LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Schmidt, il «Fauno» e le altre opere trafugate dai nazisti
Gallerie degli Uffizi - Chiara Dino
Corriere Fiorentino 18/12/2019

Caro direttore, parlando, ieri a margine della presentazione della mostra Ai piedi degli dei del lavoro intrapreso per riportare a Firenze opere rubate dai nazisti della collezione degli Uffizi il direttore degli Uffizi Eike non ha mai affermato che «riporterà a casa la Testa di Fauno di Michelangelo». Dunque l’articolo pubblicato a pagina 7, con richiamo in prima pagina, dell’edizione di oggi 17 dicembre 2019 del Corriere fiorentino , intitolato «Missione Fauno, preso dai nazisti», con sottotitolo «Arte Schmidt in azione per recuperare l’opera di Michelangelo» (pag. 1) e «Schmidt, Michelangelo, i furti nazisti «Riportiamo qui la Testa di Fauno », con sottotitolo «La prima opera dell’artista fu trafugata a Poppi. Il direttore degli Uffizi «Contatti avviati» (pag. 7) è da considerare totalmente infondato in quanto incentrato su frasi che lo stesso Schmidt non ha mai pronunciato. In questo testo si attribuisce al direttore degli Uffizi la dichiarazione «Attraverso canali diplomatici, ho già avviato le pratiche per portare a casa il Fauno. Ma ci vorrà almeno un anno»; tuttavia, Schmidt non ha mai detto queste parole, né in pubblico, né quando, nel pomeriggio di ieri, è stato brevemente contattato al telefono dalla redattrice del Corriere fiorentino che ha scritto l’articolo. Parlando, a latere della presentazione di ieri, dell’impegno per far tornare alle Gallerie degli Uffizi opere d’arte trafugate dai nazisti, il direttore ha invece così testualmente affermato: «Ci stiamo lavorando, in questo momento non abbiamo ancora niente di concreto, ma siamo a lavoro. I numeri sono ben noti, da Firenze manca ancora una ottantina di opera d’arte, ma non tutte hanno la stessa importanza, ci sono anche alcune decine di opere che sarebbero da deposito, tuttavia furono rubate e quindi vanno riportate anche queste». Questo, e non quello pubblicato dal Corriere fiorentino , è il testo corretto, correttamente riportato dalle agenzie di stampa, quindi ripreso da numerosi media. Le Gallerie degli Uffizi richiedono dunque immediata rettifica di quanto pubblicato alla luce di ciò che nella realtà è stato effettivamente detto da Schmidt.
Gallerie degli Uffizi

Sono ottanta le opere d’arte trafugate dai nazisti durante l’occupazione di Firenze e che ora si cerca di riportare a casa dalla Germania, grazie anche ai contatti internazionali del direttore Eike Schmidt. Tra queste opere numerose erano quelle conservate agli Uffizi, ma le più importanti — come ci ha confermato lo stesso Schmidt — sono la Testa di Fauno attribuita a Michelangelo e la Madonna col bambino di Pierino da Vinci, nipote di Leonardo. Due opere che erano conservate al Bargello, ora diretto da Paola D’Agostino. Se la lettura del pezzo poteva far pensare a un’operazione personale del direttore degli Uffizi ce ne scusiamo. L’auspicio è che le opere, tutte, possano tornare nelle nostre Gallerie, grazie al contributo di tutti.
Chiara Dino



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news