro a contribuire alla spesa necessaria all’istituzione proprio per raggiungere l’obiettivo il prima possibile. Non so perché ci sia stato questo passo indietro - commenta Bozzaotre - in questi mesi si doveva ribadire con forza questa volontà anziché perdere tempo e risorse appresso a comunicati stampa ad effetto che sono stati clamorosamente smentiti dai fatti. Non resta che rimboccarsi le maniche e riprendere il percorso e se c’è qualcuno che non è d’accordo esca allo scoperto». Assente «giustificato» il Comune di Anacapri, alle prese con l’emergenza sanitaria dovuta alle carenze strutturali dell’eliporto Damecuta.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news