LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Salvare Firenze da Airbnb. Due proposte e un decalogo
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 28/12/2019

Nuove norme sugli alloggi. Unofferta web solo regolare. Città turistiche, una legge ad hoc- Per i residenti incentivi e non solo

Progetto Firenze, Cgil e Sunia: portale etico e legge per separare le case vere da quelle per turisti

Persa la battaglia in Europa con Airbnb, alla Corte di giustizia europea, cè chi lancia una guerra asimmetrica per evitare che gli effetti negativi del boom degli affitti brevi turistici prenotati online snaturino le nostre città. Dopo una serie di incontri pubblici, ai quali hanno invitato anche tutte le amministrazioni coinvolte (da Palazzo Vecchio alla Regione), è nata una alleanza tra Cgil, Sunia e Progetto Firenze per chiedere di fare presto. Ma soprattutto di fare qualcosa: partendo dalla legge regionale sullurbanistica e da una piattaforma etica autogestita dai Comuni.
La sconfitta

La Corte di giustizia europea su Parigi ha sentenziato che Airbnb (e quindi anche le altre piattaforme web di affitti turistici) è solo un sito di intermediazione online. E così, molti degli strumenti messi in piedi in diverse città europee per arginare il fenomeno rischiano di saltare. È il timore che il Patto delle città che si ritroverà a febbraio a Bruxelles (da Parigi a Barcellona fino alle italiane Firenze e Bologna) avevano: ed è per questo che chiederanno una legge contro lovertourism da Airbnb alla nuova Commissione Europea. Ma nel frattempo, non si può stare fermi, dicono Progetto Firenze, Sunia e Cgil. Per lassociazione Progetto Firenze finché lUnione europea non provvederà a modificare le attuali norme, cosa non facile né rapida, per proteggere le città dalla dilagante diffusione degli affitti brevi occorre cambiare strategia e agire su più fronti. In Italia, in particolare, oltre a proseguire il lavoro di confronto con Parlamento e Commissione Ue aperto dal network di città europee che ha visto recentemente schierarsi anche Firenze e Bologna, abbiamo urgente bisogno di recuperare alle amministrazioni locali strumenti di azione ora limitati.
Il primo strumento

La prima proposta è quella di modificare la legislazione urbanistica, regionale e comunale. Ora la classificazione di abitazione è generica, talmente generica che si può chiedere di fare i lavori per fare una casa e usarla come Airbnb. La norma infatti mette insieme abitazioni singole permanenti e temporanee, alloggi volano, case appartamenti vacanza, bed & breakfast, affittacamere, residenze storiche Ed è così anche nel Regolamento urbanistico fiorentino. Per questo motivo dice lassociazione a Firenze passi avanti significativi in questo senso potrebbero essere fatti se Comune e Regione agissero di concerto per arrivare a una distinzione univoca tra residenza abitativa permanente e altre forme di residenzialità temporanea (case vacanze, b&b, locazioni brevi, studentati ecc.).

Dividere le tipologie consentirebbe di porre le locazioni turistiche professionali in una categoria differente dal residenziale, sottoporrebbe i gestori allobbligo di chiedere il cambio di destinazione duso per gli immobili sede di tali attività. Un obbligo formale che darebbe al Comune ogni tipo di potere di verifica e, usando le previsioni urbanistiche, calmierare la densità di attività ricettive in specifiche zone della città oltre che di applicare le giuste tasse (Imu e Tari). E anche gli oneri condominiali sarebbero più equi.
La grande sfida

La seconda proposta è quella di sottrarre alle piattaforme digitali private il controllo totale del mercato della ricezione turistica. Cioè farsene una propria. Una sfida difficile, ma possibile, visto che la promozione turistica ora è prevista e finanziata (con 9 milioni di euro lanno) dalla Regione. Per reggere il confronto con gli over the top, i big del settore, ci sono solo due strade: sfruttare la risonanza mondiale del proprio brand turistico per introdurre e promuovere nel mercato una propria piattaforma digitale in cui tutte le attività di locazione e ricezione turistica presenti nel territorio possano connettersi e ricevere prenotazioni, recensioni e certificazione etica di rispetto delle normative locali. Cioè si promuove chi si iscrive e garantisce un rapporto con la città, con i commercianti, una visita autentica. E in cambio, dare transazioni gratuite a chi affitta, facendogli risparmiare molto: ora quelle delle varie piattaforme possono arrivare fino al 30%.
Non si può aspettare

La capacità di rendita delle case usate per gli affitti brevi turisti è enorme, ricorda Laura Grandi del Sunia, e si sta espandendo in tutta la città: Nel solo mese di dicembre sono venuti da noi 27 famiglie che hanno ricevuto disdetta dai proprietari, a scadenza di contratto. E pagavano tutti affitti di livello alto. Disdette, perché i proprietari volevano tutti farne Aribnb: Molti di queste case non sono manco più in centro. Un intero palazzo in via Baracca si è ormai svuotato di inquilini per essere trasformato in Airbnb. Abbiamo segnalazioni in via del Pignoncino, zona via Bronzino, dove cè fervore di affitti turistici.

Sunia e Cgil poi hanno proposto molto altro: un decalogo completo, che va dallaumento delledilizia popolare alle agevolazioni per i residenti che cercano di restare in centro, a nuovi poteri ai Comuni per limitare laccesso alla città ad alcuni mezzi fino ad una legge speciale per le città ad alta tensione turistica ed unaltra che chiarisca bene chi fa impresa con le case date in affitto. Ma, come ha ricordato la segretaria Cgil Paola Galgani in uno dei convegni dedicati allargomento, limportante è non restare fermi.



news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news