LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Un Ateneo ringiovanito. Aperta al pubblico la Casa Museo
Massimo Tedeschi
Corriere della Sera - Brescia 22/12/2019

Aggiornamenti alla Storia di Brescia
Ampliata la platea di socie e soci


Missione compiuta. Sergio Onger chiude il suo secondo (e non replicabile) triennio da presidente dell’Ateneo di Scienze lettere e arti di via Tosio con un bilancio significativo. Fra le stanze neoclassiche in cui vissero i conti Paolo e Paolina Tosio vige la regola della continuità, che neppure Onger ha infranto: socio dal 1997, in consiglio dal 2007 al 2013 con la carica di vicepresidente di Francesco Lechi, gli è succeduto come presidente dal 2013 al 2019 e il 31 dicembre passerà le consegne al suo successore — già vice — Antonio Porteri.

Scrupolo e puntiglio di Onger è stato «riaffermare che l’Ateneo è un patrimonio della città, un’istituzione in cui tutte le componenti della società civile possono riconoscersi». Ne fanno fede i rinnovi delle convenzioni Ateneo-Comune: contrastati (politicamente) quelli degli anni Novanta e dei primi Duemila, approvati all’unanimità quelli del 2014 e 2019. «S’è capito che lavoriamo per l’interesse comune, per il bene della città» osserva Onger.

I rapporti con il Comune: come sono cambiati? «Nel 2014 abbiamo modificato la convenzione che ci assegnava palazzo Bonoris (ex sede della DC, ndr). Su quell’edificio sono cambiati i progetti del Comune che perciò ci ha ri-assegnato palazzo Tosio». Il cui profilo, però, è mutato negli ultimi anni: «Fin dalla mia elezione avevo immaginato la ricostituzione dell’appartamento Tosio secondo il disegno originario. Il clamoroso successo di visitatori nel marzo 2016, con le Giornate di primavera del Fai, ci ha spinto a costituire una vera e propria Casa Museo». Con una spesa di 400mila euro suddivisa fra Ateneo, Comune, Regione e Fondazione Cab sono stati sistemati i tetti dell’ala ovest, è stato rifatto l’impianto elettrico, è stato restaurato (quasi) tutto il piano nobile di via Tosio 12, sono stati sistemati ambienti e mobili e sono tornate a casa ottanta opere che si trovavano in deposito alla Fondazione Brescia Musei».

Dal marzo 2018 la Casa Museo è stabilmente aperta, con visite guidate gratuite, nei week end da aprile a ottobre. Il cantiere-Tosio però non è finito: «Stanno per partire i restauri di una sala del Seicento a pian terreno grazie a Fondazione Cab e a donazioni private. Abbiamo pronto un piano generale di intervento che riguarda tutto il pian terreno, con la realizzazione della biblioteca, della sala studio e dell’auditorium sotto la terrazza, e la sistemazione del piano nobile dell’ala est. Nel luglio scorso il Comune ci ha assegnato le stanze di via Tosio 14». La Casa Museo è già entrata a far parte della Rete dell’Ottocento in Lombardia.

Ma la presidenza di Onger (che insegna storia all’Università di Brescia ed è allievo di Franco Della Peruta) non ha riguardato solo muri e cantieri. Anzi. Al suo attivo c’è una dinamica attività culturale: «Grazie al sostegno di Ubi Fondazione Cab abbiamo avviato la pubblicazione degli Annali di storia bresciana, che equivalgono ad aggiornamenti della Storia di Brescia di Treccani degli Alfieri: è in arrivo il VII volume. Grazie al segretario Luciano Faverzani è ripresa la pubblicazione dei Commentari. Abbiamo guidato con AAB il Comitato per il centenario della Grande Guerra, è iniziata una campagna di restauri dei quadri di nostra proprietà: da Basiletti a Renica a Domenico Vantini».

Dinamismo e autorevolezza dell’Ateneo ne hanno fatto il terminale naturale perché lì affluissero in deposito archivi importantissimi, come lo Zuccheri-Tosio, quello della famiglia Folonari e quello dei Martinengo Villagana. L’Ateneo ha altresì contribuito, con Università di Brescia e Fondazione Civiltà Bresciana, alla istituzione del Premio Brescia per la ricerca scientifica, giunto alla terza edizione.

«Il nostro obiettivo è stato uscire dalla torre d’avorio, legare sempre più l’Accademia alla città e al suo territorio, impegnare l’Ateneo in un’azione civile di promozione culturale».

Questo ha significato anche modificare la fisionomia di quel «club dei novanta» (soci) che è l’Ateneo: istituendo la figura del socio sovra-ordinario (over 75 anni), eccedente rispetto a quota-novanta, è stato possibile aprire le porte a giovani e donne: oggi la componente «rosa» in via Tosio conta ben venti presenze. Il passaggio di consegne Onger-Porteri a questo punto si profila senza sussulti. Il presidente uscente lascia in via Tosio un segno rilevante, di rinnovamento nella tradizione.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news