LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. All’Egizio nasce il museo del Museo
Paolo Morelli
Corriere della Sera - Torino 20/12/2019

Un museo dentro il museo: cinque sale per raccontare duecento anni di storia dell’Egizio. Nei nuovi spazi trovano posto antiche litografie e reperti accanto a supporti digitali interattivi e video. E c’è anche la fedele ricostruzione di un ambiente museale dell’Ottocento. Un primo passo verso il bicentenario nel 2024. Il prossimo sarà il riallestimento di nuove sale previsto per maggio.

Piccole sale che si aprono nell’ipogeo, dove i visitatori partono alla scoperta dei faraoni. Qui, al piano interrato dell’ex Collegio dei Nobili, il Museo Egizio ieri ha svelato le nuove «sale storiche». Un museo nel museo dove scoprire, con un percorso organizzato in maniera circolare, la risposta alla domanda più classica: «Perché il Museo Egizio si trova a Torino?».

La piccola e grande storia parte dal legame del mondo egiziano con la città, nato quattro secoli fa con il ritrovamento di un cippo, nei pressi dell’attuale via Cernaia, con riferimenti alla dea Iside. Nacque così l’interesse dei Savoia, intenti a creare una narrazione che collegava Torino all’Antico Egitto e che poi, con l’acquisto di diverse collezioni (dai Gonzaga a Drovetti), diedero vita al nucleo originale del museo, nato ufficialmente nel 1824.

L’allestimento permanente, costato 350 mila euro (risorse del museo), ricorda tutti i passaggi ed è stato modellato intorno agli studi del curatore Beppe Moiso e dell’archivista Tommaso Montonati, durati un anno e mezzo. L’intervento sulle sale storiche, ideate nel 2015, proietta l’ente verso il bicentenario del 2024.

«Sono punti di partenza — ha spiegato Evelina Christillin —. Due giorni fa abbiamo incontrato il ministro Lorenzo Fioramonti per discutere del riconoscimento come ente di formazione (l’Egizio organizza numerosi corsi anche all’estero, ndr). Abbiamo un grande progetto per il 2024 e il prossimo maggio apriranno nuove sale negli spazi della vecchia caffetteria».

Nel frattempo il museo si racconta e lo fa mostrando anche una sala allestita come usava nell’800, con alcune teche dell’epoca e i cartellini scritti a mano da Francesca Guercilena, impiegata dell’ufficio amministrazione dell’Egizio che ha rivelato un talento nella calligrafia. Si srotola l’intero «libro dei morti», con spiegazioni puntuali dei geroglifici, si scompone la «Mensa Isiaca» per scoprirne le meraviglie tecniche, si pongono problemi etici, come quello sulla «depredazione» dell’Egitto che ha dato vita a molti musei, tra cui quello di Torino. Ma lo sguardo, in queste sale, è rivolto anche a ciò che accadeva altrove. Si arriva agli anni bui del fascismo, alla direzione di Giulio Farina, contrario al regime (che per questo gli tolse una missione di scavo), che portò in salvo i reperti durante la guerra, spostandone una parte al Castello di Agliè, fino alla rinascita con Silvio Curto nel dopoguerra.

Ora l’Egizio «chiama» il pubblico: c’è tempo fino al 31 gennaio per inviare (a comunicazione@museoegizio.it) una foto o un video che raccontino un ricordo legato al museo, con nome e data, per la campagna «#IlMioEgizio». Perché di questa lunga storia fanno parte anche i visitatori.






news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news