LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un piano per sbloccare Firenze
M. F.
Corriere Fiorentino 27/12/2019

Urbanistica, Palazzo Vecchio cambia le regole: obiettivo più residenti e più verde

La Firenze del 2025 si comincia a scrivere oggi. Parte infatti il prossimo anno il percorso del Piano operativo: si tratta dello strumento urbanistico (che sostituisce il Regolamento) che indica cosa e dove si può intervenire nella struttura della nostra città. Ma questa volta, vista limportanza dei cambiamenti climatici e limpegno promesso da Palazzo Vecchio nelluso del verde come mitigazione e come lotta alla CO2, il Piano operativo nasce parallelamente al Piano del Verde. Piante, alberi, giardini non più pensati solo come ornamento o sollievo dal caldo ma un piano che dia i principi per la progettazione, la gestione e la manutenzione del sistema del verde, da intendersi nelle sue molteplici combinazioni (ludico-ricreativo, ecologico, compensativo, mitigante). Con lobiettivo di incrementare la sostenibilità ambientale. E questo comporta che si pensi anche ad un verde con un uso parsimonioso delle risorse idriche.

La delibera di avvio per realizzare il nuovo Piano operativo è stata approvata in giunta su proposta dellassessore Cecilia Del Re. È linizio di un percorso in vista della fine delle vecchie previsioni del Regolamento urbanistico: cioè il 3 giugno. Attenzione, dopo si va in salvaguardia: che non significa bloccare tutto, ma bisognerà attendere il nuovo Piano operativo per alcune delle scelte e degli interventi più importanti. E soprattutto, per il cambiamento delle regole.

Si riparte dai punti fermi, cioè i volumi zeri. Ed anche se è una tensione, non un diktat, questo comporterà di nuovo privilegiare gli interventi di trasformazione del vecchio e sul vecchio, a partire dagli edifici dismessi. Cambiando però alcune regole. La prima da rivedere, è quella che obbligava i privati per i grandi interventi a costruire una quota parte di case ad affitto agevolato: nessuno dei privati lha fatto, hanno tutti preferito monetizzare, cioè pagare un corrispettivo al Comune. Ancora: nel vecchio regolamento, si prevedeva la possibilità di spostare volumi con possibilità edificatoria da una parte allaltra della città (cioè volumi che atterravano altrove). È successo in un solo caso: le regole vanno cambiate. Ed ancora: cè da tutelarsi nei confronti delle ristrutturazioni semplici, quelle oggetto del contenzioso legale al Tar con Italia Nostra, che ha portato al blocco dellurbanistica.

Ci sono però molte altre scelte da prendere. Per esempio, il blocco dellapertura di nuovi alberghi in centro. Ha portato, negli anni scorsi, ad un aumento di quelli fuori dalle mura, ma è un trend che si è bloccato, o comunque molto frenato, negli anni. Forse, anche per la competizione nata con il fenomeno Airbnb, Homeaway e simili. E più volte il Comune ha ricordato che quel blocco agli alberghi , funzionale a frenare luso dei palazzi per il turismo in centro, è figlio di unaltra epoca. Si vedrà.

Più difficile intervenire proprio sulluso delle abitazioni per gli affitti brevi, un fenomeno esploso soprattutto in centro storico. Nei documenti preparatori allavvio del Piano operativo, si ricorda che senza una legge nazionale, molti degli interventi della città si trasformano in armi spuntate. Ed anche luso delle case, formalmente per residenti, come Airbnb è quasi impossibile da fermare, se non cambia la legge regionale (o se non va in porto la battaglia lanciata con Bologna e le altre città europee contro Airbnb).

Ora parte la fase di partecipazione, da febbraio, per circa 6 mesi. Con non solo il coinvolgimento di attori istituzionali ma anche dei cittadini, e in fine dei town meeting per discutere dei risultati intermedi. Ma uno dei dati fondamentali tra le prime analisi del Piano operativo, è che si fa fatica a pensare a Firenze dentro i confini amministrativi, dal punto di vista dello sviluppo, della residenza, delle infrastrutture. E forse, in vista del prossimo Piano operativo del 2025, sarebbe già il caso di cominciare a lavorare su strumenti che facciano condividere le scelte urbanistiche almeno tra i Comuni dellhinterland, un po come è stato fatto sulle infrastrutture. Ma per fare quello è necessaria una nuova legge regionale.



news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news