LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Trento. Precari del Muse, Bisesti al lavoro. Entro 9 mesi norma risolutiva
Annalia Dongilli
Corriere del Trentino 28/12/2019

Sono 90 i lavoratori in crisi. Lassessore: il bando scade, vedremo se farne uno nuovo

TRENTO. Non sarà immediata ma entro la fine dellanno che si sta per aprire la Provincia varerà una soluzione per i circa 90 collaboratori del Muse che nei mesi scorsi, attraverso i sindacati, hanno protestato per le cattive condizioni in cui devono lavorare. Ad annunciarlo è lassessore alla cultura Mirko Bisesti, che rispondendo a uninterrogazione di Alessio Manica, consigliere provinciale del Pd, afferma di star valutando i possibili interventi normativi da proporre, compatibilmente con le risorse finanziarie, nel 2020.

Nel mirino dei sindacati era finito il bando che aveva esternalizzato una serie di servizi, dal ticket office alle attività educative alle guide, e con cui erano state selezionate una novantina di persone. Orari impossibili, flessibilità eccessiva, scarso riconoscimento delle mansioni svolte e part time imposti erano le problematiche denunciate dai lavoratori, molti dei quali in autunno avevano minacciato di stracciare il contratto. La Provincia, assicura Bisesti, si è presa a cuore la faccenda.

Ovviamente spiega lassessore non si tratta di dipendenti degli enti strumentali che abbiamo stabilito, dallo scorso gennaio, di trasferire alla Provincia. Sono servizi esternalizzati per i quali sono state chiamate a lavorare più di 80 persone tramite un bando. Il bando scade dopo la metà del 2020 e stiamo vagliando le varie soluzioni da adottare in seguito a questa data. Lesponente dellesecutivo non vuole rivelare la ricetta che verrà adottata, anche perché sono temi molto delicati e finché non vi è certezza non voglio dire nulla. Di certo ce ne stiamo occupando e ho avuto due riunioni con gli uffici proprio su questo tema anche la scorsa settimana.

Manica nella sua interrogazione citava la lettera di una collaboratrice costretta a licenziarsi dopo 13 anni nonostante la passione profonda per il proprio lavoro fosse intatta, a causa dellimpossibilità di conciliare il lavoro con la vita privata e famigliare e per la scarsa considerazione in cui il suo impegno era tenuto. Una posizione che strideva, secondo il consigliere dellopposizione, con i numeri di successo e le proposte virtuose del museo, fiore allocchiello del panorama culturale trentino. Lassessore, nella risposta a Manica, garantisce comunque che non ci sono contatti con lAgenzia del Lavoro. Ora si tratta di capire quale sarà la strada normativa che Piazza Dante intenderà percorrere. Le possibilità? Proseguire con il percorso in atto introducendo delle modifiche, cambiare il bando o farne uno nuovo con altre caratteristiche risponde Bisesti.

Ma il numero di posti di lavoro, quindi gli 80-90 in ballo, sarà mantenuto? È nostra intenzione continua lassessore operare in difesa dei lavoratori. Come questo si traduca concretamente è presto per dirlo. Bisesti si spiega: Se per garantire un orario dignitoso a 80 persone devo sacrificare due posizioni può essere una pista da seguire. Insomma, lattenzione è alta ma per avere la soluzione definitiva bisognerà attendere ancora alcuni mesi.



news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news