LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Beni Culturali, torna il tesoretto del gioco del Lotto
Antonello Cherchi
Sole24ore, 02/01/2020

Il meccanismo escogitato da Veltroni ministro del primo governo Prodi è di nuovo attuale: la Manovra mette sul piatto una dote di 23 milioni per il 2021 e 33 per gli anni successivi



Quanto valgono i musei italiani?

La dea bendata aiuta la cultura. La Manovra appena approvata mette a disposizione della tutela e valorizzazione del patrimonio una dote (23 milioni di euro per il 2021 e 33 per ciascuno degli anni dal 2022 al 2035) che arriverà dalle giocate del Lotto. Il meccanismo non è nuovo. Fu, infatti, introdotto nel 1996 dalla legge 662 (lallora Finanziaria), che aveva previsto fino a 300 miliardi di lire lanno, raccogliendoli attraverso nuove giocate infrasettimanali. Poi, pian piano, quelle risorse si erano assottigliate.

Il calo delle risorse
Il calo è evidente, in particolare, negli ultimi quindici anni. Nel 2004, infatti, dalle giocate del Lotto continuano ad arrivare oltre 134 milioni di euro, che diventano 154 nel 2005 e 2006. Seppure a quel punto la lira è andata in archivio, si è, comunque, sui valori limite massimi indicati nel 1996. E grazie a quelle risorse vengono portati avanti progetti di restauro e di valorizzazione di beni culturali. Dal 2007 inizia la discesa. I fondi del Lotto si assottigliano e diminuiscono sempre di più con lingresso del Paese nella crisi economica. La necessità di reperire risorse e il diktat della spending review limano progressivamente i fondi del Lotto per la cultura, fino ai poco più di 22 milioni del 2014. Da quel momento, le minori risorse che il gioco continua a far affluire ai Beni culturali vengono utilizzate non più per i restauri, ma per la copertura dei contratti del personale di Ales Spa, la società in house del ministero.

Le differenze con la norma del 1996
Il legislatore ha avuto buon gioco nelloperare il taglio, perché la norma del 1996 non aveva previsto una quota precisa di incassi delle estrazioni da girare a musei, archivi e monumenti. Aveva più genericamente stabilito che una quota degli utili derivante dalla nuova estrazione del gioco del Lotto, non superiore a 300 miliardi di lire, venisse utilizzata per il recupero e la conservazione dei beni culturali, archeologici, storici, artistici, archivistici e librari, nonché per interventi di restauro paesaggistico e per attività culturali. Dunque, era possibile rimodulare anno per anno la parte di risorse da trasferire dal gioco alla cultura.
Il trend della programmazione delle risorse del Lotto destinate alla cultura negli anni 2004-2014. Mln di euro (Nota: dal 2014, a causa dell'esiguità delle somme disponibili, le risorse non sono state più programmate, ma utilizzate per la copertura dei contratti di Ales Spa, la società in house dei Beni culturali)

Levoluzione del meccanismo
E così il meccanismo ideato da Walter Veltroni quando era ministro dei Beni culturali - sulla scorta di quanto già si faceva in altri Paesi, per esempio in Gran Bretagna, dove la lotteria aiuta anche i beni culturali - è stato via via ridimensionato. Il rubinetto dei soldi del gioco ha iniziato a riaprirsi qualche anno dopo, quando la legge 208 del 2015 (la legge di Stabilità) ha assegnato 10 milioni a partire dal 2016 alla cultura, prelevandoli sempre dalle estrazioni del Lotto. Un altro piccolo incremento è arrivato questanno con il decreto legge 59, che ha aggiunto 19,4 milioni di euro per il 2019 e altrettanti per il 2020 alle risorse che il gioco destina alla cultura. Fondi che dal 2021, grazie allultima manovra, cresceranno ancora.

Lavvento del Fondo tutela del patrimonio
Le previsioni della norma del 1996 restano ancora lontane, ma cè da registrare uninversione di tendenza. Allo stesso tempo, va ricordato che alla diminuzione degli aiuti del Lotto è corrisposto negli ultimi anni un maggior stanziamento in favore della cultura in altri capitoli di spesa. Per esempio, nel 2016 è stato istituito il fondo tutela del patrimonio con 100 milioni di dote, cifra che è stata rifinanziata anche per il 2020. Cè poi il piano strategico Grandi progetti culturali, nato nel 2014 con cinque milioni di euro e che nel 2020 e 2021 potrà contare su oltre 55 milioni per ciascun anno. E ci sono i vari fondi di investimento, che per il 2020 stanziano 170 milioni.

Gli altri canali di finanziamento
Le politiche culturali, insomma, non si affidano solo alla fortuna. E che dopo anni di tagli il trend sia stato invertito lo dimostrano non solo le maggiori risorse provenienti dal Lotto, ma anche gli altri stanziamenti contenuti sempre nella manovra. Per esempio, i 10 milioni in più destinati al Fondo unico per lo spettacolo (Fus), il fondo di due milioni a partire dal 2020 per il funzionamento dei piccoli musei, i 75 milioni aggiunti alla dotazione del fondo cinema per permettere lagevolazione fiscale a chi viene a girare film in Italia.

E ancora, lo stanziamento di un milione per ciascuno degli anni 2020-2022 a favore dei carnevali storici, il milione e mezzo in più che lo Stato darà dal 2020 alla Triennale di Milano, gli 800mila euro su cui potranno contare dal 2020 i festival del cinema italiano allestero per promuovere limmagine del nostro Paese. Stesso obiettivo viene perseguito con lo stanziamento di 500mila euro dal 2020 per il funzionamento dei teatri di proprietà dello Stato allestero.

Cè, però, anche un segno meno: è quello del bonus cultura, rifinanziato per il 2020 con 160 milioni. Originariamente nel 2019 ne erano stati previsti 240 (anche se poi erano stati portati a 140). Il minor stanziamento costerà, molto probabilmente, un assegno più misero a chi compirà 18 anni nel 2020: da 500 a 300 euro.

https://www.ilsole24ore.com/art/beni-culturali-torna-tesoretto-gioco-lotto-ACtkaB8?refresh_ce=1


news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news