LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dubbi sull’Agenzia del Mose e pressing sulle crociere. Lettera a Musolino sulle aree
A. Zo.
Corriere del Veneto 31/12/2019

Ca’ Farsetti: ripartire da Marghera. Il nodo dei poteri

Mestre. La liquida freddamente come l’ennesimo soggetto in campo sul Mose: «Ora sento che si parla di una Agenzia, a volte pare che si rilancia sempre la palla in avanti», dice il sindaco Luigi Brugnaro di fronte all’annuncio del sottosegretario Andrea Martella, che porterà il documento di indirizzo al prossimo Comitatone. Mentre sulle grandi navi ribadisce che il Comune ha fatto «i compiti per casa» ormai due anni fa, quando si arrivò al voto su Marghera per le navi più grandi e lo scavo del Vittorio Emanuele per quelle medie, da portare all’attuale Marittima. «Poi c’è stata la disgrazia di quel ministro (Danilo Toninelli, ndr ) che veniva a vedere la città in elicottero e ha bloccato tutto - attacca Brugnaro - Ora speriamo di ripartire, perché quando vai in giro per il mondo prima ancora della città ti chiedono perché non spostiamo le navi da crociera». E usa una metafora sportiva: «Faremo pressione, ma senza fare fallo».

Perché il punto di partenza è che il Comune non ha competenze su questi temi. «Mi piacerebbe dire che è colpa mia, ma non ho deleghe - continua il sindaco - C’era una legge che ce li dava e l’aveva firmata proprio Martella e gliene ho chiesto conto». Per ora però sul Mose il sindaco ha ottenuto il risultato di creare una cabina di regia in cui chi sta realizzando le dighe condivida le informazioni con le altre istituzioni: la prima riunione si terrà il 7 gennaio. «Non vogliamo poteri, ci sono già i commissari, l’architetto Spitz e i tre del Consorzio Venezia Nuova - dice Brugnaro - Però vogliamo trasparenza. La sera del 23 dicembre il prefetto mi ha detto che il Mose sarebbe stato alzato a Treporti e mi ero già organizzato per andare a vedere, poi alle 5 ho saputo che non si era fatto nulla: non si può tenere il sindaco al di fuori di queste informazioni». Quel che è certo è che anche per Brugnaro il Mose ora non si può alzare per difendere la città dall’acqua alta: «C’è un solo compressore, me l’hanno spiegato i tecnici».

Il sindaco ribadisce che se una cosa positiva c’è stata nel disastro del 12 novembre, con l’acqua alta a 187 centimetri, è stato di riportare Venezia sotto i riflettori del governo. «Ho chiesto 150 milioni non così, a caso, ma per salvare la città - aggiunge - d’altra parte a Milano hanno dato miliardi per l’Expo». E la legge di bilancio ha portato anche la Zls (zone logistiche semplificate), anche se proprio ieri Ca’ Farsetti ha inviato all’Autorità di sistema portuale la bozza di accordo, sottolineando un rischio. «Quello di far diventare tutta Marghera un porto e un retroporto, dimenticandosi che ci sono anche le industrie - spiega Brugnaro - non possiamo pensare che l’Eni, per fare un esempio, se vuole fare degli investimenti, debba dichiarare che sono collegati con il porto». L’ultimo accenno è l’ennesimo accorato appello allo scavo dei canali: «Mente chi dice che si danneggia l’ambiente - si infervora - Noi non vogliamo allargarli, ma solo togliere sporco e sedimenti. Per questo abbiamo votato in Salvaguardia per il rialzo dell’isola delle Tresse».



news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news