LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. «Una buona notizia per quel caffè storico e piazza san Felice»
Giovanni Pallanti - Paolo Ermini
Corriere Fiorentino 17/12/2019

Caro Direttore, dai tempi di Francesco Gucciardini si dice che i fiorentini (e gran parte degli italiani) stanno attenti solo al loro particulare . La lotta per impedire che il degrado abitativo e la salvaguardia dei negozi e delle attività storiche di Firenze ha trovato nella difesa di Piazza San Felice un punto importante. Lo sfratto decretato, con molta superficialità, dalla magistratura giudicante fiorentina, della Farmacia Pitti, famosa farmacia granducale risalente al 1804, è stata l’occasione per costituire un’ampia alleanza civica contro la prepotenza di persone spregiudicate che come i responsabili delle società «Palazzo San Felice srl» hanno dimostrato di essere: diventati proprietari della farmacia e del palazzo sovrastante dove vogliono realizzare un albergo hanno prima detto al consiglio di Quartiere n.1 che la farmacia non l’avrebbero mai sfrattata e poi quando hanno creduto che l’opinione pubblica si fosse distratta hanno chiesto al tribunale di Firenze che sancisse lo sfratto. A Roma, invece, una analoga situazione si era determinata per il «Caffè Greco» e il tribunale della capitale quello sfratto non lo ha concesso . La lettera che ti ha inviato Lapo Baroncelli, e pubblicata sul Corriere Fiorentino il 15 dicembre, è degna di assoluta considerazione: Baroncelli, anche nella sua veste di vice presidente degli industriali fiorentini, si schiera dalla parte di coloro che vogliono difendere, al massimo possibile, la storia e l’habitat umano del centro storico di Firenze. Baroncelli è divenuto affittuario, per trent’anni, di un palazzo del demanio situato in Piazza San Felice accanto alla farmacia e al Caffè Bianchi. Baroncelli dice che il Caffè Bianchi, gestito dalla solita famiglia dal 1921, deve rimanere così com’è. Questa affermazione, accompagnata da una netta presa di distanza dallo sfratto propinato alla farmacia dei granduchi d’Asburgo-Lorena è un fatto molto positivo. Dopo l’importante presa di posizione di Confcommercio quella di Baroncelli, a nome suo ma anche degli industriali, apre un capitolo nuovo nella vita del capoluogo toscano: opposizione, da parte di coloro che hanno a cuore il bene comune, a qualsiasi forma di speculazione che distrugga l’identità di una città storica. Si è ribaltato il pensiero pessimista di Guicciardini ? Speriamo di si. L’importante è che alle parole seguano i fatti. Le grandi marce cominciano sempre con piccoli passi: e, però, è fondamentale non fermarsi. Oltre al comitato San Felice l’azione di Confcommercio e degli imprenditori fiorentini può diventare un punto di svolta e di rilancio a Firenze ed in Italia per contrastare la speculazione parassitaria sulle città storiche salvandole da una lenta ma sicura estinzione civica e culturale. Infine se Lapo Baroncelli vuole entrare nel comitato San Felice, come già avvenuto per la Confcommercio e Federfarma, ben venga. Caro Direttore il Corriere Fiorentino è stato il giornale che ha fatto finora da cornice a questa lotta contro il prepotente degrado che ha investito Firenze. E di questo te ne sono grato anche a nome del comitato San Felice. Speriamo che in Palazzo Vecchio non abbiamo perso di vista quel che è stato scritto sul tuo giornale.
Giovanni Pallanti

Ogni convergenza nella battaglia per la difesa dell’identità di Firenze, o —meglio— di quel che ne resta, è importante. Tanto più se, come nel caso di Lapo Baroncelli, coinvolge forze vive della città. Ma lo scambio di lettere tra Giovanni Pallanti e il vice presidente degli industriali fiorentini. è un’occasione preziosa per ribadire il senso di un impegno che fa della sopravvivenza della Farmacia di San Felice un obiettivo irrinunciabile. La libertà d’impresa (e di investire) è per noi un valore, ma qui c’è in gioco il destino di una città intera. Che rischia di essere completamente desertificata dalla rendita e dall’overtourism. Il centro di Firenze non ha bisogno né di nuovi Airbnb né di nuovi hotel, più o meno di lusso, ma di residenti. Senza i quali il cuore della città morirà. Se lo hanno capito anche gli industriali è un bel passo avanti. Però serve coerenza.
Paolo Ermini





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news