LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, morto lex ministro Antoniozzi. Nel 1978 realizzò il primo censimento del patrimonio statale
Agcult 27/12/2019

E deceduto il giorno di Natale, alletà di 96 anni, Dario Antoniozzi, deputato, sottosegretario, ministro ed europarlamentare di lungo corso della Democrazia Cristiana e del Partito popolare, dal 1953 agli anni Ottanta.

Nato a Rieti nel 1923, venne chiamato da Giulio Andreotti a reggere nel suo terzo governo (30 luglio 1976 -13 marzo 1978) il dicastero del Turismo e dello spettacolo. Fu poi ministro dei Beni culturali e ambientali nel quarto (13 marzo 1978-21 marzo 1979) e quinto governo (21 marzo-5 agosto 1979) Andreotti.

"Quando ero sottosegretario ai Beni culturali non mi ha fatto mai mancare i suoi consigli da prestigioso ex ministro della Cultura e del turismo. Lo ricorda così il senatore Francesco Giro (FI).

Proprio nella veste di ministro dei Beni culturali, Antoniozzi nel novembre 1978 portò a termine unindagine, iniziata diversi mesi prima, relativa alla consistenza delle opere d'arte di proprietà dello Stato e delle strutture destinate alla loro conservazione. Una sorta di inventario dei tesori artistici, ma anche un primo censimento complessivo della situazione dei beni culturali in Italia.

E interessante riportare alcuni dati dellindagine Antoniozzi per avere un quadro dello stato di salute del nostro patrimonio culturale di 41 anni fa. Gli oggetti d'interesse artistico e culturale (reperti archeologici, quadri, sculture, ceramiche, arazzi, armi, monete ecc.) di proprietà dello Stato sono più di 4 milioni e mezzo riferì il ministro -. Quelli già catalogati sono più di un milione; gli altri lo saranno nei prossimi anni. Circa 3 milioni e 600 mila oggetti sono ancora conservati in deposito; gli altri sono già esposti in sale chiuse e aperte.

I musei di Stato sono 142; delle loro sale (3435), 1985 sono aperte al pubblico, mentre le restanti 1450 sono ancora chiuse per restauro o per mancanza di personale. Nelle 46 biblioteche di Stato sono conservati 22 milioni e 700 mila documenti, e cioè 13 milioni di volumi, 6 milioni 800.000 opuscoli, 300 mila periodici, 950 mila manoscritti, 36 mila incunaboli, 270 mila cinquecentine. I posti di lettura sono 6700 e vengono utilizzati da 2 milioni e 700 mila persone l'anno, che effettuano più di 4 milioni di consultazioni.

Il personale addetto è costituito da 1800 impiegati. Circa 800 persone hanno invece cura degli archivi di Stato, distribuiti in 95 istituti diversi. In queste scaffalature (916 mila metri) sono raccolti 7 milioni e 900 mila cartelle, con decine o centinaia di documenti per ciascuna, e un milione e 350 mila pergamene. Piuttosto scarsi i frequentatori, per le note difficoltà di varia natura che ancora oggi incontra chi vuole accedere a certi carteggi: solo 27 mila l'anno, per un totale di 204 mila consultazioni. E ancora: Dei 142 musei solo 45 sono dotati di dispositivi antifurto e solo 25 di apparati antincendio; delle biblioteche solo 11 possiedono dispositivi antifurto e solo 18 quelli antincendio; dei 95 centri dell'archivio di Stato solo 6 possiedono l'antifurto e solo 51 l'antincendio.

Non poteva mancare una riflessione sui numeri relativi al personale, anche perché è rimbalzato spesso sui giornali il disappunto dei turisti, italiani e stranieri, davanti ai musei chiusi per carenza di sorveglianti, scrisse La Stampa che sottolineò come le garanzie date dal ministro Antoniozzi sono però incoraggianti. Infatti, il Cipe aveva già stabilito che nel triennio '77-'79 ben 48 miliardi fossero destinati all'assunzione di 7500 unità, e parte di questo piano è già stato attuato. Rispetto al '74 l'organico del personale ha subito un incremento del 60 per cento, passando da 8800 a 13.500 unità. E attraverso i 63 concorsi già in corso e a quelli di prossimo bando si arriverà a 20 mila unità nel dicembre 1979.

Anche dal programma di conservazione dei beni culturali e dell'ambiente sta quindi arrivando un'apertura occupazionale per i giovani commentò il quotidiano torinese -. Le esperienze fatte fino a oggi sono incoraggianti: i giovani inseriti nelle dipendenze periferiche hanno dato ottimi risultati, per sensibilità e per impegno, in un'opera che protegge e mantiene le testimonianze di almeno 5 millenni di attività umana nel nostro Paese.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news