LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il futuro della scuola, un esame per ripartire
Valerio Vagnoli
Corriere Fiorentino 22/12/2019

Si sa che la scuola da tempo non riesce più a essere quello che vorremmo: un punto fermo nella costruzione del futuro dei nostri figli e della nostra identità nazionale.

Anche i noti e recenti dati dellindagine Ocse-Pisa hanno confermato ciò che dicono da anni, e cioè che i nostri ragazzi sono davvero messi male e in particolare che la capacità di comprendere ciò che leggono sta inesorabilmente naufragando e spesso non riescono neppure a leggere bene ad alta voce. Non occorre essere profeti (basta il buon senso) per renderci conto che le cose continueranno a peggiorare in assenza di decisi interventi nella direzione giusta. Perché quando a mancare ai nostri quindicenni è la preparazione di base, significa che a fallire è anche la nostra scuola di base. Eppure quella che un tempo si chiamava elementare aveva contribuito fino a qualche decennio fa a dare conoscenze e competenze fondamentali davvero straordinarie, omogenee e diffuse su tutto il territorio nazionale. E non a caso, soprattutto dopo la seconda guerra mondiale, gli italiani si riconobbero finalmente in una Patria comune, perché comune era diventata la loro lingua e la loro cultura di base, proprio grazie alla scuola elementare. Alla base del successo di quella scuola cerano innanzitutto maestre e maestri che erano figure di grande importanza nelle comunità in cui operavano e sapevano che era irrinunciabile raggiungere gli obiettivi stabiliti dai programmi. Tanto più che alla fine della seconda e della quinta classe sarebbero stati verificati e giudicati da colleghe e colleghi che avrebbero esaminato i loro allievi e, di conseguenza, il loro lavoro. E cerano inoltre famiglie che dalla scuola si attendevano quello che a molti di loro non era stato concesso; e cioè che almeno i loro figli sapessero leggere e scrivere e fare i conti, magari per poter controllare che il bottegaio o il padrone non si approfittassero della loro ignoranza. Fu quella una grande scuola a tal punto da primeggiare per anni e anni a livello internazionale. Cè da chiedersi, tra laltro, quanto abbia influito il fatto di togliere il maestro, pardon, la maestra unica affidando le classi, come avviene da qualche decennio, a una girandola di docenti spesso costretti a perdersi dietro progetti, attività multidisciplinari, progettazioni a breve, medio e lungo termine fatte spesso, come le norme stesse richiedono, specialmente di chiacchiere e burocrazia. È facile, così, perdere di vista gli obiettivi fondamentali di una scuola di base.
Nel 2017 oltre 700 docenti universitari avevano spiegato, in un appello contro il declino dellitaliano a scuola, in quali condizioni arrivassero molte matricole. E chiedevano una scuola davvero esigente nel controllo degli apprendimenti, con lintroduzione di verifiche nazionali periodiche durante gli 8 anni del primo ciclo, tra cui il dettato ortografico e il riassunto. Cè stata solo qualche modifica allesame di terza media e niente per quella primaria, peraltro privata da anni di qualsiasi esame. Non si potrebbe ricominciare da qui?



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news